Digital ages

L'era digitale, i social network e il mondo dell'anima

back to home pdf share

Qual è il nostro rapporto con la conoscenza, in un'umanità in rapido cambiamento in cui la tecnologia digitale sta prendendo un posto sempre più importante? Quali saranno i nuovi modi di pensare il mondo? Chi è questo post-umano che sta arrivando? Quali saranno i suoi nuovi stati di coscienza?

Come costruire la società di domani, una società basata sul libero accesso alla conoscenza, alla condivisione, alle comunità e alla co-evoluzione? Le macchine intelligenti che sono al nostro fianco hanno un ruolo da svolgere in questa società di domani? Cos'è questo ecosistema del futuro in cui le coscienze umane si evolvono con le coscienze informatiche? E qual è il posto della nostra stessa coscienza di fronte a macchine che possono già calcolare, memorizzare e trarre conclusioni più velocemente e più accuratamente degli esseri umani?

Chi sono le persone che tirano le fila e raccolgono i benefici di queste nuove tecnologie? Chi sono questi uomini e queste donne che, dalla California, sognano di creare nuovi uomini, una trans-umanità digitale, di allestire aziende di Google su Marte, o di eliminare per sempre la solitudine e la noia, come Reed Hasting, il responsabile della piattaforma Netflix? Chi sono questi uomini per i quali il pensiero umano è solo un altro algoritmo? In futuro, il trans-umano sarà, come prevedono, insensibile alle malattie, eternamente giovane, con un perfetto controllo delle proprie emozioni, stati d'animo e pensieri? Si può parlare di manipolazione del pensiero su scala globale? Quale filosofia guida questi scienziati della globalizzazione?

Fin dalla nostra infanzia, molti di noi hanno trascorso diverse ore al giorno dietro uno schermo, dalla scuola primaria alle nostre attività professionali. È questa la vita reale, quella che trascorriamo dietro uno schermo, o sono gli schermi che sono necessari per la vita di oggi? Qual è il ruolo dell'istruzione e dei nuovi sistemi educativi che tengano conto della dimensione digitale in una società in cui l'uso del computer, del telefono cellulare e delle reti digitali è diventato indispensabile per la maggior parte delle professioni?

In realtà, anche i progressi nell'intelligenza artificiale, nel controllo delle emozioni, dei pensieri e della coscienza e nel rendere disponibile la conoscenza con un clic di un pulsante comportano dei pericoli.

Questo è ben noto ai progettisti di sistemi informatici della Silicon Valley, che proteggono i propri figli dall'influenza dei social network e dall'uso eccessivo dei cellulari. Perché Bill Gates, Steve Jobs, Jeff Bezos e il principe William hanno deciso di tenere i propri figli lontani da questi dispositivi?

Non stiamo assistendo ora allo sviluppo di un nuovo tipo di solitudine, la solitudine digitale delle relazioni sociali illusorie e dei falsi amici? Avere amici sui social media è diventato così importante per le nuove generazioni che molti sono disposti a pagare per questo, fino al punto di affittare amici per uscire con loro, come propone una società commerciale in Giappone. Gli ingegneri che creano queste relazioni umane artificiali nei giganteschi programmi di Facebook sono ben consapevoli dei meccanismi che influenzano la coscienza umana.

Il premio Nobel per l'economia 2017 è stato assegnato a Richard Thaler per il suo lavoro sul comportamento. Questo professore americano dell'Università di Chicago ha mostrato come le caratteristiche umane “influenzino le decisioni individuali e gli orientamenti di mercato”. Nel suo lavoro, spiega come il pensiero orientato alla forma semplifichi il processo decisionale creando categorie separate e concentrandosi su ogni singola decisione piuttosto che su una decisione complessiva. Questi sono gli stessi principi che vengono applicati nelle aree di Internet e dei social network. In modo molto consapevole e scientifico, il processo decisionale su Internet è pianificato in anticipo da sofisticati algoritmi. La consapevolezza globale, le visioni in cui la coscienza contempla l'idea invisibile dietro le forme manifestate, vengono sistematicamente scartate dagli algoritmi di Internet e delle reti digitali. Non è quindi legittimo parlare di manipolazione della coscienza? Non potremmo chiederci chi sono questi scienziati della globalizzazione di Internet e quali sono i loro progetti segreti?

Chi sono le poche centinaia di persone geniali della Silicon Valley che decidono i processi mentali di miliardi di persone? Chi sono queste poche personalità che mantengono uno stato di dipendenza di un'intera parte dell'umanità? Chi sono quelli che scartano la visione del tutto per focalizzare la coscienza su una parte non importante? Alcuni geni pentiti di Google o Facebook, come Tristan Harris o l'ex sviluppatore di Facebook, Justin Rosenstein, stanno alzando la voce per spiegarlo. Stanno prendendo una posizione pubblica contro la manipolazione dei cervelli basata su un'economia dell'attenzione. Spiegano perché la coscienza odierna sta gradualmente perdendo il potere di concentrarsi su un'idea. Rilasciano interviste in cui consigliano di disconnettersi dalle reti digitali e forniscono metodi per sfuggire alla crescente influenza dei mondi virtuali. Per loro non si tratta tanto di trasformare gli esseri umani quanto di manipolarli a beneficio di pochi privilegiati. Hanno capito che, se lasciamo fare agli ingegneri della Silicon Valley, il trans-umanesimo e la coscienza superiore di domani non saranno per tutti, ma solo per pochi privilegiati.

Come diceva Goethe nel XIX secolo, una persona sola non aiuta. Ciò che aiuta è la persona che si unisce agli altri al momento giusto. Ma con le tecnologie di Internet e dei social network, non è la persona che si connette con gli altri, e non è l'essere umano che sceglie quando entrare in relazione. La scelta è fatta da una rete di algoritmi gestiti da ingegneri e scienziati. Sono questi programmi che preparano in anticipo le connessioni tra gli esseri umani. E questo porta a un'illusione globale: tutti sono circondati da una cerchia di persone che “sentono”, “gradiscono” e “capiscono” ciò che dicono o fanno. Ma c'è una sfumatura, ed è significativa. Questo cerchio non è reale. È stato creato dal nulla, con l'obiettivo di aumentare i profitti riducendo la capacità di attenzione di tutti e stimolando gli acquisti e il consumo. Non è una comunità autentica, è un circolo di illusioni e specchi deformanti. Al centro, l'individuo reale rimane sempre più isolato.

La situazione oggi è davvero così disperata? Torniamo indietro di qualche anno...

La comunicazione digitale si è sviluppata in tre fasi principali:

1. Negli anni dal 1950 al 1970, la comunicazione avveniva in modalità monologo, ad esempio tramite radio, televisione o conferenze. Solo una persona parlava e gli altri ascoltavano. In questa fase, la manipolazione della coscienza era più difficile, perché parlava una persona alla volta.

2. Negli anni dal 1980 al 2000, la comunicazione si è spostata sul dialogo e l'oratore scambiava informazioni direttamente con gli ascoltatori. Questo fu l'inizio dell'uso di Internet con lo sviluppo della blogosfera.

3. Dal 2001, questo dialogo ha assunto la forma di una modalità comunitaria e di condivisione. Tutti scambiano con tutti gli altri. Un social network come Twitter è come una grande stanza in cui tutti parlano allo stesso tempo e il più forte possibile. È diventato più importante gridare ad alta voce che condividere informazioni reali. Ciò significa che oggi non sono i fatti che contano, sono le reti. Più l’informazione è condivisa in rete, più acquisisce una parvenza di veridicità. Più un post viene ritrasmesso su un social network, più diventa importante.

Domani, l'umanità digitale potrebbe entrare in una quarta fase, quella in cui la verità non avrà più importanza. A Joseph Goebbels, ministro della propaganda del Terzo Reich, viene attribuita la frase “una bugia ripetuta mille volte diventa verità”. La sua azione è stata così efficace che i suoi metodi di manipolazione della coscienza sono stati adottati da coloro che vogliono far accettare a tutti l'inaccettabile per sostenere gli interessi di pochi. Oggi chi programma gli algoritmi delle grandi reti digitali sa che basta controllare e influenzare gli scambi su Internet per costruire una pseudo “verità”.

Quando la loro azione si estende ai sistemi educativi che trasmettono valori e ideologie, diventa capace di trasformare l'intera umanità. È quanto sta accadendo in Francia a partire dalle leggi sull'educazione digitale dell'8 luglio 2013, che mirano a portare le scuole nell'era di Internet integrando spazi di lavoro digitali dalla scuola primaria in poi.

I genitori e gli insegnanti devono ora confrontarsi con queste decisioni politiche che promuovono l'integrazione delle tecnologie informatiche nella cura della prima infanzia, nelle scuole materne e nelle scuole primarie. Sappiamo davvero come queste tecnologie influenzino l'orientamento del bambino nello spazio, nel tempo e nel mondo analogico, e come influenzino lo sviluppo dell'empatia e delle abilità sociali cruciali? No, non lo sappiamo, perché gli studi esistenti sono stati commissionati dalle stesse persone che vendono queste tecnologie.

Questo è probabilmente il motivo per cui diversi sistemi educativi alternativi, ad esempio le scuole Montessori o Waldorf-Steiner, mettono in guardia contro l'uso indiscriminato delle tecnologie digitali nelle scuole. Nella pedagogia Montessori, ai bambini viene insegnato a calcolare con oggetti reali come “barre numeriche” rosse e blu. Per il medico austriaco Rudolf Steiner, il grande pericolo del futuro sarà l'automazione del pensiero. Per lui, l'uomo occidentale corre un rischio gigantesco, il rischio che in futuro il suo pensiero diventi totalmente morto, meccanico e automatico. Già nel 1905 descrisse le conseguenze di questi sviluppi quando disse che in futuro la manipolazione delle masse sarebbe stata fatta dalla manipolazione delle comunità, perché il vero pensiero non è individuale, ma deve essere sempre un pensiero vivo in una comunità di individui. Pensieri, emozioni e azioni si manifestano sempre in completa unità. Perché, in realtà, l'anima di ogni individuo può solo sviluppare le sue qualità intrinseche di empatia ed equilibrio in interrelazione con un cerchio completo di anime secondo le dimensioni spirituali, emotive e fisiche.

Allora, come ristabilire la connessione con il mondo dell'anima? Attraverso il rapporto che ognuno di noi ha con tutti coloro che ci circondano e riflettono la luce della nostra anima. Poi, lentamente, crescerà nei nostri cuori una certezza interiore, la fede in un autentico cambiamento interiore.

back to home pdf share