red or blue pil

L'esperienza oggettiva è possibile?

back to home pdf share

Ironia della sorte, spesso assumiamo che gli altri condividano la nostra stessa prospettiva. Che questo non sia chiaramente il caso diventa ovvio quando le nostre interazioni con gli altri sfociano in disaccordi, discussioni o persino conflitti. È davvero così difficile vedere le cose dal punto di vista degli altri? O la disarmonia nelle nostre relazioni è inevitabile?

Queste sono domande pertinenti, se desideriamo la pace o semplicemente per sfuggire alle disarmonie. Lo stesso enigma sorge quando proviamo a sperimentare qualcosa come farebbero gli altri, o ci mettiamo nei panni di un altro nel tentativo di capire perché si comporta e reagisce in modo diverso da noi. Allora sarebbe forse un modo di vedere le cose in modo più obiettivo.

L'antropologo ed etnobiologo canadese Wade Davis ha affrontato domande simili quando ha cercato di descrivere scientificamente la religione Vudù ad Haiti. Ha documentato le sue osservazioni scientifiche sull'esperienza religiosa Vudù in “The Serpent and the Rainbow[1] e “Passage of Darkness[2].

La sua indagine sulla religione Vudù haitiana si è incentrata sull'origine degli Zombie, uno stato quasi mitico di coscienza sospesa per cui si diventa soggetti alla disciplina e al controllo di un altro. La vittima è fisicamente viva, ma non ha coscienza propria ed è completamente suscettibile alla manipolazione o al controllo da parte di altri. 

Lo scopo di questo sforzo scientifico era identificare gli ingredienti attivi segreti utilizzati nel processo di zombificazione, per comprendere se potessero essere usati per altri scopi. In tal modo, ha cercato di acquisire una comprensione genuina dei fenomeni religiosi che stava osservando. Il Vudù haitiano è una religione politeista complessa e profondamente spirituale, nata ad Haiti come sinergia delle religioni tradizionali dell'Africa occidentale e del cattolicesimo romano. Davis voleva scoprire non solo come un credente Vudù potesse diventare vulnerabile alla zombificazione, ma anche perché.

L'efficacia dei componenti biologici e biochimici delle pozioni è una parte essenziale della vita spirituale, dei rituali e della cultura dei devoti del Vudù. Davis scoprì che le droghe ingerite erano psicoattive, ma questo da solo non bastava a spiegare il fenomeno della zombificazione. Piuttosto, le convinzioni Vudù dei credenti sono un aspetto integrante dell'efficacia delle pozioni.

Il culmine dell'esperienza di Davis con le società religiose segrete Vudù è stato quando affrontò il dilemma della scienza moderna, dell'antropologia e dell'etnobiologia in particolare. A mano a mano che apprendeva di più sulla religione e partecipava alle sue pratiche e rituali, Davis raggiunse quella che era – per lui – una soglia invalicabile: il confine tra osservare e credere, tra osservazione oggettiva ed esperienza soggettiva. A questo punto, si rese conto di dover scegliere tra due opzioni inconciliabili: rimanere un osservatore esterno, il famoso antropologo che era, o lasciarsi alle spalle la sua visione del mondo e la carriera scientifica e sperimentare un’iniziazione alla religione Vudù, per diventare come un vero credente.

Mentre Davis si stava preparando per la sua iniziazione, il Consiglio dei capi della società Bizango gli diede

un serio avvertimento, una potente dichiarazione che le mie azioni avranno delle conseguenze. Completare l'iniziazione alla società Bizango [...] sarebbe un passo irrevocabile. Non sarei più stato un estraneo, libero di muovermi dove volevo. Diventerei parte di una matrice, legato agli altri membri da voti e obblighi. […] Non basterebbe documentare un insieme di principi così come percepiti dalla dirigenza Bizango; avrei dovuto osservare come si svolgevano ogni giorno nella comunità.

Davis si rese conto che era semplicemente impossibile continuare i suoi studi come osservatore obiettivo, non poteva portare a termine il suo sforzo sperimentale di…

completare la mia iniziazione alla società Bizango, non come fine a se stessa, ma solo come mezzo.

Farlo avrebbe richiesto di negare la sua formazione accademica: diventare un vero credente richiedeva qualcosa di più della semplice sospensione di ogni obiettività; richiedeva il pieno impegno nella comunità come un vero partecipante e membro, indipendentemente dai tempi o dalla possibilità di apostasia o ritrattazione delle sue esperienze e credenze Vudù. Solo così poteva essere un'esperienza davvero autentica.

Queste osservazioni ed esperienze trasmettono al cercatore su un cammino spirituale due dilemmi del tutto pertinenti. Per sperimentare un percorso spirituale o un sistema di credenze nel modo in cui lo fa chi lo sta genuinamente seguendo – cioè comprendere veramente la visione del mondo e l'esperienza di vita di un vero credente – il ricercatore non può avere in mente un piano di uscita. Per sperimentare da vero credente bisogna essere veri credenti, la propria fede deve essere viva, senza riserve, qualificazioni o limitazioni.

Inoltre, anche se ci si impegnasse con tutto il cuore a seguire il modo di vivere di un credente, lo si può sperimentare solo dalla propria prospettiva, basata sulla propria eredità karmica e sull’esperienza di vita. E il modo in cui si sperimenta un nuovo modo di vivere è inevitabilmente influenzato e dipendente dallo stato di vita precedente e dal suo accumulo di esperienze. Ciò significa che le esperienze sono uniche per ogni individuo.

Pertanto, potremmo concludere che la propria esperienza non può essere utilizzata per definire o descrivere in modo definitivo l'esperienza di vita degli altri.

Cosa significa tutto questo per il cercatore della Verità? Suggerisce che qualsiasi partecipazione a un sistema di credenze, fede o conoscenza spirituale che sia qualcosa di diverso da un'immersione sincera e genuina in esso non coglierà la sua realtà vivente. La verità non può essere trovata in nessuna dottrina o spiegazione di un percorso spirituale o di un sistema di credenze: deve essere un'esperienza vivente di esso. Perché siamo esseri viventi e sperimentiamo la verità sulla base del nostro stato di vita – nella sua interezza, nella sua onestà e anche nella sua caducità. 

Pertanto, se dovessimo intraprendere un percorso spirituale solo per esplorare se i suoi insegnamenti sono compatibili con la nostra particolare visione del mondo, non dovremmo sorprenderci se non troviamo nulla di più di ciò che già credevamo di sapere! E se ci impegniamo nella nostra esplorazione di un percorso spirituale con un piano di fuga ben nascosto, non dovremmo essere sorpresi se non lo vediamo o lo sperimentiamo nel modo in cui lo fanno i nostri “compagni” di fede.

Cercare la verità significa non presumere di possederla già e nemmeno di averne un'idea concreta o teorica. Non essere deluso se ciò che trovi ha poca somiglianza con ciò che ti aspettavi di trovare inizialmente. Solo l'apertura all'ignoto porta a profonde intuizioni nel proprio percorso di esperienza e nel proprio stato di coscienza, e questo diventa, di per sé, l'espressione vivente di quella verità.

Siamo di fronte a una dicotomia sublime. Come esseri con personalità individuale, ci rendiamo conto di non essere in grado di raggiungere la Verità da soli, mentre scopriamo che la percezione di essa differisce da un individuo all'altro. E come esseri consapevoli dell'anima, scopriamo che non è la Verità in sé che cerchiamo o troviamo, ma l'immagine di essa che portiamo in noi ed è rivelata attraverso di noi.


Bibliografia:

[1] Davis, P. W., Davis, W. (1985). The serpent and the rainbow. New York: Simon and Schuster

[2] Davis, W. (1988). Passage of darkness: the ethnobiology of the Haitian zombie. United Kingdom: University of North Carolina Press

back to home pdf share