waves

L’essere vibrante

back to home pdf share

Recentemente è sorta in me la domanda: come potrei descrivere ciò che si chiama anima?

Mi sono detta, in realtà lo so. Ho imparato che lei è la mediatrice, l'elemento di raccordo tra lo spirito e il corpo o la personalità. Che è composta da diversi fluidi. E che la cosa speciale del mio percorso spirituale è la nascita della Nuova Anima.

Strano, lo sapevo da così tanto tempo.

Ma ora che questa domanda si è spostata in primo piano nella mia coscienza, smuove il mio essere come il sussurro di una dolce brezza primaverile. Ed ecco, in risposta, mi imbatto in una frase del libro Dei Gloria Intacta, di Jan van Rijckenborgh:

Esiste inoltre un fluido vitale, un potente principio di vita, che rende unitaria la settemplice forma corporale, controlla il nostro pensiero, mantiene il nostro essere aurale all’interno di determinati limiti e adatta a una precisa scala vibratoria le forze vitali della natura che ci giungono sotto forma di eteri, rendendole assimilabili per il corpo e procurando quindi alla manifestazione materiale un certo grado di salute. Questo principio di vita è perciò la sostanza che controlla e mantiene in equilibrio ogni aspetto della manifestazione umana, vivificando e limitando in perfetto accordo con le qualità e le possibilità dell’uomo in questione. Tale principio di vita, che in tutti i suoi aspetti si presenta come "luce", non è solo una nube di forza vibratoria, ma manifesta anche una peculiare "vita" luminosa, un’anima, una struttura psichica, cosciente e intelligente. [1]

Una porta si apre in me. Sì, c'è l'essere vibrante che pervade la mia personalità e che anima la mia vita.

Non riesco a raggiungerlo, ma posso sentire la sua presenza istintivamente. Sento un ampio spazio dietro la piccola porta aperta della mia coscienza.

***

Più di ogni altra cosa nel nostro essere, l'anima è il “mezzo" che connette. Ricevere da un lato, emanare dall'altro. L'anima esprime gli impulsi “spirituali” che desiderano agire attraverso il fisico-materiale. L'anima guarda al celeste, guarda all'inferno. È il vaso che riceve ciò che emana dall'aldilà del nostro mondo materiale, mentre anima ciò che vive nel mondo materiale. 

L'anima può essere un'anima di luce, splendente, viva, pura, tenera e radiosa, espressione di “correnti di forza dell'Amore comprensivo e della Volontà spirituale”. [2]

Può anche contrarre il suo potere radiante su un unico punto energetico, oscurato e reso quasi impalpabile dalle vibrazioni più oscure che esprimono gli aspetti inferiori – soggetti alla morte – dell'essere umano.

Quando il desiderio quotidiano, la lotta per il puro, il luminoso, riempie il mio essere, quando il “morire ogni giorno” cresce, so di essere sulla mia strada.

Nessun compito nel presente può essere semplicemente aggirato o evitato perché è troppo difficile, fastidioso o irrilevante. Ogni momento della vita serve a questo divenire. Tutto è una parabola, un'impronta delle idee che hanno la loro casa nell'"immutabile".

A volte si sviluppa una tensione e una lotta interiori: le energie più pesanti e terrene dell'egocentrismo e della mortalità attive nell'anima resistono agli impulsi trasformanti e superiori di un Amore spirituale. Ma può anche essere che una realizzazione cortese e gentile apra l'anima a questi impulsi spirituali superiori. 

In questa lotta, l'“Angelo del Sole” [3] si risveglia e l'anima luminosa rifiorisce. Comincia a respirare, la sua luce interiore si eleva con desiderio, viene accolta e assorbita dal "celeste". Gli elementi terreni perdono gradualmente il loro potere.

***

Percepisco che le azioni della mia personalità non dovrebbero evitare questa lotta. Il dolore è troppo grande quando la luce dell'anima svanisce, perché accendo i miei desideri, osservo ansioso le circostanze della mia vita, o sono catturato dai miei sensi, e permetto alle loro voci di riempire il mio essere e soffocare ciò che è importante. Sperimento allora un grande vuoto interiore, un silenzio cupo, e la melodia interiore scintillante della gioia è scomparsa.

Perché “l'Angelo del Sole” porta uno splendore speciale nella mia vita: l'amore.

Tutto diventa semplice quando libero la mia immaginazione, le mie idee, la mia volontà egoica. E ascolto semplicemente in silenzio, in devozione. “Signore, cosa vuoi che io faccia?”

Poi “l’Angelo del Sole” chiama. Delicatamente e con calma. All'inizio in immagini semplici. A volte la mattina presto mi alzo e apro la finestra. Sento gli uccelli cantare come un inno di lode al risveglio dell'alba della vita. Il suono ritmico delle voci si fonde nell'etere, fluttuando come una nuvola di ringraziamento. Ascolto.

Chiudo di nuovo la finestra e mi siedo – il silenzio mattutino mi circonda. Qualcosa in me cresce, si espande, ascolta, sente. A volte mi immergo nell'atmosfera più intima della comunità spirituale a cui appartengo, in ciò che arde al suo interno. Qualcosa in me percepisce con gratitudine, purezza e potenza, la vibrante chiarezza che mi mostra dove conduce il sentiero dell'essere umano, come può essere percorso.

A volte sento cosa c'è oltre la morte. Il muro divisorio diventa più permeabile. Sì, c'è spazio dietro la morte.

A volte il turbamento che un giorno “io” non ci sarò più, svanisce. Ed è una buona cosa; ne sono confortato perché c'è qualcos'altro.

Le parole che leggo all'improvviso dispiegano degli spazi dentro di me, qualcosa di me entra in loro, tutto nella mia vita si inserisce in un'unica grande immagine che può essere guardata – ed è bello.

A volte mi sento molto vicino agli altri.

***

L'anima può connettersi a campi energetici molto diversi; può immergersi in essi, attingere da essi. Molte persone lo sentono in questo momento. Sperimentano una sorta di mandato interiore e un profondo desiderio di dare spazio all'anima, di reagire ai suoi impulsi, di riflettere questo sia in se stessi sia come umanità – un'anima aperta, connessa, che può riscaldare il tutto.

Non si tratta semplicemente di sentirsi “bene”, ma di dare voce all'intuizione che attraverso l'anima piena di luce è possibile la connessione con il più alto, con la Verità, con lo spirituale eterno. Quella Verità e il significato della vita si manifestano in questa connessione – per me, per te, per gli animali, gli alberi, le montagne, il vento e il mare.

È bello sentire i campi energetici in cui sono immerso: offrono il potere dello spirito per questo dispiegamento della coscienza.

Perché è solo in questo ardente spazio di luce che "l'Angelo del Sole" dispiega le sue ali con tutta la sua forza.

***

Non siamo noi esseri umani che cerchiamo lo spirituale, il divino – no, siamo noi ad essere cercati, desiderati. Il desiderio dell'anima è il desiderio dello spirituale in essa.

Perché quando “l’Angelo del Sole”, l'anima luminosa si sveglia, lo Spirito la bacia. La vita pulsante sorge in modo creativo e amorevole.

 

Riferimenti:

[1] Jan van Rijckenborgh, co-fondatore della Scuola Spirituale della Rosacroce d'Oro, nei suoi libri e nelle sue conferenze ha ripetutamente posto l'anima al centro delle sue riflessioni. Il brano qui citato è tratto dal capitolo X Il mistero dell'anima del suo libro Dei Gloria Intacta.

[2] Alice A. Bailey, teosofa americana, definisce l'afflusso di queste due energie come caratteristica dell'anima nel primo capitolo del suo libro Trattato dei Sette Raggi. 

[3] Alice A. Bailey usa questa espressione nello stesso capitolo per descrivere l'essere animico puro che si frappone tra la coscienza della personalità e l'aspetto spirituale, la monade, e la cui influenza nell'uomo cresce sempre di più sul sentiero spirituale.

 

 

back to home pdf share