Sun

Lettera ai principi in esilio e alle dame di cuore e di spirito

back to home pdf share

 

Quante volte le sfere del sole e della luna si sono alzate dall'oceano per illuminare la Terra, per animare le vaste foreste, per illuminare le cime delle montagne?

Quante volte gli occhi si sono aperti, abbagliati, stupiti... Ignoranti davanti alle stelle?

Da quanto tempo sei via?

Questa lettera è per il sangue reale, un fiume d'oro in ostaggio dei cuori stanchi.

Ricordi la terra del giglio e della rosa, la città dell'Amore e il suo palazzo dalle innumerevoli colonne? Ricordi il leggero profumo dell'alba, l'invincibile splendore del giorno nascente?

Ho per te il ricordo di un regno dove lo Spirito è re. Regna senza sforzo come una fiamma che diffonde la sua luce nello spazio. Il suo potere è infinito, tanto che è inutile abusarne. Intelligenza, forza e bellezza sono gli elementi primordiali del Primo Regno, i pilastri del Potere Originale.

Ma cosa sono i ricordi?

Questa lettera è per il sangue reale, un fiume d'oro oscurato dai nostri cuori addolciti.

Ho per te uno specchio grafologico in cui, armati di coraggio, principi perduti e dame cortesi contemplano il loro riflesso. Questo specchio è vero, e a prima vista appare solo una massa informe di proletari, di impotenti storpiati dalla vita che zoppicano orgogliosamente davanti agli altri, oppure seguendo umilmente, se non assonnati. La sofferenza regna ovunque, l'ombra fedele dell'ignoranza. E in questa folla i cuori addolciti battono ancora, l'anima è inquieta, senza punto di riferimento, alla ricerca dello Sposo, del Re e del suo potere infinito, per risplendere di nuovo ed estrarsi da questo grigio selciato dove svolazza, errante e fuggitiva, come un sacchetto di plastica che volteggia nei vortici di foglie morte, gonfio dalle raffiche d’autunno. 

Quante volte ci siamo imbattuti in queste strade, sognando i giardini lussureggianti nascosti dalle facciate marmoree, dove la noia è diversa?

Questa lettera è per il sangue reale, il fiume d'oro che giace dormiente nei nostri cuori perspicaci!

Personalmente, non ho più niente per te, perché da solo sono impotente. Quando gli specchi sono ovunque, ci conosciamo come mendicanti, vagabondi celesti che hanno trovato riparo per tutta la vita sulla terra. Ma l'anima non ci lascia in pace. Ci sveglia di notte. Vuole la sua corona di stelle, il suo abito celeste, i suoi diamanti eterni... Non domani! Non domani! Proprio adesso!

Allora, mortale impotente, sei sopraffatto: la Terra, gli oceani, i lupi, le foche, le api, la cultura, i tuoi figli... tutto muore! È colpa tua! Fai qualcosa! Responsabile colibrì delle città! denuncia i fratelli oscuri che ti schiacciano con il loro potere legalmente conquistato gettando benzina sulla casa in fiamme. E l'anima grida, ti tormenta, chiede i suoi diamanti e il senso della tua vita. Ma cosa puoi fare tu, impotente? Con quale forza, con quale energia puoi raccogliere la sfida?

 

Questa lettera è per il sangue reale, il fiume d'oro che spinge i cuori liberati!

Il mondo non è altro che forze magiche, potere applicato dalle intelligenze, organismi in movimento. C'è un modo per riguadagnare la propria nobiltà come Principe o Signora del Cuore e dello Spirito, per risorgere. Edward Bulwer-Lytton ha descritto in La Razza che verrà [1] la leggenda dei Vrilya, il popolo sotterraneo che ha un potere illimitato: i Vril.

Madame Blavatsky ne parla nella sua Dottrina Segreta. [2] 

Max Heindel ha dedicato il suo libro The Coming Force: Vril or what? [3]

Rudolf Steiner profetizzò che in futuro le comunità sarebbero sfuggite all'inferno della società materialistica grazie a una forza misteriosa. [4] Disse anche che l'uomo e la donna devono collaborare spiritualmente per domare la forza che anima il regno vegetale, l'etere, il Vril. [5] Tutti concordano sul fatto che questa nuova umanità che verrà dia una idea abbastanza giusta di quella forza che è ovunque, ma che i nostri deboli corpi mortali non possono assimilare completamente.

Per questo, per ritrovare il potere, la forza, si insegna la scienza della rigenerazione. Il punto di partenza di questa scienza è che la personalità mortale e il suo corpo fisico ospitano un particolare atomo immortale, il residuo di un dio caduto, addormentato nel cuore dell'uomo. Se c'è un elemento regale sulla terra, è questa particella del regno dello Spirito. Quando la coscienza umana si risveglia alla sofferenza, alla precarietà e alla “stranezza” dell'esistenza, è perché l'atomo si fa sentire nei rapidi flussi di sangue. La pratica di questa scienza dello Spirito richiede "conoscenza di sé", nella misura in cui si osservano in ogni momento le assurdità, i paradossi e i limiti, come pieghe apparentemente indelebili della nostra personalità. 

In questo modo, vediamo solo la nostra incapacità di renderci degni del potere. Qui sta la salvezza, perché questo atomo regale diventa “radioattivo” e ci fa prendere coscienza della parte del Regno che è dentro di noi e che deve essere restaurata. Abbandonando i nostri sogni di gloria effimera che appesantiscono il cuore, l'atomo sprigiona la sua forza e trasforma gradualmente il nostro organismo. Trasforma la massa rossa e viscosa del sangue ordinario, carico del ferro della volontà egocentrica, in un fiume d'oro vivo che abolisce la gravità.

Il tempo è vicino amico. I tempi sono maturi per la scienza nucleare. È urgente considerare il destino del Re che dorme in ciascuno un embrione celeste avvolto nel cuore dell'umanità. La ricerca dell'elettricità per scopi commerciali e di comodità materiale è stata rifiutata dalle società antiche, guidate da una saggezza consapevole del caos che tale uso del fuoco elettromagnetico avrebbe causato. Questa è un'epoca di libertà e quindi di responsabilità nell'uso dei nostri poteri fisici e psichici. Da soli, vaghiamo come un atomo perduto, sterile... Si finisce per fare qualsiasi cosa! Se ci riuniamo con lo scopo di fare un uso corretto della forza che ci viene data, di “cercare la verità”, gli atomi si sfregano l’uno con l’altro, ma se l'intenzione è sufficientemente giusta, potente e mantenuta, allora una forma di radioattività appare.

L'atomo che portiamo risuona con quello dei nostri compagni e possiamo giustamente parlare di "comunione". È un processo che non sembra straordinario, il gruppo di ricercatori non brilla agli occhi del mondo... anzi, un tale gruppo può, secondo gli anziani, diventare invisibile ai poteri che regnano quaggiù. Solo in questo modo i Principi in esilio e le Dame di Cuore e di Spirito riusciranno a respingere l'attrazione terrestre, elevandosi al Regno originario da cui proviene la "scintilla di Spirito", come dice Jan van Rijckenborgh. Se l'esistenza è un luogo di estrema compressione per l'anima, è necessario riunirsi per diventare, insieme, “una bomba atomica dello Spirito”, per polverizzare letteralmente il confine che ci tiene prigionieri e impotenti. La forza così rilasciata è l'Amore, ma questo amore è al di là del nostro sentimentalismo. È la forza creatrice e distruttiva del Dio che vive in noi, è il Vril! Nessun mortale nell'universo ha il diritto di trarne beneficio a meno che non si sia fuso con la coscienza che abita l'atomo scintillante dello Spirito.

Per fare questo, dobbiamo unirci, diventare radioattivi attraverso il servizio reciproco, la benevolenza e la conoscenza condivisa. E poi... svuotare la cupa memoria, diventare freschi come un bambino stupito dalle stelle, ammettere la nostra ignoranza per liberare il trono del Re dell'Altromondo che sta aspettando di riprendere il potere nel profondo di noi.

Ma tutte queste... queste sono storie! Vi lascio lo stesso la bibliografia... colibrì esperto di città!

Questa lettera è per il sangue reale, il fiume d'oro che ci unisce come un nuovo sole!

Buone cose!

 

_____________________________________________________________

Fonti:

[1] Edward Bulwer-Lytton La Razza che verrà, Editore Miraviglia, 2009

[2] Helena Blavatsky, La Dottrina Segreta, Vol.2, Edizioni Teosofiche Italiane

[3] Max Heindel, The Coming Force: Vril Or What? Rosicrucian Christianity Lecture 19, 2014

[4] Rudolf Steiner, Contraddizioni nell'Evoluzione dell'Umanità, Antroposofica Editrice, 2016 

[5] Rudolf Steiner, La Leggenda del Tempio e la Leggenda dell'Aurea, Antroposofica Editrice, 2016 

 

back to home pdf share