Ifinnity into the Lungs

L’infinito nei polmoni

back to home pdf share

Non è facile scegliere perché potresti sentire che stai limitando ciò che è veramente quel desiderio. Ecco perché ho scelto l'infinito.

L'infinito è così grande... E poi, non è solo infinito, è anche indefinito. All'improvviso, mi piace abbastanza. Mi piace l'incertezza.

Lo svantaggio di usare una descrizione del genere è proprio la sua incertezza indefinibile; è difficile trovare le parole giuste per parlarne. Hai mai ascoltato persone che discutevano di qualcosa di indefinito? Le sentirai dire qualcosa del tipo: “Quando finalmente sono arrivato in cima alla montagna e ho visto il panorama, era, come dire... immenso, grandioso, incredibilmente bello, oltre ogni parola”.

Sì, le parole spesso sono insufficienti per esprimere i nostri sentimenti più profondi, soprattutto quando si cerca di descrivere qualcosa che è infinito. Così ho pensato, “ci deve essere qualcosa che manca”. Queste sono le domande che continuano a tormentarmi finché non trovo una risposta; quel tipo di domande che ti svegliano nel cuore della notte, all'improvviso, in modo drammatico.

Cosa ci facciamo qui? Qual è lo scopo della vita? Cos'è questa sensazione che manchi qualcosa di importante? Il tipo di domande a cui sono personalmente interessata a trovare una risposta. E ho imparato che stando seduto in una posizione meditativa dicendomi: “Dai, rilassati, lascia che l'infinito riempia il tuo essere, dimentica la tua mente parassitaria; inspira, espira, inspira, espira...”, semplicemente non funziona. La natura della mia ignoranza è nelle mie cellule. E quando espiro, invece della calma, vedo il mio respiro trasformarsi in un punto interrogativo.

La mia ricerca è così profonda che inconsciamente ho persino creato una nuova posizione yoga che ho chiamato punto interrogativo. La schiena curva, le braccia inarcate nel prolungamento della curva, le mani unite verso terra. Il bacino si inclina in avanti, cosce a 30 gradi, ginocchia semi piegate, polpacci in posizione eretta, in punta di piedi, in equilibrio su una grande palla da ginnastica. Il mio corpo esprime il mio stato interiore. Riesci a immaginarlo nella tua mente?

La chiave di questa postura è respirare! Inspiri molto, molto lentamente, e poi quando espiri emetti un fischio, come quando simuli la caduta di un oggetto dall'alto. E ora vedo che anche questa era un'espressione inconscia dei miei sentimenti di essere caduta.

Quindi, se ora tolgo i significati superflui dalla postura fisica, e ciò che rimane è solo il respiro, questa è la chiave. Ma a questa duplice inspirazione ed espirazione manca ancora qualcosa. È possibile creare una triplice forma di respirazione, mi è sfuggito qualcosa?

Ci sono: il nostro rapporto con la Terra. Ad esempio, quando camminiamo sono solo i nostri piedi che toccano il suolo, tutto il resto del nostro corpo è nell'aria. I nostri corpi sono immersi nel cielo, nell'universo, nell'infinito. Salti in aria e per due secondi il nostro corpo galleggia nell'infinito. Quando respiriamo, assorbiamo questo universo ed esso si fonde con noi. E se ora guardiamo in basso, vediamo un mondo pieno di domande che cerca disperatamente le risposte, ma non le trova. Ma la risposta è così chiara per me ora.

Aspirazione – Inspirazione – Espirazione

In effetti, la respirazione non è la chiave, ma la serratura. La chiave è l'aspirazione!

L'aspirazione innesca il respiro e la porta dell'infinito si apre.

Quando aspiro ad essere infinito, inspiro l'infinito, ma cosa espiro? Ecco una domanda a cui non è facile rispondere. Cerco una risposta in Internet e scopro che quando espiro espello anidride carbonica che contribuisce all'effetto serra. Respiro l'infinito, ma la mia espirazione è considerata inquinamento! Che sistema crudele. Fino ad ora credevo che il corpo umano fosse una meraviglia della creazione, di enorme complessità e ingegnosità. Allora perché questa dicotomia? Che delusione!

Se estrapoliamo il concetto di respirazione, possiamo vedere come riflette tutti i tipi di attività umana. Inspirazione: prendo, catturo, raccolgo, riempio. A volte ne accumulo così tanto che corro il rischio di soffocare. E quello che ho raccolto, catturato e accumulato lo trasformo, mescolandolo con tutto ciò che è in me: i miei pensieri, i miei sentimenti, la mia volontà. Ma poi quando espiro esprimo il mio essere interiore: creo, distruggo, costruisco, demolisco, partorisco, prendo vita. Questa è la mia esistenza.

Ma se aspiro prima di inspirare, prima di prendere, sarà diverso perché aggiungerò comprensione.

L'aspirazione apre la porta, la porta alla comprensione, all'umiltà, alla compassione. Apre la porta a un'altra forma di vivere, a una vita rinnovatrice. Quello che respiro lo ricevo, e quello che espiro lo restituisco: comprensione, umiltà e compassione. Così riduciamo i nostri aspetti inquinanti e attraverso questo atto aiutiamo gli altri e ci avviciniamo a loro. Così vediamo che l'infinito è onnicomprensivo e io sono solo una piccola parte.

Questo ricorda anche il simbolo matematico dell'infinito. Come il numero otto adagiato sul suo lato, così vediamo i due aspetti di inspirazione ed espirazione, nel loro insieme formano il legame universale che ci dà l'aspirazione. Se ora mettiamo il simbolo dell'infinito in posizione verticale come faremmo con il numero otto, possiamo anche vedere riflessi in questo i simboli della dualità del nostro ordine di natura, nascita e morte, buono e cattivo, avanti e indietro, e quindi la ruota delle incarnazioni.

Cosa ci manca quindi in questo ordine di natura, cosa dà al numero otto il suo terzo aspetto, cosa dà significato al ciclo infinito? Proprio come l'inspirazione e l'espirazione dell'infinito sono guidate dall'aspirazione (conoscenza, umiltà, compassione), così anche il ciclo della dualità è interrotto dalla conoscenza di sé, dall'umiltà e dalla compassione.

Quando abbiamo raggiunto il nadir della nostra esperienza di vita, quando abbiamo realizzato che la nostra vita di inspirazione ed espirazione sta su una ruota eterna senza fine, allora la conoscenza di sé diventa la chiave che aprirà la porta all'infinito, all'eternità. Allora i granelli di sabbia vuoti che rappresentano le azioni della nostra vita, scivolando senza fine attraverso la clessidra del tempo, si dissiperanno mentre la nostra conoscenza di sé apre la porta all'infinito.

Aspirazione – Inspirazione – Espirazione

back to home pdf share