Group

Lo stato di coscienza è lo stato di vita

back to home pdf share

Lo stato di coscienza è lo stato di vita. Questa espressione indica l'intima relazione tra la coscienza e la realtà vissuta dall'essere. Possiamo solo reagire a ciò che siamo in grado di percepire e riflettere su ciò che sappiamo, nella misura della nostra comprensione.

Sulla base di questo presupposto, la nostra realtà non può essere un susseguirsi di avvenimenti casuali. Dopotutto, iniziamo a vederci come corresponsabili della realtà che ci circonda. Pertanto, per trasformare questa realtà della vita, dobbiamo agire per cambiare la nostra stessa coscienza.

Ma come può un essere umano trasformare la sua coscienza? Non parliamo qui di stati alterati di coscienza, di uso di sostanze, di praticare esercizi o metodi occulti. Desideriamo portare alla luce la possibilità di un contatto senza intermediari con la sorgente interiore della saggezza che esiste in ogni essere umano e che lo spinge alla ricerca dell’elevazione.

L'essere umano è portatore di una coscienza naturale e di una scintilla spirituale, alla quale possiamo essere più o meno sensibili. In coloro che cercano la spiritualità, questa sensibilità è attiva, mentre in coloro che si accontentano di una vita puramente materiale, questa sensibilità deve ancora svilupparsi. È un processo che si svolgerà lungo il percorso delle esperienze di ogni individuo. La trasformazione della coscienza dipende dal riconoscimento di questa fonte interiore di saggezza. Ma come si entra in contatto con questa fonte?

La manifestazione e la qualità della nostra coscienza biologica è il risultato dell'interazione tra diversi sistemi o fluidi nel nostro organismo: il fluido sanguigno, il fluido ormonale, il fluido nervoso, il fuoco del serpente (che corrisponde al midollo spinale) e la coscienza mentale (che si trova nello spazio dietro l'osso frontale). Questo quintuplice insieme è spesso focalizzato esclusivamente sulla vita materiale esteriore attraverso i sensi, e mira all'autoconservazione e all'autocompiacimento. Tale coscienza è troppo attaccata alle proprie certezze, volontà, desideri e paure. Il risultato è un'identificazione con gli aspetti più diversi della vita.

Pertanto, prima di poter parlare di trasformazione in senso spirituale, è necessario che nella coscienza nasca un desiderio di valori elevati e trascendenti. Solo la conoscenza dell'essenza di questa vita può portare alla maturità che guiderà la manifestazione di questo anelito.

Quando finalmente avviene questo risveglio alla ricerca spirituale, tutti i fluidi che compongono la coscienza diventano più ricettivi agli impulsi della scintilla spirituale. Questo inizialmente si manifesta come una profonda nostalgia o insoddisfazione per il modo in cui le cose stanno andando intorno a noi. Di conseguenza, la ricerca di nuovi valori diventa centrale e la coscienza si rivolge a questo focus interiore di saggezza, prendendolo come la bussola che guiderà la coscienza nel suo viaggio spirituale.

Pertanto, la trasformazione della coscienza culminerà in un profondo cambiamento nella vita, nella percezione e nella comprensione di questo essere ora risvegliato, al punto in cui è possibile sperimentare l'illuminazione. Allora comincerà a percepire e sperimentare un'esistenza che trascende lo spazio e il tempo.

Finché questa coscienza trasformata può manifestarsi nella materia, dovrebbe aiutare altri cercatori a trovare questo sentiero interiore, perché lo stato di coscienza è lo stato di vita; lo stato di vita è lo stato del sangue; lo stato del sangue significa l'azione risoluta in un Atteggiamento di Vita propositivo.

 

back to home pdf share