the eye

L'occhio che vede Dio

back to home pdf share

 

 

 

Non posso dirvi con certezza cosa Meister Eckhart intendesse con questa frase piuttosto intrigante e misteriosa. Quello che posso dirvi è cosa significa per me.

I Rosacroce Classici usavano una formula spirituale per descrivere il sentiero della liberazione. Questa formula sempre attuale ha tre aspetti o fasi: nasciamo da Dio – moriamo in Gesù – rinasciamo grazie allo Spirito Santo. È una formula di enorme profondità, ma alle orecchie di una persona moderna suona abbastanza antiquata, forse anche dogmatica. Questo è il motivo per cui ho intenzione di riformulare questa formula spirituale in un modo che si adatti a questo articolo, ma in sostanza non c'è alcuna differenza. Le tre fasi possono anche essere descritte come:

  1. Dio ci conosce tutti per nome;
  2. Dio ci vede;
  3. Noi vediamo Dio.

Cominciamo dall'inizio. Ogni scintilla spirituale, ogni microcosmo, è una creazione di Dio, un figlio di Dio. Come creazioni dello Spirito, siamo tutti inseriti nel Libro della Vita e quindi possiamo dire che il Padre ci conosce tutti per nome. La base è buona, ma noi, come persone fisiche, non siamo più in armonia con questa base spirituale. Perché no? Bene, è una lunga storia, ma nel profondo lo sappiamo. Quando guardiamo onestamente a noi stessi, quando vediamo lo stato in cui si trova il nostro pianeta, allora lo percepiamo; non dovrebbe essere così.

È come se Dio avesse distolto la testa e chiuso gli occhi verso di noi. Ha abbandonato i suoi stessi figli? No, certo che no, sembra solo così. Stiamo pagando il prezzo per la libertà di scelta. Dobbiamo imparare ad essere responsabili dell'intera creazione, non solo di noi stessi. Quando lasciamo la casa dei nostri genitori da giovani adulti, chiudiamo la porta. Sì, libertà, ora posso fare quello che voglio! Dimentichiamo la nostra eredità, dimentichiamo che siamo parte di un tutto più grande, perché pesa su di noi.

Allora la domanda diventa: come possiamo cambiare la nostra situazione in modo che Dio ci veda di nuovo? Entriamo ora nella seconda fase della formula spirituale. Perché il Padre non ci vede più? Bene, perché gli abbiamo chiuso la porta. Dov'è questa porta che conduce a Dio? È la porta del nostro cuore.

La scintilla di Spirito, il nostro vero nome, il nostro nome ereditato, giace come una pietra angolare al centro del nostro microcosmo. Ma il nostro vero nome, l'IO SONO, non può entrare nella nostra personalità fisica perché la porta è chiusa. Significa che il nostro cuore, il nostro desiderio, sono rivolti al mondo esterno a noi e non al nostro vero nome. Visto da una prospettiva spirituale, il nostro cuore è chiuso, inquinato, governato dalle forze della materia. Ora comprendiamo perché i testi sacri sottolineano sempre l'importanza della "purezza di cuore". Quando purifichiamo il nostro cuore, lo puliamo, rivolgiamo il suo desiderio al nostro centro, poi apriamo di nuovo la porta. Dio ci apre gli occhi e l'acqua della Vita scorre attraverso la porta aperta nella nostra personalità. Ora Dio ci vede di nuovo, questo significa che può toccarci, nutrirci e proteggerci.

Anzi, l'acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d'acqua che zampilla per la vita eterna. (Giovanni 4: 14)

Il fatto che il Padre ci veda di nuovo, è già una grande benedizione. Attraverso la sua grazia può maturare il nostro rapporto con il divino. Tuttavia, la connessione è unilaterale; Dio ci vede, ma noi non vediamo Dio. Abbiamo la stessa situazione nella genitorialità. I genitori prima concepiscono il bambino, poi vedono il bambino e poi, quando gli occhi del neonato sono sviluppati, il bambino vede il padre e la madre. È grazie all'amore e alla cura dei genitori che il neonato apre gli occhi.

Sappiamo che i nostri occhi naturali sono sufficienti per vedere i nostri genitori, ma per vedere Dio sono irrimediabilmente insufficienti. Sono un prodotto del mondo del tempo e dello spazio e quindi la sconfinatezza dell'eternità sfugge al loro sguardo. Fanno parte del piano orizzontale della vita e sono orientati sulle cose fuori di noi. Simbolicamente possiamo rappresentarli come:

 

Quando pensiamo alla leggenda di Narciso, sappiamo che vide il proprio riflesso nell'acqua. Gli elementi gli mostravano il suo riflesso come immagine esteriore. Non vedeva se stesso con la visione interiore della conoscenza di sé, non come un IO SONO, ma semplicemente come un riflesso esteriore. E si innamorò di questa immagine speculare. In questo modo smarrì il suo "Primo amore" e lo sostituì con un'immagine materiale.

Noi, come persone nate dalla natura, non differiamo molto da Narciso. Inoltre, ci proiettiamo negli elementi e il nostro corpo fisico è il nostro riflesso. E di quel corpo, o di quello di qualcun altro, ci innamoriamo. Ci vendiamo quindi agli elementi, alle increspature sempre sbiadite nell'acqua. I nostri occhi esteriori cercano di aggrapparsi a ciò che perisce e così spezzano il nostro cuore. Ma la sofferenza e il dolore hanno un effetto purificatore e, dopo un viaggio senza fine attraverso gli elementi, arriviamo a una rivoluzione interiore, ci voltiamo, ci convertiamo.

Poi interrompiamo l'adorazione dell'immagine esteriore. Ci lasciamo alle spalle il piano orizzontale e raggiungiamo la profondità interiore attraverso la vera conoscenza di sé. Il nostro occhio interiore si dispiega. Abbiamo aggiunto un terzo occhio a quelli già esistenti. Simbolicamente possiamo rappresentare questa nuova situazione come:

 

 

Questo terzo occhio interiore cerca il suo "Primo amore". Trova questo amato al centro, nel cuore del suo essere. Per questo, ciò che già si era manifestato nel cuore, ora fiorirà nella testa. Ecco perché il terzo occhio è anche chiamato il "cuore celeste". Testa e cuore diventeranno una perfetta immagine speculare l'uno dell'altro.

Il cuore celeste, il terzo occhio, è l'occhio che vede Dio. Dio è Amore, Dio è Luce, Dio è Vita. Per me le parole di Meister Eckhart significano quanto segue: l'occhio che vede Dio, cioè il terzo occhio, il cuore celeste, è in sostanza lo stesso occhio attraverso il quale Dio vede me, cioè la porta aperta del cuore puro. E Meister Eckhart ha aggiunto:

Il mio occhio e l'occhio di Dio sono un solo occhio, una sola vista, una sola conoscenza e un solo amore. 

Poi abbiamo la situazione in cui la "stella del mattino" è sorta nella costellazione umana. La testa si è assoggettata al cuore (a Cristo) ed è ritornata al suo antico splendore: il portatore di Luce. È uno stato di meravigliosa armonia in cui la tensione della mente sperimentale è stata neutralizzata. È anima del cuore, illuminazione della testa. Ma c'è ancora di più; ci vuole una terza vittoria!

Nel nostro viaggio attraverso gli elementi, siamo scesi molto in profondità nella materia; abbiamo raggiunto il punto più basso della materialità. Ma più profonda è la caduta, più gloriosa è la resurrezione! Siamo stati scacciati dal paradiso in vesti di pelle, ora abbiamo la possibilità di tornare in abiti bianchi! Durante la prima fase abbiamo scoperto nel nostro cuore, nel nostro centro, il dio dell'Amore (Cristo) e, in secondo luogo, abbiamo trasformato la nostra testa in "stella del mattino". Ora bisogna compiere il terzo passo: trasfigurare la vita che si manifesta nella materia. Riguarda la vita che è immanente e inerente agli atomi. Quando completiamo la nostra rappresentazione simbolica, otteniamo quanto segue:

 

 

 

 

La terza fase ha a che fare con la vita che è immanente nelle particelle più piccole, nelle pietre da costruzione dell'universo. Si tratta di atomi, molecole e cellule. Ora l'atomo deve aprire l'occhio!

Il battito del cuore di Dio risuona in ogni atomo; ogni atomo ha la sua fonte di vita. L'intero universo è un'immensa manifestazione di Vita vibrante. Trasfigurare la materia significa sostanzialmente aumentare il battito cardiaco degli atomi, la vibrazione degli elementi. Potremmo anche dire che si tratta di elevare il livello di coscienza degli atomi, di integrarli, di sintonizzarli con la vita dell'anima. Quando gli atomi del corpo aprono gli occhi, quando si attiva il loro nucleo spirituale ardente, diventano espressione della vita eterna che sgorga dal cuore di Dio, centro di tutte le cose.

Gesù Cristo stesso confermò questo triplice cammino universale di resurrezione quando disse:

Distruggete questo tempio, e in tre giorni lo farò risorgere. (Giovanni 2: 19)

Sappiamo che ha mantenuto la sua promessa. Ma per gli occhi materiali disorientati, restava solo una tomba vuota. Com'è diversa la realtà per l'occhio che vede Dio! Ora, nell'Era dell'Acquario, il Cristo vivente ci invita a fare lo stesso: ad aprire i tre occhi, a manifestare i tre cerchi della Vita eterna.

Spirito – Anima – Corpo.

 

back to home pdf share