grass

Luce – L'essenza invisibile della nostra esistenza

back to home pdf share

Una volta sono stato punto da un'ape in gola, e mi ha fatto lacrimare una ciste nell'occhio. Questo collegamento mi è diventato chiaro solo molto più tardi. All'epoca ebbi l'impressione che non fosse un caso.

Se ti avvicini alla vita con un minimo di consapevolezza, a volte hai la sensazione che alcuni incontri ed eventi non siano del tutto casuali. Che cosa c'è dietro tali incidenti "miracolosi" che possiamo osservare nelle nostre vite? È karma? È la divina provvidenza? È legato all'onnipresenza di Dio, che è in tutto e tutto è in Lui?

Nel 1946, Paramhansa Yogananda (1893-1952), scrisse nella sua autobiografia, nel capitolo intitolato "La legge dei miracoli”:

“Il primo comando di Dio alla Sua creazione portò all'esistenza l'unica realtà atomica: la luce. È sui raggi di questo mezzo immateriale che avvengono tutte le manifestazioni divine. Durante una visione di luce, Yogananda sentì una voce che gli spiegava: "Quello che vedi è la meccanica del proiettore cosmico. [...]. Egli proietta i suoi raggi sullo schermo bianco (...) ed evoca così l'immagine del tuo corpo. Vedi, il tuo corpo non è altro che luce!’'

L'uomo può liberarsi dalle sue catene terrene. Yogananda parla della possibilità di liberare il corpo materiale dalla legge di gravità con l'aiuto dei raggi di luce creativi. Qui si riferisce a un Maestro; uno yogi compiuto la cui coscienza può identificarsi con l'intero universo. La sua energia atomica viene rilasciata attraverso l'"annichilimento" delle particelle di materia come luce, come essenza di biofotoni, permettendogli di viaggiare alla velocità della luce e di materializzarsi o smaterializzarsi a piacimento.

Chi si è riconosciuto spirito onnipresente non è più soggetto alle limitazioni di un corpo nei confini del tempo e dello spazio. Si è liberato dai loro legami e può quindi dire "Io sono Lui”.

Nell'Antico Testamento leggiamo in Genesi 1: 3: “Sia la luce. E la luce fu”. L'onnipresenza di Dio nel mondo è la sua luce. Risplende sul bene e sul male. Secondo la fisica atomica, la luce può essere rappresentata come una particella o come un'onda. La fisica quantistica afferma inoltre che l'osservatore influenza il modo in cui la luce si manifesta tramite la qualità dell’osservazione.

Guardo uno scarabeo che striscia, potrebbe anche fermarsi improvvisamente. Mi ha notato. Potrebbe essere viva anche la luce su cui si concentra un fisico nei suoi esperimenti?

Luce spirituale

Gli insegnanti di saggezza ci dicono che dietro il sole materiale c'è un sole spirituale. Da ciò possiamo dedurre che c'è una luce spirituale dietro la luce fisica. Non proietta ombre perché gli oggetti della materia non possono intercettarla. Crea tutto, sostiene tutto, risplende in tutto e attraverso tutto. La luce, sia fisica sia spirituale, rende le cose riconoscibili: crea coscienza. Nella materia ha un effetto polarizzante, proietta una varietà di ombre e crea contrasti. Da ciò emerge Maya, il mondo delle apparenze.

Dopo le esperienze strazianti della prima guerra mondiale, Yogananda scrive di aver sentito una compassionevole voce divina rivelarsi alla sua mente.

“La creazione consiste sia di luce che di ombra, perché altrimenti nessuna immagine verrebbe all’esistenza. Nel mondo di Maya, il bene e il male devono portare lo scettro a turno. Come potrebbe mai l'uomo aspirare a un altro mondo se non ci fosse altro che gioia in questo? Se non soffre, difficilmente penserà alla sua perduta casa eterna.”

Alcune persone si dispereranno per questa questione di teodicea e chiederanno: "Come può Dio permettere una cosa del genere?" Tuttavia, la legge del cambiamento delle polarità assicura che nulla, incluso il male, possa manifestarsi per sempre. Tutto deve rivelarsi nella luce; deve mostrare il suo vero "volto". Sta a noi vedere sempre di più attraverso le cose e noi stessi. Dove siamo? Cosa sta realmente accadendo?

Nella drammatica situazione mondiale di pandemie e disastri naturali che viviamo oggi, è bene ricordare che non siamo “puniti”. Noi stessi siamo responsabili di ciò che sta accadendo. Siamo tutti corresponsabili di ciò che si rivela nel mondo. Questi drammatici eventi mondiali ci mostrano qualcosa di noi stessi.

Ci viene chiesto di cambiare rotta verso la perduta casa eterna sulla base di una più profonda consapevolezza di sé. Su tale sentiero evochiamo forze di luce che guidano innumerevoli esseri umani, in modo che l'unità e la connessione di tutte le cose diventi evidente. Il risultato è una nuova coscienza. Su questa base, la vita cambia in modo permanente.

 

 

back to home pdf share