Spinozahouse

Molte battaglie sono state affrontate

back to home pdf share

 

Molte battaglie sono state affrontate,

molti fardelli sono nati

e molto dolore è stato sofferto.

Ci deve essere una etica santa;

percorriamo una strada stretta 

finché siamo quaggiù,

così saremo in pace nell'aldilà.

Da: Dirck Camphuysen Stichtelijke Rymen (1624)

 

Questi famosi versi della letteratura olandese del diciassettesimo secolo derivano dalla raccolta Stichtelijke Rymen (Rime devozionali) di Dirck Rafaëlszoon Camphuysen (1586-1627). Ai nostri giorni difficilmente possiamo immaginare che questa poesia e la raccolta in cui è stata pubblicata dovessero essere immesse sul mercato in modo anonimo perché l'autore era visto come un rappresentante delle idee dei “rimostranti”.

Ciò costituiva una parte importante del pensiero rimostrante, che dovette essere aspramente rimosso dalla memoria collettiva dopo il Sinodo di Dordrecht (1619). Con più di cinquanta ristampe, il libretto è diventato rapidamente la raccolta di poesie più letta della letteratura olandese!

Anche da questi sei versi si può dedurre qualcosa delle idee rimostranti di Camphuysen. Contro l'idea contro-rimostrante che le persone non potessero essere buone da sole e dipendevano completamente dalla grazia di Dio, i Rimostranti sostenevano che i credenti erano liberi di assumersi le proprie responsabilità. Con loro la volontà umana è stata decisiva. Ecco perché è significativo che il poeta qui sottolinei le cose che le persone possono e devono fare per se stesse: condurre una lotta interiore, osservare la morale cristiana, condurre una vita coscienziosa e pregare.

Questi versi devono aver suscitato interesse nei fratelli Leene e nel loro compagno Cor Damme durante il periodo di costruzione della Scuola Spirituale, perché nel 1933 li hanno inclusi nel periodico “Het Rozekruis” (La Rosacroce). E sono poi finiti nella letteratura della Scuola: De vuurgloed van de ontstijging  [1].

La poesia a volte risuona nelle affermazioni audaci che in particolare Z.W. Leene fece durante i suoi discorsi, nei giorni in cui combatteva le delusioni e le mistificazioni che si annidavano tra i suoi ascoltatori. Il sempre focoso Z.W. Leene è stato in grado di attirare fortemente le persone in breve tempo, ma anche di respingerle violentemente::

Pensa per te! Questo è il viaggio di un eroe. Ciò significa essere respinti dalla famiglia e dagli amici, attraversare un mondo gelido e spiritualmente impoverito, solitario e dimenticato. Chi osa farlo, combattendo questa eroica battaglia e osa avventurarsi con Dio stesso, oh, vorrei dirti: non avrai vita facile. Dio non cerca l'uomo facile. Dio ama gli audaci, i migliori, gli assalitori e soprattutto i retti. Coloro che osano pensare onestamente e non ripetono, per paura della punizione, ciò che non possono comprendere nella sua essenza più profonda.

Leene toglie drasticamente al suo pubblico l'illusione di essere qualcosa.

Possiamo diventare qualcuno solo quando ne abbiamo piena conoscenza. Quando saremo pronti per conoscere le leggi eterne e immutabili di Dio? Quando arriviamo a capire che prendiamo sul serio la nostra vita, seguendo l'esempio di Cristo e i suoi passi, non solo la domenica, ma tutta la settimana. E... se vuoi puntare in alto, dovrai lavorare e studiare.

È notevole che il grande filosofo Baruch Spinoza abbia riconosciuto le qualità di Camphuysen, il quale, come Spinoza, trascorse un po' di tempo nei circoli dei Collegianti  [2] a Rijnsburg. Se visiti la bellissima vecchia casa Spinoza a Rijnsburg  [3], dove Spinoza visse per alcuni anni, puoi leggere il seguente verso di Camphuysen sopra l'ingresso, e anche l'ultimo verso del suo poema “Maysche Morghen-stondt” (Prime ore mattutine di maggio), da cui deriva anche il nostro titolo:

Ah! Tutte le persone erano sagge

e quindi lo volevano!

La natura era un paradiso

è ora per lo più un inferno.

Anche il motto della vita di Spinoza

fai del bene e sii felice

(bene agere et laetari)

deriva da una famosa poesia di Camphuysen, che a sua volta è in debito con Dirck Volckertszoon Coornhert per questo. Coornhert scrive nel suo libro Zedekunst dat is wellevenskunste (Lo stile morale è l'arte di vivere bene) (1586):

Per tutti coloro che lasciano che il male si estingua in se stessi, diventare buoni non è un'illusione ma una verità che sperimentano. Questo dà una gioia vera e duratura, non è altro che fare del bene ed essere allegri, questo è il meglio per tutte le persone. Chi può farlo, nei fatti e non solo nelle chiacchiere, possiede davvero l'arte di vivere.

Mentre i versi di Camphuysen hanno già incontrato un vasto pubblico di lettori, la vita movimentata del poeta è stata esposta con parsimonia nella storia della letteratura, e forse attira ancora di più l'immaginazione. Camphuysen era il figlio di un chirurgo rispettato e amato, di nobile discendenza nella sua città natale di Gorinchem. Leggiamo nella sua biografia che sua madre era una donna “di speciale [cioè eccezionale] devozione”.

Si dice anche che in questo somigliava a suo padre, un certo Hans van Maseyck, «un mercante che era stato oltraggiato per la sua confessione di fede». Questo martirio del nonno ha indubbiamente influenzato il sensibile nipote. Dirck rimase orfano in tenera età, fece pratica come pittore, ma alla fine divenne insegnante privato e segretario presso il signor van Boetzelaer al castello di Loevesteijn, poco prima che Hugo de Groot riuscisse a fuggire da lì, nascosto nel suo famoso scrigno di libri.

Riuscì anche a introdurre la sua amata, Anna Alendorp, come istitutrice. La coppia venne presto allontanata; Camphuysen si trasferì a Utrecht per diventare insegnante e contemporaneamente studiare teologia. A Utrecht prese coscienza della vanità delle cose di questo mondo e si rese conto che solo una scelta può essere quella giusta: quella dello

stretto sentiero di ritorno alla patria celeste.

Fu ministro a Vleuten per diversi anni. Durante i suoi discorsi, la chiesa invariabilmente si riempiva, anche di credenti di Utrecht. Ma fu deposto dal Sinodo di Dordrecht. Dovette fuggire dal paese e condusse a lungo una vita errante, trovando infine asilo a Norden in Germania (Friesland orientale), trenta chilometri a nord di Emden. A Norden sviluppò una profonda avversione per la chiesa visibile. Il visibile è il mondano, l'irredento, il non spirituale. La Chiesa come istituzione conosce solo la lettera e non lo spirito. Questa visione fu decisiva nella sua decisione di non predicare mai più.

Non gli restava che rivolgersi ai cuori delle persone attraverso la sua poesia per impregnarli dell'unica cosa che conta, la realtà di Dio. Nelle sue poesie mostra una pietà pratica e non dogmatica, che rende il suo lavoro così popolare tra ampi strati della popolazione dei Paesi Bassi. Non la lettera, ma lo spirito; non una sterile conoscenza intellettuale, ma una conoscenza che deriva dall'esperienza reale.

Dopo il suo esilio, al dissidente Camphuysen fu permesso di tornare nella Repubblica attraverso l'isola di Ameland. Arrivò a Dokkum. Era tollerato a condizione che si occupasse solo di vendere lino. Il 19 luglio 1627, esausto e malato, vi posò per sempre il capo stanco.

 

 


Fonti:

[1]  ] Peter Huijs, De vuurgloed van de ontstijging, (La fiamma ardente dell'ascensione), Rozekruis Pers, Haarlem 2012

[2] Nel diciassettesimo secolo i Collegianti formarono un movimento liberale che sosteneva il cristianesimo universale. La vera fede non escludeva nessun credente da qualunque direzione venisse. I Collegianti erano contrari ai dogmi e alla teologia. Con loro l'accento era posto sull'esperienza, sul contatto diretto con Dio. Non volevano essere una comunità ecclesiale. I loro membri provenivano dai circoli cristiani illuminati di Mennoniti e Rimostranti. Nei loro incontri mensili di apprendimento, le cosiddette “lezioni”, tutti potevano parlare liberamente. I primi raduni dei Collegianti ebbero luogo a Warmond, ma presto (1621) Rijnsburg divenne il centro dell'attenzione. Il più famoso collegiante di Rijnsburg era Spinoza. È anche noto che Rembrandt nutriva simpatia per i Collegianti. La famosa scrittrice Aagje Deken è cresciuta in un orfanotrofio collegiale. La cultura del canto spirituale dei Collegianti era di alto livello, in parte grazie alle raccolte di canzoni utilizzate di frequente da Dirck Camphuysen.

I Collegianti erano favorevoli alla tolleranza, rifiutavano ogni esclusività delle chiese, cercavano la restaurazione del cristianesimo nella sua forma più pura perché consideravano la Riforma un fallimento. Tutti i tipi di teologie e filosofie (come spinozismo e cartesianismo) potevano essere liberamente discusse. In questo modo i Collegianti fornivano un palcoscenico per l'intellighenzia non dogmatica. Ecco perché a volte sono considerati come i precursori dell'illuminismo.

[3] Si veda il dipinto di Anton L. Koster (1859-1937) della casa Spinoza a Rijnsburg all’inizio di questo articolo

back to home pdf share