aurora

Musica e Spazio dell'Anima, Distretto dell'Anima, Paesaggio dell'Anima – Cosmo dell'Anima – Parte 2

back to home pdf share

(Vai a parte 1)

 

03 Un viaggio attraverso le isole Aland, Helsinki, la Finlandia meridionale e centrale

Ogni opera di Jean (Janne) Sibelius (1865-1957) è originale. Nessuna delle sue opere ricorda qualche compositore prima di lui. Non c'è mai stato questo stile e la libertà di creare qualcosa di così originale. Le sue tecniche compositive non possono essere criticate. Si può parlare solo di genialità. Secondo Sibelius, la musica inizia dove finiscono le parole. In un certo senso, le basi per la musica finlandese sono emerse dalla sua mano.

Il finnico trabocca dalle melodie e dalle opere misteriose di Sibelius. Il paesaggio è udibile; i boschi frusciano, i mirtilli risplendono tra betulle e conifere. Prati selvaggi, brughiere di erica, paludi e la vastità del paesaggio sorgono nel cuore. Stormi di oche salgono con potenti battiti d'ala da laghi scuri. Profondità insondabili sono nascoste allo sguardo del meditatore. Laghi, colline e foreste si allineano fredde, nere e misteriose. Nubi alte si alternano a nebbia fitta e pioggia così dolce. L'azzurro brillante del cielo trasforma i laghi in oasi azzurre.

Lentamente si va avanti, nel mezzo di una costante trasformazione, scivolando oltre le bellezze naturali sino al vasto mondo insulare, arcipelaghi, scogli e resti delle ere glaciali. Nel Mar Baltico, il paesaggio di un arcipelago cresce in modo misurabile anno dopo anno, con isole sempre più grandi e alte. Tra qualche millennio ci sarà un sentiero nel mezzo dell'odierno Mar Baltico fino alla Svezia. Crateri meteorici di milioni di anni fa, labirinti incastonati nella pietra, mitologie e misteri del passato diventano udibili e visibili. Le opere sinfoniche di Sibelius evocano queste immagini. Il cuore si colma dell'unicità del paese, del compositore, di suoni inauditi. Un impeto di suoni per la casa, la solidarietà, il superamento della dominazione straniera, un grido dell'anima per la libertà. La Finlandia di Sibelius brilla di inni spirituali, e anche politici. La “melodia interiore” della Finlandia ha accompagnato molti testi:

- L'inno della Finlandia: Oi maamme, Suomi, synnyinmaa (O patria, guarda le ali luminose del mattino).

- Non ci sarà mai un'estate come questa...

- Inno inglese: stai tranquilla, anima mia

- Musica per film “Die Hard 2” con Bruce Willis

- Inno di Ermete Trismegisto : “Santo è Dio, Padre di tutte le cose. Santo è Dio, la cui volontà si compie grazie alla sua forza. Santo è Dio, che vuole essere conosciuto ed è conosciuto da quanti gli appartengono. Santo sei Tu, che con la Parola hai creato tutto quanto esiste. Santo sei Tu, a tua immagine è stata creata la natura universale. Santo sei Tu, che la natura non ha plasmato… Sii lodato, o Padre, il tuo uomo vuole santificare con Te ciò su cui Tu gli hai dato ogni potere”.

Chiunque viaggi in o attraverso la Finlandia dovrebbe portare con sé la musica di Sibelius. In questo modo, il viaggio può trasformarsi in un viaggio interiore ed esteriore dell'anima. La musica di Jean Sibelius risuona in modo chiaro e unico. Se hai ancora bisogno di una terza dimensione, cerca i dipinti del pittore finlandese Akseli Gallen-Kallela; la mitologia della Finlandia è stata rappresentata da lui in un modo incomparabile.

04. Fisica dell’anima

Johann Sebastian Bach (1685-1750) è morto mentre lavorava all’incompiuta Arte della Fuga o un'altra leggenda è più vicina alla verità? Il maestro era cieco a causa di un trattamento medico errato e di un'operazione agli occhi fallita. La sofferenza era quasi insopportabile per l'instancabile creatore delle più meravigliose opere musicali. Non riusciva più a scrivere. Ascoltava ciò che lo circondava nella sua poltrona: sentiva i bambini della scuola vicina applaudire e gridare; sua moglie e sua figlia cucivano, il rumore occasionale delle forbici, i suoni degli artigiani in strada: colpi di martello, sega, colpi d'ascia. Bach si appoggiava allo schienale e ascoltava il mondo mattutino. Solo attraverso il suo udito la vita trovava la strada verso la sua anima.

Un suo allievo sbagliò una nota al pianoforte. "Ummh, un quinto!" L'allievo era confuso e aspettava le critiche del maestro. Bach lentamente aprì gli occhi e fu sorpreso. "Luce! Luce! Vedo di nuovo!" esclamò. Altri lo fissarono increduli, ma lui vedeva di nuovo. Migliaia di melodie si erano accumulate nella sua anima. Era piena di musica. Uscì all'aria aperta con sua figlia e fu colpito da un grave ictus e dovette essere riportato in casa. I medici non avevano speranze. Diceva parole confuse. Le sue dita si muovevano come se stesse suonando il clavicembalo. Suo genero, Altnikol, suonava piuttosto meccanicamente un accordo sul pianoforte a coda mentre l’energia creativa di Bach fluiva ancora una volta attraverso di lui. Si sentiva come se stesse ascoltando una musica ultraterrena, un corale d'organo di altri tempi: “Quando siamo nella massima angoscia”. La vita era dietro Bach, ma c'era ancora un altro passo. "Cancella l'intestazione e scrivi” disse: “Davanti al tuo trono io passo”. (BWV 668). Dettò un nuovo corale ad Altnikol che, con la sua vecchia melodia, commuove fino alle lacrime:

"Davanti al tuo trono io passo,

O Dio, e umilmente ti supplico:

Non distogliere il tuo volto gentile

Da me addolorato peccatore”.

L'organo deve aver gridato in preda a una terribile angoscia. La "tenda del tempio" deve essersi squarciata. Gli angeli cantavano Gloria in excelsis Deo. Il paradiso era pieno di gioia e di suono. La famiglia piangeva sul letto di morte, ignara della sua felicità finale. Discese una pace profonda.

Bach conosceva la fisica del suono, la sua matematica, la sua struttura numerica e il misticismo dei numeri. In modo fantasioso, ha formulato il loro linguaggio più intimo. Il filosofo Gottfried Wilhelm Leibniz scrisse ai tempi di Bach: "La musica è un'arte nascosta dell’aritmetica della mente inconscia del suo conteggio". Bach non era un compositore che costruiva i suoi brani musicali. No, la sua mente abitava spazi dell'anima sconosciuti a tutti gli altri. Era in grado di raggiungere le regioni non verbali, riceverne i beni più elevati per condividerli con i suoi simili e con la posterità. Vedeva il mondo come un'unità all'interno dell'eternità creata da Dio. Ha cercato le regioni spirituali di questa eternità ed è stato in grado di rendere tangibile l'ignoto. Ha afferrato le "pietre filosofali", le ha rese udibili e ci ha regalato un riflesso dell'eternità. Non è semplicemente musica che viene suonata. No, è un'arte di vita polifonica unica.

Ma Johann Sebastian Bach non era un maniaco del lavoro che produceva incessantemente nella più profonda serietà. No, era un padre di famiglia estremamente amabile e divertente. Dal matrimonio con Maria Barbara ha avuto sette figli. Dopo la sua morte prematura, sposò Anna Magdalena. Con lei ha avuto altri 13 figli. La casa di Bach era un luogo di amore e di esuberante gioia di vivere, oltre che di frenesia musicale senza fine. Nonostante tutto questo, il suo carico di lavoro era immenso. Ha scritto oltre 1.000 opere, la maggior parte delle quali di grandi dimensioni, che sono state conservate per i posteri. Si conoscono solo 200 cantate, ma centinaia sono andate perdute.

Se l'Arte della Fuga BWV 1080 è stato il suo ultimo lavoro, ci sono buone argomentazioni anche per questo. Dopo un’ampia gamma della sua vita compositiva, dalla semplice canzone (Willst du dein Herz mir schenken BWV 518 …) a enormi oratori e messe, ci troviamo di fronte a una montagna di complessità, di sconcertanti domande come:

  • Possono esistere contemporaneamente il Big Bang e i buchi neri, un'attività creativa incomprensibile?
  • Dietro la materia musicale c'è l'antimateria?
  • La teoria dell'entanglement di Werner Heisenberg era già prevista nel 18° secolo?
  • Forma ed Emozione
  • La bellezza del suono della creazione
  • Paradiso ed espulsione allo stesso tempo
  • Alle più alte vette dell'anima, l'opera si interrompe incompiuta con il tema B-A-C-H.

Forse l'anima desidera ancora un pezzo che possa lenirla, ad esempio:

  • Aria dalle Variazioni di Goldberg BWV 988
  • Preludio al Clavicembalo ben temperato BWV 846
  • Gesù resta la mia gioia, BWV 147

Come dovrei riceverti (Oratorio di Natale) BWV 248

back to home pdf share