christmas

Natale come celebrazione interiore – una risposta al Coronavirus (Parte 1)

back to home pdf share

Da giovane una volta ho avuto uno strano pensiero: qualcosa potrebbe essere andato storto nello sviluppo occidentale? Il nostro sviluppo avrebbe potuto essere completamente diverso? Ci sono state decisioni di cui ora stiamo vedendo i risultati? Il pensiero era troppo mostruoso per me. L'ho rimosso. Accettarlo era al di là delle mie capacità. Oggi, molti anni dopo, vedo che noi occidentali abbiamo intrapreso una certa strada e che c'è stato davvero un cambio di rotta. Vorrei chiarire questo con l'esempio del Natale e anche con il Coronavirus.

Ognuno di noi vive la propria vita e una volta all'anno è Natale. Fino ad ora, la famiglia poteva incontrarsi senza ostacoli e alcuni si vedevano soprattutto a Natale. Mangiavamo abbondantemente, si scambiavano informazioni e regali. Tutto sommato, di solito era una bella sensazione. Quest'anno, tuttavia, tutto è diverso e possiamo cogliere questa opportunità per chiederci cosa potrebbe significare effettivamente il Natale.

Sì, certo, sappiamo che Gesù è nato circa 2000 anni fa. Ci è stato insegnato che era il Figlio di Dio e che attraverso la sua vita e morte ha redento coloro che credono in lui. Molte persone vanno in chiesa a Natale per riflettere su questo.

Ora abbiamo il Coronavirus. E ci sono grandi paure, e le speranze della maggior parte delle persone si basano forse più sul vaccino che su quello che è successo 2000 anni fa.

Il Natale non potrebbe diventare stantio? Non potremmo scegliere un altro giorno dell'anno in cui la famiglia si riunisce e c’è uno scambio?

Abbiamo forse dimenticato qualcosa? C'è qualcosa sepolto in noi che potremmo scoprire e che ha a che fare con il Natale?

La fonte interiore di luce

Durante gli incontri nella comunità spirituale di cui faccio parte, sperimento sempre di nuovo che una luce può accendersi per me. Non in relazione a qualche domanda a cui cerco una risposta, no, in generale una luce interiore. Qualcosa in me diventa luminoso, a volte di più, a volte di meno. Un amico mi ha detto che una volta era stato così coinvolto dalla fonte di questa luce interiore che lui stesso è diventato questa fonte. Per alcuni istanti era un punto luminoso, in un silenzio infinito e molto sveglio e da una grande altezza ha percepito se stesso.

La luce può divampare in noi. Innumerevoli persone l'hanno sperimentato e possono sperimentarlo. Questa luce vuole manifestarsi. Forma un campo intorno a noi, un campo energetico, un campo dell'anima. Nelle nostre riunioni spirituali, questo campo aumenta in vibrazione. Lo vivo come una sorta di spazio dell'anima che può arrivare lontano, a seconda dell'intensità della sua energia. Quando è molto intenso, questo spazio diviene coscienza e so che la nostra comunità forma un tale spazio che si estende su tutta la terra.

Quando incontro persone, entrano nello spazio della mia anima e io entro nel loro. Di solito non si presta attenzione a questo. Di cosa si riempiono allora gli spazi in quel momento? C'è spazio per l'altro? Tutto dipende da cosa sono riempiti gli spazi, perché attraverso di essi ci tocchiamo. Parliamo anche dell’irradiamento di una persona. Possiamo entrare in un campo pieno di problemi con un'altra persona, oppure possiamo entrare in un campo pieno di luce. Quando la luce interiore riempie lo spazio, lo dilata. C'è quindi spazio per tutto ciò con cui una tale persona entra in contatto. Tutto è abbracciato e toccato dalla sua luce e da essa riceve impulsi.

Da dove viene questa luce? Ogni essere umano è connesso a un punto focale spirituale. Vorrei paragonarlo a una stella che si vede nel cielo, un punto luminoso, un punto di fuoco. Da un lato è in me, mi appartiene, e dall'altro è parte di un universo spirituale. Questa stella e io ci apparteniamo. È il polo opposto della mia esistenza. Io sono il polo terreno, quello è lo spirituale. Sembra che siamo lontani l'uno dall'altro. La sensazione di perdersi che tante persone sperimentano si basa sul fatto che non conoscono il loro polo spirituale opposto. Tutta la ricerca dell'uomo è probabilmente finalizzata a trovare questo aspetto divino che gli appartiene. Il nostro aspetto spirituale ci spinge e ci chiama. Stiamo per diventare completi, per trovare il nostro vero sé, quel "partner" sconosciuto di noi che è nell'eterno.

Mi nutro ogni giorno e questo mi dà le mie forze vitali biologiche. L'altro polo del mio essere mi dà le forze spirituali.

Ho spesso sperimentato come questa stella sorge in me e la sua luce riempie lo spazio dell'anima. Per me, questo è il vero significato del Natale. La luce interiore risplende nella notte, una notte che è me stesso.

Ogni essere umano ha un tale aspetto trascendente. In questo aspetto divino siamo uniti gli uni agli altri, anche se ci affrontiamo come estranei nella vita ordinaria.

Quando la barriera alla stella interiore è rimossa e siamo così afferrati dalla sua luce, il nostro rapporto con le altre persone cambia. Sperimentiamo qualcosa dello stesso potenziale in loro. Diventa possibile una comprensione più profonda, anche della tragedia della vita, la tragedia dell'ignoranza in relazione al nostro essere più intimo. Ognuno porta la fonte della luce in sé. Quando ce ne rendiamo conto, stimoliamo potentemente lo sviluppo reciproco. È uno sviluppo molto diverso da quello che stiamo vivendo in questo momento nel mondo. Anche il nostro rapporto con gli animali e le piante cambia radicalmente.

Lo spostamento dell’interruttore

Cosa è successo allora nello sviluppo occidentale? Circa 2500 anni fa, filosofi greci come Pitagora ed Eraclito riconobbero che esiste un Dio nascosto nell'uomo. Hanno parlato del Logos nell'uomo. Hanno cercato di percorrere un cammino con i loro seguaci per risvegliare il Dio interiore. Ci sono molti passaggi nella Bibbia che indicano il divino nell'uomo. Nel Vangelo di Giovanni, nel capitolo 10, Gesù dice: "Non sai che sei Dio?”. I gruppi gnostici cristiani nei primi secoli hanno fatto l’esperienza del Logos in sé e hanno capito che il Vangelo riguarda il risveglio di questo divino nell'uomo.

Ma questi sforzi furono contrastati. Gli gnostici furono perseguitati e i loro scritti bruciati. E questo è quello che è successo in seguito ad altri gruppi e individui, in particolare ai grandi mistici. Ma anche uno dei primi Padri della Chiesa, Origene, ha fatto l’esperienza del Dio in sé e lo ha proclamato nei suoi scritti. In un concilio a Costantinopoli nel IX secolo, tuttavia, i suoi insegnamenti furono dichiarati eresia. Qualcosa di divino nell'uomo? No, l'uomo ha solo l'anima e non anche lo spirito divino.

Qui troviamo l’interruttore. Le persone rivolsero sempre di più la loro attenzione alla terra. Il pensiero di un aspetto divino nell'uomo è stato dimenticato, è scomparso nell'inconscio. Naturalmente i suoi impulsi hanno continuato ad avere effetto e tutti li hanno ricevuti. Le persone pregavano, erano religiose, ma consideravano gli impulsi interiori come buoni impulsi, come impulsi di coscienza del proprio essere naturale. Li attribuivano a se stessi e non alla fonte divina, al compagno spirituale invisibile.

Le persone hanno tentato di plasmare meglio le loro vite, e così si sviluppò l'intelletto e con esso le scienze, e fu formato il nostro ego attuale. È diventato forte e di solito riempie il nostro spazio mentale, quindi c'è poco spazio per qualsiasi altra cosa. La fonte divina, che potrebbe ancora risplendere, è dimenticata. Solo quando qualcuno entra in una crisi molto grande può sentire di essere improvvisamente trasportato da una forza interiore incomprensibile.

Le scienze odierne ci spiegano che l'uomo è venuto all’esistenza attraverso un gioco di mere particelle di materia nel corso di una lunga evoluzione. Non c'è spazio in questa dottrina per un significato divino. Diverso è quando sorge la luce interiore di una persona. Allora gli diventa chiaro che in ogni cosa esterna che sperimentiamo ed esploriamo c'è sempre un altro mondo coinvolto, il mondo spirituale, il quale irradia i suoi contenuti e impulsi nella natura e nelle persone. Le forme di base nel regno vegetale e animale sono espressioni di impulsi spirituali. Ne percepiamo qualcosa quando ci addentriamo nella magia della natura.

Torniamo al Natale. Le anime dei bambini sono rapite dalla storia del Natale. In loro, il Dio interiore non è ancora ricoperto dall'ego. La stella interiore brilla ancora e si riflette nello spazio dell'anima del bambino. Potremmo imparare qualcosa da questo. Il Natale dovrebbe portarci a permettere che ciò che avviene inconsciamente nell'anima dei bambini accada consapevolmente anche in noi.

E la crisi Coronavirus? Siamo esortati a mantenere le distanze l'uno dall'altro. Ma la distanza esteriore è solo uno specchio della grande distanza interiore, dell’essere di fatto separati dal centro del nostro essere, dalla sorgente di luce, la sorgente di calore e fuoco in noi. Le restrizioni del Coronavirus e la freddezza razionale ad esse associate dimostrano la nostra situazione. Ci fanno capire che generalmente viviamo al freddo, lontano dal focolare più intimo. La freddezza generalmente esistente è solo un po' intensificata dalle restrizioni. Nella vita economica questa freddezza prevale da molto tempo: nei reciproci rapporti d'affari, nel rapporto con la terra, nei rapporti con le culture indigene dei popoli.

È questo il risultato finale della cultura occidentale?

Qualcosa ha preso vita in me, qualcosa come un grido. Forse è lo stesso per gli altri, forse sta accadendo proprio adesso, in questi giorni. Qualcosa si sta agitando dentro di me, una fonte di luce proietta la sua luce negli spazi dell'anima. Questa luce vuole unirsi alla luce degli altri. Il Dio interiore, rifiutato, bollato come eretico, represso, dimenticato, comincia a risvegliarsi. È la base dell'essere umano, la base di ogni essere umano, indipendentemente dal fatto che siano religiosi o meno.

Quando il Dio interiore si risveglia, gli occhi dell'anima si sviluppano e sorge una nuova coscienza. Vediamo, sperimentiamo qualcosa dei mondi interiori.

Nel corso della mia vita, ho avuto molto a che fare con il lato materiale delle cose. Ma allo stesso tempo ho sperimentato che vivere nella materia è solo una faccia della medaglia. Raggiungiamo anche il trascendente, il divino, le dimensioni che vanno oltre il tempo e lo spazio.

Il Natale si celebra nelle notti più buie. Esattamente dove potremmo essere arrivati ​​ora. Allora può avvenire la svolta delle nostre vite. Possiamo partire da qui per diventare completi. Possiamo iniziare a guarire la grande ferita dentro di noi.

E il Coronavirus? Cosa c'entra il Coronavirus? Vedremo questo nella seconda parte dell'articolo.

(continua nella seconda parte)

back to home pdf share