Born

Nato dall'orecchio di Maria

back to home pdf share

Siamo nella Marienkapelle (Cappella di Santa Maria) della città tedesca di Würzburg. Nel portale settentrionale, la nostra attenzione è focalizzata su un timpano raffigurante "L'annuncio a Maria", noto anche come Annunciazione. In una rappresentazione enigmatica, simile a un rilievo, vediamo un serpente che va dalla bocca del Dio-Padre sul trono in cielo all'orecchio di Maria. Sul serpente, che assume la forma di una colomba vicino all'orecchio della madre di Dio, il nudo Cristo-bambino, con una croce ornata, scivola verso l'orecchio di sua madre. Quell'orecchio è circondato da una colomba.

Mary

Immagine:  Tillman 2007  CC BY-SA 4.0

L'opera risale a poco prima del 1400. L'insolita connessione tra la bocca di Dio e l'orecchio di Maria non è un'invenzione dell'anonimo scultore tardo medievale. Al contrario, ha ritratto quella che era una ferma convinzione nel quarto, quinto secolo: la concezione del figlio di Dio ebbe luogo attraverso l'orecchio di Maria, per cui la sua verginità rimase intatta. È un'interpretazione completamente diversa della scena natalizia rispetto alla storia tradizionale che è ormai in voga in quasi tutto il mondo. Tuttavia, la nascita attraverso l'orecchio di Maria sembra essere stata finalmente cancellata dalla memoria collettiva. È quasi impossibile trovarla in qualsiasi fonte. Solo in alcuni posti in Europa, come ad esempio ad Amiens e nella Bassa Austria, ne troviamo ancora qualche esempio.

Ciò è tanto più straordinario se si considera che la festa cristiana dell'Annunciazione – il 25 marzo, nove mesi prima di Natale – è importante e simboleggia il passaggio dall'Antico al Nuovo Testamento. Per secoli, l'annuncio ha coinciso con il Capodanno Fiorentino. L'introduzione del Calendario Gregoriano ha posto fine a questa tradizione. Ancora oggi, la festa dell'"Annunciazione a Maria" a Firenze, il 25 marzo, è una "celebrazione di Capodanno" alternativa e ricca di tradizione. Anche la nascita attraverso l'orecchio (lat. conceptio per aurem) era comune tra gli artisti. Ne sono testimonianza le prime immagini bizantine, così come un gruppo di dipinti italiani del XIII secolo e gli impressionanti dipinti murali nella cappella della necropoli egiziana di El - Bagawat (IV e V secolo).

Il nostro interesse per l'argomento aumenta solo quando scopriamo che la nascita attraverso l'orecchio non è un monopolio cristiano ma mostra caratteristiche universali. Ad esempio, nella leggenda Orientale del Salvatore Mongolo Chigemouni, apprendiamo che ha scelto la bellissima Mahana, la vergine più perfetta sulla terra, e l'ha impregnata perforandole l'orecchio destro durante il sonno. E Gustav Jung afferma in una delle sue opere che il Buddha Mongolo è nato dall'orecchio di sua madre.

Questa rappresentazione apparentemente peculiare e dimenticata della concezione dello spirito, che in olandese è anche conosciuta come il Messaggio di Maria, richiede ulteriori chiarimenti. Indubbiamente abbiamo a che fare con un'espressione simbolica di una verità nascosta e certamente non con la descrizione letterale di un evento reale.

Perché sappiamo così poco della nascita attraverso l'orecchio e perché il fenomeno è praticamente invisibile nella nostra tradizione spirituale storica? Perché la nascita avviene attraverso l'orecchio?

La risposta alla prima domanda non sarà una sorpresa. Nel XV secolo, l'immagine fu condannata dalla chiesa al potere per aver violato il dogma secondo cui la parola di Dio si era fatta carne dal corpo di una vergine. Si temeva che la nascita attraverso l'orecchio attirasse l'attenzione sugli insegnamenti del più grande Gnostico 1 di tutti i tempi, Valentino (~ 100-160) e le autorità ecclesiastiche ordinarono che tutte le immagini fossero distrutte. Secondo Valentino, Cristo aveva portato il suo corpo sulla terra in una forma spirituale pienamente matura, e Gesù è un esempio e un archetipo di ogni uomo spirituale. In una delle sue lettere Valentino osserva quanto segue al riguardo:

Gesù si controllava in tutte le circostanze. Gesù si rese conto della sua divinità, mangiò e bevve in un certo modo senza separare cibo e bevande. Il potere dell'autocontrollo era così grande che nessuna digestione ebbe luogo in lui. Perché non conosceva la distruzione.

Secondo Valentino, Gesù è stato sulla terra solo come forma apparente. Questo punto di vista, ampiamente diffuso tra i primi gnostici, è anche chiamato docetismo (gr. dokein = aspetto).

Dare alla luce un Dio

Per Valentino, Maria non era davvero una madre, ma solo un mezzo e un canale. Bogomili e Catari la videro esattamente così secoli dopo. Un Bogomilo non ha bisogno di una Madre di Dio, lui o lei è un Theotokos, un figlio di Dio che proclama la Parola di Dio. Per i Bogomili e i Catari, il conceptio per aurem era un aspetto importante della loro visione del mondo, perché respingevano tutto ciò che veniva "dalla lussuria della carne".

Qui tocchiamo un punto chiave. La condanna della nascita attraverso l'orecchio rende chiaramente evidente quanto "il cristianesimo occidentale e orientale abbia ingannato i suoi credenti" per rendere Cristo convulsamente un essere umano, limitandolo alla persona che Gesù era una volta. "Cristo non è un essere umano, non è una scrittura, ma un'essenza raffinata e sottile che si diffonde nell'essere umano ed è per il pianeta la luce del mondo".2 

Questa essenza sottile permette all'intero universo di diventare l'espressione perfetta dell'amore divino.

L'orecchio come organo primordiale

Il concepimento attraverso l'orecchio di Maria è un modello per una verità cristiana profondamente spirituale: "La fede viene ascoltando", dice Paolo. Maria è spesso raffigurata che non guarda l'angelo, ma ascolta solo la sua voce. Sentendo una parola di Dio nella fede, lei crede.

L'orecchio è anche considerato la parte femminile della testa. L'udito ha una consapevolezza che offre la massima attenzione con intenti preconcetti minimi. L'orecchio non può ottenere nulla, non può produrre nulla, non può fare alcun danno, sceglie da ciò che gli viene offerto e se qualcosa non piace all'udito non si può allontanare. L'organo uditivo è il nostro organo primordiale; è il primo senso ad agire nel feto e nel momento della morte è l'ultimo senso che ci abbandona. Il terapista francese dell'ascolto, Alfred Tomatis 3

(1920-2001), ne fornisce un esempio illustrativo. Una madre di lingua francese lo ha visitato con sua figlia per un disturbo dello sviluppo. Quando sua figlia raggiunse l'età sensibile alla lingua, parlava solo in inglese, mentre a scuola e nella famiglia si parlava solo francese. Dopo un'approfondita autoanalisi della madre, è emerso che durante i primi mesi di gravidanza aveva lavorato intensamente come interprete... in lingua inglese. È stata trovata così la chiave per risolvere il disturbo!

Quindi l'ascolto si verifica all'inizio della gravidanza. Il feto sente la voce della madre, cresce la fiducia che gli esseri sono una cosa sola con lei, prima di pensare. Quella fiducia che gli esseri sono uno è l'amore.

Anche allora si crea la possibilità di imparare in seguito ad ascoltare interiormente la "voce del silenzio" o "ciò che lo spirito proclama dal nuovo campo della vita". Non sono necessarie immagini misteriose per questo.

Come possiamo sviluppare l'udito e la vista interiori? Qual è l'atteggiamento nei confronti della vita di una persona che si batte per questo?

Tat pone a Hermes questa domanda: Che essere è questo, Padre?

Questo è un essere che parla poco e ascolta poco. Chi dedica il suo tempo a tenere dispute, o ad ascoltarle, lotta contro le ombre. Infatti, non è possibile conoscere Dio, il Padre, il Bene attraverso le parole, né con l’udito.

Tuttavia, possiamo sviluppare il nostro orecchio interiore solo se perfezioniamo anche il nostro udito esteriore in senso sociale. L'udito è un modo unico di percepire, lo abbiamo "visto" prima. I suoni non possono essere cambiati o allontanati. Possiamo chiudere gli occhi, stringerci il naso, ritirarci dal contatto e rifiutare di assaggiare. Ma non possiamo chiudere le orecchie. Poiché "l'occhio è la lampada al piede" che proietta la luce sugli oggetti che vede, l'orecchio è come una membrana, un guscio in cui risuonano le onde dell'oceano.

L'ascolto è un processo in cui diventiamo l'altro e lasciamo che l'altro diventi parte di noi. Il vero ascolto cerca l'oblio di sé, non l'espressione di sé. In un dialogo tra partner, colui che ascolta è nella posizione dell'umile accoglienza. Mentre la parola echeggia, l'orecchio "sente" l'altro, l'orecchio viene prestato all'altro. Per quel breve momento rinunciamo alla nostra identità, dopo di che torniamo a noi stessi e accettiamo o rifiutiamo ciò che è stato detto.

Ma in quel fugace momento di auto-dissolvenza, nasce qualcosa di nuovo!

1.Simone Pétrement, Le Dieu séparé les origines du gnosticisme, (Parigi 1984)
2.Peter Huijs, Volmaakt Licht (Luce Perfetta) Rozekruis Pers
3.A. Tomatis, L'Oreille et la Voix, Parigi, Éditions Robert Laffont, 1987

 

  • 1. Simone Pétrement, Le Dieu séparé les origines du gnosticisme, (Paris 1984, 698 pages)
  • 2. Peter Huijs, Volmaakt Licht, p. 80, Almere 2007, p. 80
  • 3. A. Tomatis, Het bewuste oor, Katwijk 2006
back to home pdf share