Child

Nato per necessità

back to home pdf share

Come te ne sei accorto, mi è stato subito chiesto quando l'ho detto a mia madre. Mia madre non è del tipo pensante, ma del tipo amorevole, ed è per questo che l'ho detto. Ma come lo spieghi? Provo a fare un tentativo.

Ero in un'atmosfera estremamente armoniosa, non in un corpo conosciuto, ma ero lì. È un ricordo nitido, da cui tutto il resto deriva. Perché qualcuno dovrebbe passare da un'atmosfera straordinariamente armoniosa a un luogo dove tutto è contradditorio, dove le persone sovente si guardano con diffidenza e cercano di ottenere tutto per se stessi e si combattono con le armi più pericolose che possono fabbricare? Non è altamente illogico? Lo fai solo per necessità.

Non tutti hanno in premio un ricordo così prezioso, ma sono convinto che sia presente in ogni essere umano. Io non sono niente di speciale, non c'è motivo di darmi qualcosa che qualcun altro non ottiene. Ho una fede assoluta (anche se questa parola è gravemente priva di significato) nella giustizia. Tutto è per tutti. Nulla accade senza una ragione, senza uno scopo, anche se può sembrare così. Non è necessario conoscere lo scopo o la ragione, è sufficiente saperlo.

Va bene, potresti dire, ma a cosa serve? Devi sapere per cosa vivi, altrimenti come sai cosa fare? Questa è la cosa bella: ho scoperto che se pensi di sapere cosa devi fare per raggiungere il tuo obiettivo, di solito ti porta da qualche altra parte rispetto a quell'obiettivo. Lo vedi nelle partite di calcio: quando la palla va in porta, ti avvicini all'obiettivo della vittoria, ma poi l'obiettivo si sposta su un'altra partita, e un'altra, e un'altra, e non si ferma. Non vinci mai davvero. Quindi forse l'obiettivo non è vincere, né diventare ricchi o famosi. In effetti, tutti questi movimenti continuano senza fine. È estenuante. Anche se non vuoi altro che morire perché hai inseguito tutti quegli obiettivi, allora devi vivere di nuovo e andare avanti finché un giorno ti fermi e ti guardi intorno. Cos'è tutto questo? Perché lo sto facendo?

E allora può darsi che un angolo del velo sia sollevato: “sollevato” è il termine giusto, perché dove è più scuro sotto i veli terreni, è più chiaro sotto i veli celesti. Appare un punto luminoso e si posa da qualche parte. Dove si posa non è importante, questa è un’altra domanda. L'importante è che non ti lasci mai. Ovunque sia accogliente e buio, dove puoi sprofondare in una morbida poltrona con un drink in mano, o dove puoi vivere come un pazzo senza stare fermo, c'è all’improvviso quel puntino, che si mostra per un attimo come un fulmine. Potrebbe dirti che ti stai comportando male, o che sei negligente, o darti un consiglio su come guardare le cose in modo diverso. Potrebbe anche chiederti: vuoi davvero passare il tuo tempo in questo modo?

Non devi preoccuparti di questo; non esercita alcuna pressione. Ma lo vedi.

Alcune persone vedono mouches volantes, mosche volanti che non sono mosche ma macchie, grumi nel liquido degli occhi. Se provi a catturare un tale puntino con lo sguardo, vola di lato, in alto o in basso. Non puoi prenderlo. Così è con questo punto luminoso. Quindi non cercare di afferrarlo. Arriva quando è necessario. È un punto di svolta, perché interrompe la tua routine, la tua vita pigra, la tua cecità per ciò che è importante. È un battistrada, perché ti solleva, ti rimette in piedi e dice: "Vivi!" Lo fa in tutte le lingue contemporaneamente affinché tu non possa dire: non lo capisco perché vengo dal sud o altro. È udibile ai sordi e visibile ai ciechi. Fa camminare gli zoppi... ma che dico? Non l'abbiamo sentito prima? Sì, perché riporta in vita anche le parole morte.

I puntini luminosi possono essere seguiti come un compito in un quaderno di attività per bambini: segui i puntini e vedrai cosa diventa. Si dispiega a poco a poco con ogni punto, e sulla strada per il punto 13 non sai ancora dove sia il 14. Né sai quanto sarà grande il disegno. Ora sono a un punto in cui penso che tutte le persone stiano collaborando a quel disegno, che poi diventa incommensurabilmente grande. Sto facendo la mia parte e ogni passo lungo la strada porta esperienze straordinarie.

La vita diventa sempre più magica, più leggera e più chiara, più spietata e più compassionevole allo stesso tempo. Appaiono sempre più punti luce in modo che io possa vedere il retro delle cose. Accanto alla sfera più alta della mia memoria c'è ora la sfera più profonda del mio presente.

Ora la domanda ha avuto risposta, si proclama la necessità. L’educata armonia non era la fine. C'era un desiderio, un desiderio sconosciuto, che dominava tutto. Ci sono strati più alti e più profondi, cerchi sempre più ampi, e non conosco la fine. Forse non c'è fine. Accettare sempre ciò che viene offerto, con piena fiducia, questa è la mia risposta all'amore e l'amore è vita.

Capisci, mamma?

back to home pdf share