Feather in Ocean

Libertà

back to home pdf share

Assolutamente tutti, in diverse fasi della loro vita, in diversi momenti di percezione, hanno sperimentato sia la sensazione di limiti impenetrabili sia la sensazione di avere una gamma più ampia di opzioni.

Secondo il dizionario, "libertà" è la capacità di una persona di esercitare la propria volontà. Ma pensiamo: la nostra volontà è qualcosa di indipendente e illimitato? Oppure è diretta e guidata dalle circostanze e dal passato personale di una persona (sebbene queste non siano cose davvero diverse)?

Cosa possiamo dire delle circostanze? Sono restrittive o è piuttosto il nostro atteggiamento nei loro confronti che ci blocca? Ad ogni modo, il desiderio di cambiare queste circostanze è un'indicazione sufficiente della nostra dipendenza.

Qualunque siano le circostanze, il nostro desiderio di liberazione è di solito una forma di resistenza contro di loro, e qualsiasi resistenza porta a un'aumentata sensibilità esterna ed esacerba la sensazione di essere limitati. Tuttavia non conduce alla liberazione.

Cosa possiamo dire riguardo al passato personale di una persona? Non è così che la volontà esercitata ieri ci porta in gran parte al tipo della sua manifestazione oggi? Come dice Krishnamurti, le nostre azioni sono determinate dalle nostre idee, che a loro volta sono determinate dalle nostre esperienze di vita.

La libertà relativa e superficiale in questo mondo ci ha aiutato a creare il nostro mondo esattamente come è adesso. Tuttavia, verso il suo stato attuale, la nostra volontà si manifesta sotto forma di reazioni. E le reazioni sono qualcosa di secondario e guidato, il che significa che non c'è affatto creatività in esse.

Per noi, la libertà è il diritto di scegliere, oppure il cosiddetto libero arbitrio che, si dice, sia il più grande dono ricevuto dall'uomo. Un simbolo di libero arbitrio nell'Antico Testamento, ad esempio, è Eva. Adamo che lo ha ricevuto, tuttavia, ha beneficiato di tutte le qualità del suo creatore (espresse dal fatto che Dio ha creato gli animali e ha concesso ad Adamo di dare loro i nomi).

Che cosa significherebbe allora il libero arbitrio per tale pienezza? Poiché Eva è stata creata dalla sua costola, è una personificazione della possibilità di una volontà isolata dal tutto. E, come detto, il serpente è stato in grado di parlare solo con lei. E Adamo, che scelse di essere separato, fu costretto a prendere ogni decisione, e quelle decisioni lo guidarono fino a quando la sua carica non fu esaurita.

Che cosa ci suggerisce ora la necessità di scegliere? Non è il nostro desiderio di identificarci, essere qualcosa di più tangibile, più consolidato, più significativo? Ma tutte queste affermazioni, non sono il contrario di indipendenza e illimitatezza? In questo senso ogni scelta ci limita sempre di più.

Non possiamo negare la predestinazione a cui abbiamo sottoposto noi stessi, il destino evocato dal nostro passato e la sua inosservanza delle leggi della natura.

Molto tempo fa le religioni orientali e, più recentemente, la fisica moderna, ci mostrano che non c'è una singola particella nell'universo che abbia una sua esistenza separata, tutto è il risultato dell'interazione di tutti.

In tal caso, c'è la libertà?

Naturalmente c'è, ma solo per il Tutto comprendente tutte le possibilità, e non per l'opportunità manifestata dall'individuo che cerca di guadagnare terreno per se stessa, diventando così fissa e immobile, cioè non ricettiva e senza vita.

Qual è la via del ritorno? Non c'è nulla di concreto (la parola "concreto" in latino significa "duro"), che dobbiamo fare per superare i nostri limiti personali o liberarci da essi, ma soltanto renderci conto immediatamente di questi limiti. Se siamo consapevoli dei nostri confini, vediamo effettivamente le leggi in base alle quali la natura opera.

Il fondamento di tutte le dipendenze è il nostro desiderio di essere più significativi e importanti. Possiamo chiamarlo anche desiderio di libertà personale. Questa libertà è la nostra più grande limitazione. E poiché questa libertà è evocata dal nostro desiderio di essere significativi, allora i suoi effetti pratici sono orientati verso questo desiderio.

Essere privi dell'impulso egocentrico della libertà personale elimina il fulcro di tutte le dipendenze, ed esse perdono la capacità di controllarci. Quando il muro che erigiamo dentro di noi per resistere e per affrontare le sfide scompare, non è più possibile che qualcosa ci colpisca o eserciti pressione. Il corso della vita fluisce naturalmente, sia in generale sia per l'individualità che rappresentiamo.

Non c’è opposizione, non c'è confronto, non c'è dipendenza.

Come detto prima, tutte le opportunità sono presenti solo nella totalità, e la privazione del desiderio dell'individuo di essere importante conduce al rilassamento e alla ricettività, cioè all'apertura a tutti. E la libertà è sempre stata lì. Infatti, per quanto riguarda l'essere umano, l'apertura è la libertà. Quando l'essere umano diventa così ricettivo a qualcosa di più universale e assoluto, questo può essere ancora più giustamente definito come Libertà.

Non è personale. È la libertà stessa.

back to home pdf share