terre sacrée

Terra sacra

back to home pdf share

Il testo che segue è stato letto nel corso dell’evento: “24 ore di meditazione per la Terra”, a Tolosa, attività che ha avuto luogo anche in altre città del mondo. Quest’evento ha lo scopo di ricordare che la Terra è sacra, invitando i governanti di ogni paese ad avere, in futuro, un nuovo atteggiamento nei suoi confronti.

“Un giorno un bambino venne verso di me e mi chiese:

– Quando sarò grande, potrò vivere dove voglio?

– Certamente, gli risposi, la Terra non appartiene a nessuno. Ognuno è libero di scoprirne la bellezza e di stabilirsi dove vuole.

Ma mentre lo dicevo mi chiedevo se fosse proprio così. Ho pensato che c’erano dei luoghi sulla Terra che non consiglierei a nessuno per viverci. I conflitti, la geopolitica, la distruzione degli ecosistemi, la predazione delle risorse, l’inquinamento, e i problemi climatici hanno generato insicurezza per molti, dando luogo a flussi migratori forzati come non se n’erano mai visti prima. Oggi non possiamo più dire a un bambino: sei libero di andare dove vuoi sulla Terra. La Terra è diventata una proprietà, uno spazio privato, desiderata e talvolta diseredata, abbandonata.

Ma la Terra ci appartiene? È diventata il frigorifero dell’umanità? Come concepiamo il luogo in cui viviamo?

Il pianeta blu – sperando che non diventi mai il pianeta grigio – è un organismo vivente. Dotato di sensibilità, di terminazioni nervose, di fluidi vitali, di polmoni, di un cuore magnetico pulsante: è un corpo animato. Respira, si muove, ci dà la vita e la supporta totalmente. Che cosa saremmo senza di lei? Chi ci nutre? Chi ci accoglie? Chi ci protegge dalle radiazioni cosmiche? Qual è il luogo delle nostre vite, dei nostri progetti e delle nostre civiltà? Il 100% di ciò che facciamo si realizza grazie alla Terra. Anche inviare una sonda ai confini dello spazio.

La Terra è nostra sorella.

Siamo fatti di una materia differente?

Gli atomi che compongono i nostri corpi e quelli della Terra provengono dalle medesime stelle. La base della vita – idrogeno, ossigeno, azoto e carbonio – è polvere di stelle. Noi condividiamo col nostro pianeta lo stesso patrimonio. Quest’unità atomica intrinseca delle nostre costituzioni rappresenta ben più di un semplice dato scientifico.

In realtà, la Terra e l’umanità sono una cosa sola. I loro destini sono inscindibili. È per questo che non possiamo immaginare il futuro dell'uomo senza pensare a quello della Terra.

Seguendo questo percorso, possiamo elevare la nostra visione ben al di là delle apparenze esteriori. L’uomo è solo questo corpo? Questa psiche? No. È anche un essere spirituale e nel suo cuore dimora un frammento di luce, il seme di una vita immortale. Quindi, se la Terra e l’umanità sono una cosa sola, anche il nostro pianeta possiede tutti questi aspetti. È la Terra, ma è anche Terra-celeste, e genera dal suo sole centrale la vita che non ha fine.

La vita è sacra.

L’umanità altrettanto.

La Terra anche.

È la nostra concezione di vita che dobbiamo reinventare. L’uomo ha in sé tutti gli aspetti della Terra. Secondo la coscienza che lo anima, egli è il testimone della grandezza del nostro pianeta.

Io sono la Terra.

Io sono gli oceani e le valli.

Io sono le montagne che salgono a solleticare il cielo.

Io sono i fiumi che serpeggiano nelle nostre contrade.

Io sono la roccia, la sabbia e la terra.

Io sono il cielo, le nuvole e il vento.

Io sono il fuoco che brulica nelle tue viscere.

Io sono i fiori così belli, gli animali così diversi.

Io sono gli uomini di tutti i popoli e di tutte l’età.

Io sono le aurore boreali che illuminano i nostri cieli.

Io sono l’anima del mondo che accoglie e consola.

Io sono le nuvole che illuminano le nostre anime.

Io sono lo spirito vivente che brucia nel tuo cuore.

Io sono la Madre dei viventi.

Io sono la Terra."

 

back to home pdf share