School, questions

Domande fondamentali

back to home pdf share

Cos'è la vita? Chi sono io? Perché c'è così tanta ingiustizia nel mondo?Domande fondamentali come queste sono probabilmente note alla maggior parte delle persone; ma da dove vengono e come viviamo con loro?

Sovente si desidera trovare risposte per continuare a porre domande fondamentali il più velocemente possibile. Il mondo e Internet sono pieni di risposte. Ognuna di esse è colorata da una particolare visione del mondo, ideologia o tradizione.
E se una risposta non sembra più adeguata, se ne cerca in fretta una più appropriata, da selezionare dall'infinito catalogo di spiegazioni.
Tuttavia, se siamo costantemente occupati con le risposte, non c'è il pericolo di smarrire la qualità vitale delle domande?

Vivere con la domanda
Una coscienza che vive con una domanda è in un'attività molto diversa rispetto a una coscienza che vive con una risposta.

Le risposte sono spesso sinonimo di parole o concetti, perché la coscienza umana normalmente vive di parole e idee.

Tuttavia, sorge la domanda: c'è una dimensione nell'uomo che sia al di là di ogni spiegazione, una dimensione che possa entrare in contatto diretto con la verità?

Anche questa è una domanda fondamentale.

Se si nega una risposta diretta a questa domanda, perché si riconosce che la risposta è di per sé una spiegazione, allora rimane solo uno stato di non-conoscenza. Qual è la qualità di questo stato di non-conoscenza? Non è, essenzialmente, uno stato di interrogatorio, di osservazione e esplorazione?

Ma da dove vengono queste domande fondamentali?
Nella nostra vita quotidiana siamo abituati a dire: "Ho questa o quella domanda" oppure "questa è la mia domanda". Ma è giustificato affermarlo?
È il caso che provoca consapevolmente una certa domanda fondamentale? È la volontà che la crea, o il pensiero che progetta di averla? È davvero qualcosa che puoi chiamare "mio" o è viva solo in te?
Quando si tratta di domande fondamentali, probabilmente arriverete alla conclusione che non c'era alcuna intenzione concreta di avere questa o quella domanda. Vista in modo neutro, si potrebbe dire: è semplicemente.

Si può quindi constatare che le domande fondamentali non scaturiscono dalla propria volontà. Derivano piuttosto dal contatto spontaneo tra uno stato vitale di non-conoscenza con ciò che è.
Le domande fondamentali sono quindi un'espressione naturale della vita stessa. Fanno parte del movimento creativo della vita, che si dispiega nel suo assoluto ordine e armonia.

La terra, gli alberi, gli animali, le stelle, l'intero cosmo armoniosamente vibrante sono un'espressione creativa dell'unica vita. Lo stesso vale per le domande fondamentali. Sono anch’esse una creazione della vita, ma su un livello molto più sottile.

La creazione non è ultimata; scorre costantemente come un fiume che si rinnova continuamente. E così l'uomo sperimenta in se stesso, come partner in questo processo creativo, anche impulsi creativi; per esempio le domande fondamentali che sorgono in lui.

Ogni domanda ha in sé la sua risposta
Nel mondo delle parole e dei concetti, questa affermazione può sembrare sciocca. Siamo abituati a ottenere risposte alle domande dall'esterno, da qualcuno che ci fornisce spiegazioni; che si tratti degli insegnanti della scuola, degli esperti della società oppure dei sacerdoti nelle tradizioni religiose. E questo va bene quando ci riferiamo alla conoscenza pratica del mondo esterno.

Tuttavia, nel regno interiore ciò ostacola il dispiegarsi di quella innata qualità profonda che richiede, comprende, respira, vive e sboccia da se stessa.
Come esseri umani, siamo così abituati a consumare risposte e parole, che inconsciamente, nel profondo, crediamo di non essere in grado di scoprire da soli ciò che è la verità, e ci adattiamo quindi alle risposte e ai concetti che ci vengono dati.

La vita si interroga su se stessa
Si può dire, per esempio, che il seme di un albero porta in sé la domanda di cosa sia un albero. Il seme ha bisogno di spazio, silenzio, aria, acqua, terra e luce per manifestare l'albero. Allo stesso tempo, tutto è previsto per realizzare questo impulso creativo della domanda su cosa sia un albero. È lo stesso con l'essere umano.

In ogni espressione creativa della vita, la vita è, in sostanza, indagine su se stessa: nessuna espressione della vita è separata da un'altra. E così, la vita si interroga su se stessa anche attraverso l'essere umano: Cos'è la vita? Cos'è la verità? Queste domande vibrano nell'intera creazione.
Ora, la domanda "cos'è la vita" ha disegnato attorno a se una veste di parole: ha assunto forma e figura. Tuttavia, non c'è un bisogno di indagine più profondo dietro di essa? Alcune parole che formano una particolare domanda si materializzano da questo ambito più profondo su tutti i livelli intermedi del nostro essere, fino alla peculiarità del nostro pensiero.

La domanda in sé va ben oltre le parole: "Cos'è la vita?". Le parole sono solo la punta dell'iceberg e dietro di esse c'è il potente impulso creativo della vita. Essere consapevoli della domanda, rifletterci sopra, significa dare spazio a questo vasto movimento creativo.
Ogni domanda è come l'apertura di una porta. La vita apre questa porta nell'uomo; la tocca scherzosamente. E se questa porta non è chiusa da semplici parole, da speculazioni soggettive o rapide spiegazioni, allora questo movimento giocoso dell'unica vita nella coscienza si approfondisce da se stesso.

Avere una domanda fondamentale non richiede sforzi. Nella consapevolezza silenziosa della domanda, ciò che è vero, ciò che è assoluto e sacro può iniziare ad esprimersi nella coscienza dell’essere umano.

Osservando attentamente
Può lo svolgimento di ciò che è sacro avvenire ora, nell'attenta osservazione di queste cose in sé? Può accadere, nella stessa indagine, di scoprire se ciò che viene detto è vero o no?
Una tale indagine non richiede un'analisi intellettuale. Per scoprire da soli ciò che è vero basta osservare, ascoltare senza ombra di giudizio, conclusione o dipendenza da ciò che già si conosce.

Chiedere e indagare, osservare e ascoltare fanno parte delle qualità più profonde e naturali della vita, e quindi dell’essere umano stesso. E questo osservare e indagare divampa quando la coscienza vive con la semplice realtà del "io non so". La non-conoscenza è il ramo dormiente da cui la creazione sacra allarga le ali: eternamente nuova.
Dove è presente anche un sottile "io so", nulla di nuovo si può svelare. "Io so" è in sostanza l'assenza di attenzione.

Lo sviluppo di questa coscienza nell'uomo è una maturità assoluta. In una tale coscienza, la domanda nasce e crea immediatamente un movimento di risposta, oltre alla sua connessione con la luce, l'acqua, la terra, con ogni cosa. Questa risposta non è principalmente nelle parole, nei concetti o nelle idee astratte, ma nel dispiegarsi immediato e continuo della verità nell'uomo. Significa essere un terreno fertile per il movimento creativo della vita.

Quando le corde di una chitarra vengono accarezzate, la risposta della cassa armonica può essere un suono meraviglioso. Per vibrare, essa deve essere completamente imparziale, perfettamente ricettiva e non aspettarsi nulla; ascolta come se interrogasse.
È possibile che l'essere umano ascolti in questo modo interrogativo? Se questa è per lui una domanda fondamentale, non è necessario alcuno sforzo per permetterle di fiorire.

 

back to home pdf share