perception

Nuovi occhi svelano un mondo diverso

back to home pdf share

Noi percepiamo ciò che pensiamo. Tutto ciò che vediamo riflette il significato che diamo alle cose. Il mondo che potremmo pensare come una realtà e al di fuori di noi è, in verità, lo specchio della nostra mente. E poiché il nostro processo mentale avviene nella nostra mente, il mondo ci mostra il nostro stato spirituale dell'essere.

Se un mondo di malattie, sofferenze e morte non è ciò che vogliamo, dobbiamo trasformare la nostra mente. Per fare ciò è necessaria una via interiore.

Possiamo davvero credere che tutto ciò che percepiamo ora sia la creazione di un padre amorevole e onnipotente? Tutta la sofferenza nel mondo è opera di Dio? Chi vorrebbe rivolgersi a un tale dio? Il nostro semplice desiderio per ciò che siamo veramente, per la fonte del nostro essere, ci mostra che la nostra gioia e la nostra pace sono il luogo da cui proviene il nostro desiderio. L'amore eterno non può essere stato creato da questo mondo. Pertanto, questo amore ci porterà lontano dall'illusione e dall'io, cose che siamo in realtà.

Mi è diventato chiaro: Dio è la fonte della verità. Qualcosa si è mosso dentro di me che vorrei chiamare trascendenza, Dio. Si mostra in modo inaspettato. Vedo la fonte della mia brama in esso. Mi arrendo ad esso e quindi la mia identità cambia. Ottiene nuova forma da questa fonte. Da questo stato appena acquisito dico: dietro il mondo che è soggetto alle fluttuazioni della sofferenza e della gioia, c'è un altro mondo, in cui regnano pace, gioia e costante trasformazione. Il nostro mondo è reale nella misura in cui noi lo rendiamo tale. Lo vivo come un velo ingannevole, ma anche come un faro.

Si sviluppa in ogni momento attraverso una mente che pensa in modo diverso da Dio e che non ha ancora trovato il senso della sua esistenza. Una tale mente produce pensieri che sono separati dalla fonte della vita. Questa fonte consente a tutti i percorsi, inclusa la mente, di creare illusioni e creare un mondo separato dalla Sorgente.


Il nostro sistema di pensiero dell'ego viene vissuto come un'entità separata. Tuttavia, poiché la separazione è un'illusione, questo vale anche per l'ego stesso: viene mantenuto attraverso la credenza della sua realtà. Il nostro corpo visibile è separato dagli altri corpi - questo è ciò che i nostri organi sensoriali ci dicono. È l'espressione dell'essere separati. La nostra mente è strettamente connessa a questo. La percezione del sistema di pensiero dell'ego sperimenta di conseguenza ciò che è visibile come verità. Questo cambierà quando la nostra coscienza sarà abbracciata dalla fonte. Perciò cambieremo idea. Sperimenteremo quindi l'interazione di tutto ciò che c'è nella vita. È un misto di causa ed effetto credere che la nostra percezione sia una conseguenza di ciò che accade realmente nel mondo. È, in realtà, il contrario: il mondo ci mostra le immagini in cui vive la nostra mente. Il sistema di pensiero dell'ego può sforzarsi di migliorare il mondo e la propria vita. Il mondo si mostrerà sempre secondo gli standard che vengono utilizzati. Un pensiero "capovolto" sarà sempre confermato. Avrà sempre ragione sulla base di ciò che è stato modellato. Per me, la pace e la gioia sono la verità di Dio perché sono sorti in me nel corso del mio percorso interiore. Insieme a loro, c'è l'esperienza che la vita, sebbene si mostri in molti aspetti diversi, è una. L'attaccamento alla separazione è diventato un'illusione per me. La vera percezione è quel modo di vedere che va oltre ciò che i nostri occhi fisici ci mostrano. Va oltre, guarda cosa c'è dietro il velo delle forme. O, in altre parole: svela il significato delle forme; guarda attraverso di loro, li comprende come segnali per l'altro mondo in cui si trova la vera identità delle cose.

 

La "vera percezione"

Finché vogliamo avere ragione riguardo a ciò che pensiamo e vediamo, nessuna trasformazione spirituale è possibile. Perché ogni pensiero lascia il suo effetto nella nostra struttura interiore. Questo effetto è una cristallizzazione, che ci conduce a ragionamenti circolari.

Ecco perché il pensiero deve essere flessibile e sempre rinnovato. Questo diventa possibile quando ci muoviamo verso la fonte della vita. I cambiamenti che si verificheranno, non sono qualcosa che ci prefissiamo di raggiungere. Significano che "qualcosa" dentro di noi vuole manifestarsi, qualcosa che non conosciamo ancora, ma a cui ci sentiamo comunque vicini. Possiamo ammettere questo nuovo aspetto, possiamo dargli un po’ di spazio. Possiamo aprirci all'ignoto che vuole trasformarci dall'interno. Noi siamo i destinatari di ciò che viene dal Divino - noi non siamo i creatori. Fare e giudicare, separati dall'origine divina, ha generato i veli che ci impediscono di riconoscere la luce. Possiamo lasciare che questi veli si dissolvano. Il percorso per farlo è preparato. Comincia con il fatto che i nuovi sensi si agitano dentro di noi. Ci chiedono: vuoi mantenere i tuoi giudizi o sei pronto a farti da parte, in modo che qualcosa di più profondo possa illuminarsi dentro di te?

Siamo liberi nella nostra decisione perché l'amore senza libertà non può esistere. Se vogliamo continuare a muoverci nel mondo delle illusioni, crocifiggiamo la luce. Persino le illusioni hanno bisogno di una luce creativa; loro la usano. Da questo punto di vista, anche la luce attende la salvezza. Ma nulla può essere forzato. Il "piano di salvezza" consiste in noi che ci svegliamo dal sogno. Ogni volontà di rinunciare a pensieri di separazione e di far accendere il tutto dentro di noi, sarà gioiosamente usata dallo Spirito Santo, il rinnovatore della vita. Ciò rettifica la nostra mente rivelando la nostra vera identità. La luce della fonte originale soddisferà quindi la nostra coscienza. Vedremo il mondo in modo diverso. Vedremo come la luce è attiva ovunque. La luce guarda se stessa attraverso di noi. Il mondo si sperimenta nuovamente attraverso di noi.

back to home pdf share