heaven

Il mito della Pistis Sophia parla di nuovo

back to home pdf share

Una traduzione inglese apparve all'inizio del ventesimo secolo e Carl Jung, ad esempio, ne possedeva una copia. Negli anni '60 del secolo scorso, una traduzione olandese fu stampata dalla Rozenkruis Pers. Gli scritti rinvenuti a Nag Hammadi che sono diventati disponibili danno oggi una nuova immagine della Pistis Sophia: è una rappresentazione mitica del potere spirituale che può rivelarsi nelle nostre vite nel ventunesimo secolo.

La vita spirituale dei primi secoli della nostra era si concentra principalmente sul mondo luminoso, chiamato anche il pleroma, dove l'uomo-luce inizia il suo sviluppo. Quest’uomo, ci dicono gli scritti, porta una scintilla della Luce originale del pleroma nel suo cuore. Questa scintilla è quindi il punto di partenza di un cammino iniziatico verso il pleroma.

Durante i primi secoli della nostra era, un dogma è stato creato attorno alla libera espressione dell'apprendimento della luce. La luce brillava ancora nelle tenebre, ma era sempre più difficile averne una comprensione interiore. Così, gli scritti dei primi giorni furono rielaborati, adattati e posti nel contesto di un evento storico: un salvatore che esiste al di fuori di ognuno senza alcuna forza spirituale interiore.

Il cammino di iniziazione dall'oscurità alla luce era considerato impossibile per chi aderiva a gruppi che avevano pensieri "altri", che differivano da quelli dell'ordine stabilito.

Ricercatori contemporanei ci hanno mostrato chiaramente che molte immagini mitiche dei primi secoli della nostra era sono scomparse e sono state dimenticate. È possibile trasformare un mito in una persona storica, come è successo con Gesù. Il mito della Pistis Sophia è stato completamente dimenticato a causa della distruzione di tutte le fonti scritte. È stato, per così dire, bandito dall'inconscio collettivo dell'umanità.

Fortunatamente, oggi possiamo leggere e studiare nuovamente le antiche Scritture. E forse possiamo ora capire meglio il mito della Pistis Sophia. Negli scritti di Nag Hammadi è sovente descritta come un potere spirituale creativo nel pleroma. Lì è portatrice e custode della saggezza dell'uomo di luce.
Tuttavia, a un certo momento, si manifesta un nuovo universo al di fuori del mondo luminoso del pleroma. In questo appare l'ombra e infine l'oscurità, e la vita dell'umanità diventa ciò che è oggi.

Il comportamento della Pistis Sophia, nel vangelo che possiamo leggere nel codice di Askew, è una reazione a questo degrado. È la narrazione di un'anima che libera se stessa dai legami del mondo materiale e comprende profondamente che questo mondo è governato dalla volontà, dalla mente e dai desideri di una natura inferiore. La Pistis Sophia rimane comunque rivolta verso la "luce delle luci". Si libera dall'oscurità e si unisce infine a Gesù il Salvatore .

Il cammino della Pistis Sophia può aiutarci a divenire consapevoli delle possibilità che sono dentro di noi. È come attivare una forza spirituale interiore, secondo un metodo suggerito dal mito. La cosa più importante è iniziare a vivere da un'intenzione che renda giustizia a ciò di cui sei già consapevole. Se non riesci a mantenere i tuoi propositi, puoi invocare la Pistis Sophia: la fonte della saggezza e della fiducia nelle profondità del proprio essere. Pistis significa "fede" e Sophia "saggezza del cuore".

Nel ventunesimo secolo, lavorare con le energie disponibili della vita quotidiana è un processo dinamico. Più volte mettiamo alla prova la nostra coscienza contro la realtà della vita. Qui incontriamo ciò che è necessario per approfondire la nostra coscienza. Non solo riflettendo, ma anche avvicinando ogni cosa con un cuore ricettivo, saggio e sempre meravigliato.

Un atteggiamento di vita che renda giustizia alla nostra vera natura di esseri umani è credere, avere fiducia, scoprire, essere profondamente toccati e meravigliarsi. Ma possiamo anche dimenticare, soffrire, accettare, riscoprire, cadere e poi rialzarci.

La nostra coscienza può evolversi là dove tutti i confini scompaiono, vivendo dei valori eterni del pleroma, dove l'Amore onnicomprensivo è la nota fondamentale dell'esistenza. Il mito non è solo un mito, ma è un potere spirituale attivo dentro di noi. Ciò dà ispirazione, gioia e fiducia nella nostra fonte interiore di vita.

La Pistis Sophia rivive nel presente del XXI secolo.

 

 

References

Codex Askewianus contains the Coptic translations of the Gnostic Pistis Sophia

Pistis Sophia; A Gnostic miscellany: being the most parts extracts from the Books of the Saviour, to which are added excerpts from a cognate literature; Englished by G. R. S. Mead, London, J. M. Watkins , 1921

 

 

back to home pdf share