Cross

La mistica Dorothee Sölle

back to home pdf share

Recentemente mi sono imbattuta in un film di Rüdiger Sünner intitolato Mysticism and Resistance. Narra la vita della mistica tedesca Dorothee Sölle e la sua ricerca di Dio (1929-2003). La sintesi della sua ricerca interiore è la seguente: «La religione del terzo millennio sarà mistica o morirà».

Cos'è il misticismo?

La parola "misticismo" deriva dal greco e significa "dottrina segreta". Si riferisce a un percorso, a un'esperienza, a una realizzazione che riguarda "i misteri". È quindi una tendenza religiosa che cerca di condurre l'uomo all'unione personale con Dio attraverso la devozione e la contemplazione. Il Medioevo è noto soprattutto per una mistica ricerca di Dio. Il misticismo è sempre stato presentato come un'esperienza personale di Dio, o come ricerca di una consapevolezza della presenza immediata di Dio. Spesso sono esperienze spirituali oggettivamente inaccessibili. Rappresentanti nel campo cristiano furono, per esempio, Angelus Silesius (1624-1677) e Meister Eckhart (1260-1328). Nel mondo islamico i mistici sono i Sufi. In tutte le religioni i mistici parlano di una scintilla divina che può essere accesa nell'essere umano.

La Via di Dorothee Sölle

Dorothee Sölle ha studiato teologia protestante, filosofia e letteratura. Nella sua dissertazione alla Facoltà di Filosofia dell'Università di Colonia, ha affrontato il rapporto tra teologia e poesia. Dal 1971, ha insegnato per diversi anni letteratura tedesca. Non le fu concessa una cattedra di teologia in Germania a causa delle sue idee non convenzionali su questioni di fede. Così è successo che ha insegnato al Seminario Teologico dell'Unione di New York dal 1975 al 1987.
Il lavoro poetico di Dorothee Sölle fu scritto tra il 1969 e il 2000 ed esprime la ricerca di un nuovo linguaggio per parlare a Dio. Era particolarmente interessata ai poveri, ai perseguitati e ai sofferenti della guerra. Ha partecipato a numerose dimostrazioni di pace.

Nei suoi scritti afferma che il misticismo non deve essere una interiorità fine a se stessa, ma può culminare in una vita attiva. Riguardo al suo orientamento mistico nella vita, ha coniato il termine theo-poetry. Parla a Dio in immagini e lo rappresenta come un cantore dell'intangibile, che potrebbe non essere mai compreso razionalmente. Ma secondo le sue parole, è un'espressione di vita che ci pervade in ogni notte stellata, in ogni relazione d'amore e in ogni pezzo di musica di Johann Sebastian Bach.

Era l'elemento mistico che non l'ha abbandonata per tutta la vita, il senso di unità con tutto ciò che vive, l'immersione, la cessazione dell'ego e la scoperta del vero sé. Secondo lei, la sensibilità mistica conosce forme teistiche, atee e panteiste. Un'esperienza chiave è la rottura dell'isolamento del nostro sé attuale.
Afferma: «Siamo capaci di trascendenza». La sua coscienza mistico-ecologica vede se stessa coinvolta in tutto quello che esiste. Tutto ciò che vive non può che vivere e sopravvivere nella convivenza della relazione. Questo tipo di convivenza si collega anche con il passato, il presente e il futuro. In realtà, spiega: «La mia felicità è sempre iniziata con l'altruismo».

Il libro di poesie di Dorothee Sölle intitolato Verrückt nach Licht (Pazzo per la Luce) contiene sia la teologia sia la poesia moderna. Nel XX secolo, promuove il misticismo, il misticismo che consente all'uomo di vivere con il potere divino.
Ulrike Voigt, nel suo libro Mystikerinnen (Donne Mistiche) scrive di Dorothee Sölle: «Per Dorothee Sölle, l'amore di Dio arriva sempre con la filantropia, entrambi sono al centro della vita mistica. Quindi il misticismo include sempre la sofferenza, soffrire con la sofferenza delle altre persone». E cita Dorothee Sölle: «Il politeismo postmoderno è distruttivo perché rende unici i poteri vitali – come il lavoro, la sessualità, la nazione, il denaro, la scienza – idoli a cui sacrifichiamo le nostre vite e le vite degli altri. Servendo questi idoli, esclusivamente e ciecamente, profaniamo la vita, che appartiene a Dio.
Attratta dal misticismo, sogno di trovare un'altra forma di spiritualità nel qui e ora. Meno dogmatico, meno mentale. Dovrebbe essere collegato all'esperienza nel doppio senso della parola, che significa sia la genesi sia le conseguenze di questo amore di Dio. Così ho cercato gli elementi mistici della fede nella Bibbia e in altre sacre scritture.
L'esperienza mistica è felicità: e allo stesso tempo ti fa diventare senza dimora, come è successo al giovane Gautama, che divenne il Buddha.
La distanza dalla realtà quotidiana non giustifica necessariamente la grande parola "resistenza", ma indica un'altra vita. Felicità e senza dimora, compimento e ricerca, vicinanza a Dio e amarezza della sua assenza nella vita quotidiana dominata dalla violenza, si uniscono».

A proposito di amore

Dorothee Sölle scrive: «L'amore non finisce mai. Qualunque cosa si possa dire dell'amore, non finisce con e in un essere umano. Trascende ogni possibile realizzazione, vuole sempre di più. Questo volgere al termine nel linguaggio della tradizione è chiamato: “trascendenza”. Ma il vero nome storico della stessa cosa è “sofferenza”, perché l'amore di Cristo è infinito, perché non pone condizioni che sarebbero finite una volta soddisfatte; sofferenza perché l'amore non conta sui suoi limiti. Ogni relazione con una persona ci rende vulnerabili, maggiore è l'amore, più vulnerabili siamo.
Chi è autosufficiente non ha bisogno di nessuno, è autonomo, e sperimenterà anche meno dolore. Ma Cristo, che invita all'amore, non ha mai raccomandato di evitare il dolore, per salvarsi, come consigliavano gli Stoici. Ne risulta che Cristo sensibilizza le persone, le rende attente, riflessive, sensibili e vulnerabili.
Colui che ha sperimentato la bontà incondizionata di Dio, comprende la vicinanza di Dio come amore, respira e sente che non può tenerlo per sé».

 


 

Sources:

Rüdiger Sünner’s Film “Mystik und Widerstand – Zur Erinnerung an Dorothee Sölle” (Mysticism and Resistance - In Memory of Dorothee Sölle), 2013

Ulrike Voigt, “Mystikerinnen – Die Kraft spiritueller Frauen” (Mystics – The power of spiritual women), 2017

back to home pdf share