Cells

Star Trek: Nostalgia dell'Altro (terza parte)

back to home pdf share


Il Viaggio dell'Eroe

Il viaggio dell'eroe è la descrizione universale, in immagini archetipiche, del processo interiore di autorealizzazione umana. È parte integrante delle culture di tutto il mondo e attraversa tutte le epoche con così poche variazioni che Joseph Campbell, il grande studioso della mitologia comparata, ha coniato il termine monomito. Esempi noti della cultura popolare contemporanea includono Il Signore degli Anelli, Star Wars, Matrix, Harry Potter e Avatar. Esempi classici comprendono l'epopea di Gilgamesh, il Kalevala, il Parzival e il Flauto Magico di Mozart.

I regni fantastici, le galassie – locali, lontane o molto lontane – attraverso le quali viaggiano l'eroe e i suoi compagni, simboleggiano il regno interiore del microcosmo, l'essere umano nella sua interezza. Questa fase metaforica è popolata da personificazioni di aspetti interiori e dalle loro relazioni e azioni a volte drammatiche che conducono a un rinnovamento dell'intero microcosmo. Ciò che viene dopo può essere meglio accennato con parole, suoni, immagini in movimento o fisse. Percepiamo intuitivamente che ciò avviene in aree e stati trascendenti che appartengono all'Altro, l'immortale dentro di noi. Il viaggio dell'eroe ha quindi di solito una fine vaga e incerta. Ancora una volta, la nostra intuizione ci dice che il processo continua (o forse inizia davvero) in altre sfere, inaccessibili alla nostra coscienza.

La trama archetipica del viaggio dell'eroe può essere delineata piuttosto rapidamente: di solito la storia si svolge in una situazione di disordine generale e confusione, secoli dopo la caduta di una “età dell'oro” (l'originale, intero, ma non ancora consapevole stato di esistenza). Forze maligne e ostili governano con un pugno di ferro, e stanno per distruggere le ultime sacche di resistenza. Ora appare un giovane, ignorante e sostanzialmente indifeso che mostra già la sua vocazione, ma inizialmente rifiuta il suo fatidico compito. Scaraventato nel suo destino, il nostro eroe si imbarca nel suo viaggio e supera se stesso (con l'aiuto dei suoi amici) e sconfigge l'avversario dopo una drammatica iniziazione ottenuta con perdite dolorose.

La situazione di Star Trek è in qualche modo diversa: dopo guerre devastanti, la grande crisi dell'umanità, a livello planetario, è stata superata da molti secoli. La Terra è unita e le civiltà mature della galassia conosciuta hanno formato un'alleanza basata sulla fiducia e il rispetto reciproci, lo scambio culturale e la cooperazione scientifica. Il desiderio di autorealizzazione ha ampiamente sostituito l'autoconservazione come leitmotiv culturale. La scienza e la tecnologia hanno apparentemente inaugurato una nuova era dell'oro in cui risorse ed energia illimitate hanno posto fine alla povertà e alle guerre.

Ma lo sviluppo dell'essere umano non è ancora completo, perché la strada verso il sé interiore non è stata ancora percorsa per intero. Ad un certo punto, lo sviluppo della consapevolezza interiore, l'"evoluzione spirituale" non avviene più automaticamente. L'essere umano è chiamato a intraprendere, consapevolmente e autonomamente, un'esplorazione interiore “memorizzata”, per così dire, nel subconscio collettivo dell'umanità come il Viaggio dell'Eroe. Invece di un solo eroe, Star Trek propone diversi personaggi le cui azioni ed esperienze formano un insieme strettamente intrecciato.

Nuovi sviluppi, nuovi protagonisti

Ai "bei vecchi tempi" del Capitano Kirk (uno stato di coscienza precedente, gioioso e quasi innocente al confronto) le cose erano chiare: c'era, da un lato, la Federazione Unita dei Pianeti composta da Umani, Vulcaniani, Andoriani e Tellariti. C'erano umanoidi dalla pelle verde della costellazione di Orione, la lucertola Gorn e alcune altre razze aliene, abbastanza intercambiabili, che non hanno mai avuto un ruolo importante come "alieni della settimana". Poi c'erano i Romulani, intriganti e autoritari e, naturalmente, i Klingon arroganti e bellicosi, la cui apparizione garantiva inevitabili problemi. Nel frattempo, la Federazione e l'Impero Klingon hanno stipulato un'ardua pace: il lato selvaggio, aggressivo e il lato coltivato e adattabile della mente si sono riconciliati il più possibile. Ora le lotte di potere interne dell'Impero Klingon sono sempre più rilevanti per la storia; però, sebbene integrato per la maggior parte, questo aspetto della coscienza dell'essere umano non ha ancora trovato la pace.

Una zona neutrale fu istituita tra il territorio Romulano e quello della Federazione, ma per decenni non si è saputo nulla degli stessi Romulani (falsità, astuzia). Quando riemergono sulla scena con il botto, la zona neutrale si trasforma in un teatro di continue lotte di potere e provocazioni. Interpretazione: la coscienza matura ha messo da parte la propria astuzia, ma essa è sempre presente, anche se invisibile, e rimane in attesa. Opportunamente, le navi romulane sono dotate di dispositivi mimetici che le rendono invisibili fino all'ultimo momento.

Inoltre, appaiono anche gli avidi Ferengi la cui intera cultura è basata esclusivamente sulla ricerca del profitto; i Cardassiani militaristi che per decenni hanno oppresso i Bajorani fondamentalisti (entrambe le razze hanno avuto ruoli importanti in Star Trek: Deep Space Nine); i primitivi ma astuti Pakleds e molti altri. Gli avversari veramente potenti e molto pericolosi sono Q e i già citati Borg.

I grandi antagonisti

"Q" è il nome di una razza, il nome di ogni membro di questa razza – e di un esemplare molto specifico che appare nel film pilota della serie e continua a perseguitare l'equipaggio dell'Enterprise fino all'ultimo episodio. Il Q Continuum si è evoluto oltre i vincoli dello spazio e del tempo ed è diventato una specie di coscienza esclusiva, praticamente onnipotente. Torturati dalla noia e dalla stagnazione, vegetano in un non-regno ottuso e oscuro, pieno di finte realtà, litigando su tutto e su niente. Sembra che per loro non ci sia più nulla da sperimentare e spazio per ulteriori sviluppi. In teoria potevano governare l'universo ed essere adorati come dei da tutte le altre forme di vita, ma eoni or sono si annoiarono anche di questo. Dal momento che il loro sconfinato egocentrismo non gli permette di rivolgersi amorevolmente verso forme di vita "minori", languiscono consapevolmente sul picco solitario della loro presunta perfezione. È forse una rappresentazione delle entità indicate in Efesini 6:12 come “Gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti”?

Uno di loro (in cui, possiamo supporre, la disperazione ha fatto germogliare i primi segni di una nuova apertura) manifesta un fascino quasi infantile per l'equipaggio dell'Enterprise (come un bambino reale potrebbe essere affascinato da un formicaio), spesso inventando situazioni senza speranza per loro, oppure come un manipolatore malvagio o un bullo spietato. L'indomabile dignità, la fedeltà, la sincerità e la lealtà mostrate da questi fragili esseri umani di fronte al pericolo mortale diventa la pietra di paragone della sua imperfezione accuratamente repressa. La sua apparente onnipotenza raggiunge il suo limite ogni volta che cerca di convincere questi esseri mortali a tradire i loro valori. Q può essere interpretato come un simbolo di Mefisto, lo "spirito che nega sempre". L'avversario e il seduttore cosmico, incatenato nell'eterna negazione, che non può essere sconfitto, solo ingannato o, – tenendo conto delle possibili conseguenze – rifiutato. Q è anche responsabile di garantire che la Federazione soddisfi i Borg menzionati in precedenza – troppo presto – osserva Guinan, che ha già esperienza con questa razza. Ricordiamo: Guinan rappresenta l'aspetto della saggezza.

I Borg sono una razza umanoide tecnologicamente avanzata – o piuttosto un miscuglio di razze umanoidi – che rendono i loro corpi organici quasi irriconoscibili per mezzo di impianti cibernetici. Non hanno una coscienza individuale, ma sono interconnessi in una mente alveare, in cui ogni singolo drone Borg condivide costantemente i pensieri di tutti gli altri. I Borg si considerano il culmine dell'evoluzione, superiori a tutte le altre razze. Il loro messaggio invariabile è: La resistenza è futile! Altre razze sono "assimilate" al contatto, cioè private della loro volontà, sfigurate con impianti cibernetici e integrate nel collettivo.

I Borg simboleggiano le forze cosmiche antagoniste che cercano di imitare il Divino con mezzi profani. Un principio interiore veramente diabolico, che causa spietatezza, mania di grandezza, intolleranza, oppressione, sfruttamento e distruzione degli esseri umani.
La loro conoscenza (puramente fattuale, materialistica) si espande costantemente a causa delle proprietà delle razze che assimilano (e annientano nel processo). Come collettivo sono potenti e quasi immortali. La tecnologia (che interpretiamo come intelligenza creativa) è utilizzata per armeggiare con le proprie condizioni di vita, essendosi trasformati in ibridi ripugnanti. Non ancora macchine, ma neanche più veri esseri viventi, distruggono la vita, la molteplicità, l'individualità, l'identità, la libertà e la sensibilità ovunque le incontrino. Nella loro fredda illusione distruttiva incarnano il contrario di ciò che pensano di essere.

Detto questo, i Borg non sono affatto l'invincibile macchina di assimilazione che pensano di essere. La Q potrebbe annientare i Borg con un colpetto – se solo pensasse di essere disturbata. E molto più tardi, nel corso di Star Trek: Voyager, i Borg incontrano la specie completamente aliena 8472, proveniente da una dimensione ugualmente aliena. Un avversario che non può essere assimilato, ma che è aggressivo e distruttivo come loro.

È interessante notare come un singolo Borg (in seguito chiamato "Seven of Nine") che l'equipaggio dell'Enterprise chiama Hugh, sia un esempio di come i droni Borg possano riguadagnare la propria individualità quando sono separati dal collettivo. Impariamo anche che il collettivo non è governato dalla sua mente alveare ma da una regina. E verso la fine di Star Trek: Voyager, una mutazione consente a una piccola parte del collettivo di liberarsi dall'oppressione totalitaria della mente dell'alveare nell'Unimatrix – una sorta di mondo dei sogni – e incontrarsi come individui, liberi dal vincolo totalitario del collettivo.
(continua)

 

back to home pdf share