Reflection

Star Trek: Nostalgia dell'Altro (quarta parte)

back to home pdf share

Fasi di completamento

Le avventure nell'universo di Star Trek possono essere interpretate come incontri della coscienza umana con le innumerevoli forze e proprietà radicate nelle strutture psichiche dell'essere umano. La Via Lattea, con tutti i suoi abitanti, è un'immagine dell'incommensurabile "spazio interiore" cosmico, in cui ogni essere umano partecipa come microcosmo. Nel profondo dell'inconscio continuano a persistere i residui del passato, sia collettivo sia individuale, aspetti e caratteristiche che possono essere rappresentati come entità fantastiche, spesso aliene ma stranamente familiari.

Nell'essere umano, il cosmico e l'interiore si incontrano. Le loro forze e princìpi sono vive e radiose, e appartengono a un ampio spettro che influenza le persone in modo da essere riconosciuto e realizzato in esse. Da qui le innumerevoli lotte che dobbiamo affrontare, in cui tutto ciò che percepiamo all'esterno è solo uno specchio del nostro interno. Una nuova coscienza dovrebbe emergere, una coscienza che non possiamo ancora sognare – quando tutto sarà integrato nell'entità unificata chiamata Essere Umano.

In Star Trek, la Via Lattea è divisa in quattro quadranti: i territori delle razze conosciute si trovano nei quadranti Alpha e Beta; il territorio dei Borg è nel quadrante Delta, sul lato opposto della galassia, distante decine di migliaia di anni luce. È qui che “Q/Mefisto” scaglia l'Enterprise per dimostrare al capitano Picard che il suo equipaggio (il sé cosciente della personalità) non è minimamente preparato a ciò che li attende nella Via Lattea (la distesa sconosciuta del microcosmo).

Il quadrante Delta: incontro con l'avversario

Come già detto, interpretiamo i Borg come un'imitazione megalomane e illusa del Divino. Le navi dei Borg hanno la forma di cubi giganteschi; rappresentano una struttura mentale che ha raggiunto una certa perfezione a livello materiale, ma non può trascenderlo per procedere verso il divino e lo spirituale. Inoltre, per una nave degna di spazio, il cubo è una forma fisicamente impegnativa e problematica, non utilizzata da nessun'altra razza. Ciò dimostra la superiorità tecnologica dei Borg e la loro fredda arroganza nei confronti delle altre razze. Al primo contatto con i Borg, l'Enterprise risulta irrimediabilmente inferiore. I nostri eroi riescono a malapena a fuggire, solo perché il capitano Picard ammette la sua debolezza e chiede a Q di riportare l'Enterprise nel quadrante Alpha. Ma il danno è fatto: ora i Borg conoscono l'esistenza dell'umanità, e non riposeranno fino a quando l'umanità non sarà assimilata o distrutta.

A causa delle enormi distanze interstellari, ci vogliono anni prima che una flotta Borg arrivi nello spazio della Federazione (ci vorrebbero decenni con la tecnologia della Federazione). I Borg fanno rotta verso la Terra, lasciando una scia di distruzione totale. La Flotta Stellare della Federazione tenta di fermare i Borg, ma è quasi completamente spazzata via, in parte a causa dell'ignoranza del Comando Stellare.

Al culmine della battaglia, il capitano Picard (ego e forza di volontà, la coscienza centrale della personalità) viene rapito e assimilato. Ora i Borg sanno tutto sulla Federazione. Lo trasformano nel loro portavoce, ma non riescono a cancellare completamente la sua coscienza individuale: ci sono ancora dimensioni che sfuggono ai Borg. Infine, viene organizzata una drammatica operazione di salvataggio. Esternamente, il capitano Picard sembra si sia ripreso completamente, ma l'orribile esperienza lo lascia pesantemente traumatizzato e pieno di odio contro i Borg. Siccome ha fatto parte del collettivo Borg, lui – e con lui la Federazione nel suo insieme – ora ha una conoscenza precisa del nemico. In questo modo la minaccia mortale può essere scongiurata, ma continua ad esistere

Sconfitto, ferito... e quindi iniziato

Interpretazione degli eventi: le forze che vogliono trattenere le persone su un piano materiale dell'esistenza hanno messo in ombra la mente cosciente, danneggiandola quasi irreparabilmente. Ciò ha portato a una temporanea fusione, imprimendo nella mente una conoscenza profonda delle forze opposte. Nel tempo, questa esperienza traumatica e umiliante si trasformerà in una benedizione, perché è questa conoscenza che renderà possibile la sconfitta dell'avversario. Diventa parte dell'iniziazione dell'Eroe, il suo "viaggio attraverso l'inferno", la seconda importante fase del suo viaggio. Solo molto più tardi, verso la fine della quarta serie, Star Trek: Voyager, il capitano Kathryn Janeway (l'aspetto "femminile" della personalità centrale che è stata accidentalmente scagliata sul lato opposto della galassia) riuscirà a sfruttare i paradossi del tempo (relativa, temporanea libertà dalle restrizioni dello spazio e del tempo), per affrontare la regina Borg e neutralizzare il collettivo Borg per sempre.

Deep Space Nine: l'altro lato, il quadrante Gamma

Durante la transizione da The Next Generation alla serie televisiva Deep Space Nine, viene scoperto un tunnel spaziale stabile vicino al sistema stellare Bajor che, all'epoca, era occupato dai Cardassiani. Il tunnel collega i quadranti Alpha e Gamma della galassia. L'altro lato della galassia (il lato inesplorato degli umani) è improvvisamente a portata di mano. Dopo che i Cardassiani abbandonarono Bajors sotto la pressione della Federazione, una stazione spaziale lasciata da loro e rilevata dalla Federazione è ribattezzata Deep Space Nine (il nono avamposto nello spazio profondo). Questa stazione viene spostata dall'orbita attorno a Bajors alla bocca del tunnel spaziale su questo lato della galassia. L'esplorazione rivela due cose: il tunnel è la dimora di esseri immateriali e intelligenti che i bajoriani adorano come "profeti" da millenni. In secondo luogo, l'intero quadrante gamma è governato da una misteriosa fazione chiamata semplicemente e appropriatamente Dominion.

La lontana, sconosciuta metà della galassia, composta dai quadranti Delta e Gamma, simboleggia una parte nascosta del microcosmo e della creazione nel suo insieme. In molte storie, in questo "regno oltre il velo" si entra attraverso un portale (uno specchio, una tana di coniglio, un armadio, la piattaforma di una stazione ferroviaria, una crepa nello spazio-tempo, ecc.). Di regola è governato da una gerarchia il cui potere si basa sull'inganno, sull'imitazione e sulla manipolazione. Per mantenere la loro esistenza, la gerarchia influenza coloro che vivono in questo lato del velo ponendosi, ad esempio, come dei, arcangeli, ecc.

Con i profeti e i loro nemici altrettanto immateriali, i Pah Wraiths, Deep Space Nine si sta allontanando dalla visione utopistica e rigorosamente razionalista del mondo di Star Trek, introducendo entità che sono inizialmente considerate aliene ma, a tutti gli effetti, indistinguibili dalle entità soprannaturali. A quanto pare, hanno persino facilitato l'incarnazione del loro inviato: Benjamin Sisko, l'ufficiale della Flotta Stellare che prende il comando della stazione spaziale.

Nelle puntate pilota della serie, lo incontriamo come comandante di un'astronave durante la battaglia contro i Borg. La sua nave viene distrutta e sua moglie muore in battaglia. Gli viene poi ordinato di prendere il comando della stazione Deep Space Nine, il messaggio è trasmesso a tutti dal capitano Picard. Sisko conosce il capitano solo come portavoce Borg, e lo incolpa della morte di sua moglie. Le origini di Benjamin Sisko, il suo ruolo unico di "inviato" dei profeti quasi divini e la sua eventuale ascensione nell'immateriale lo rendono una sorta di figura messianica. Oltre ai numerosi viaggi dell'eroe, la serie tocca quindi i temi universali delle religioni del mondo, temi che fino ad allora erano considerati infantili.

Il Dominion è un sistema di caste autoritario governato dai misteriosi Fondatori, una razza di muta-forma. Possono adottare qualsiasi forma immaginabile, imitare qualsiasi materiale, ma nel loro mondo originale esistono in uno stato liquido di fusione collettiva chiamato la Grande Connessione. Originariamente ricercatori ed esploratori, hanno incontrato così tanta sfiducia, pregiudizio e animosità dai "solidi" (razze legate a una forma fisica) che, in una reazione eccessiva, hanno preso il controllo dell'intero quadrante Gamma per mezzo di razze di servitori progettati geneticamente: i Karemma sono i commercianti; i Vorta sono gli amministratori e i Jem'Hadar, iper-aggressivi e dipendenti dalla droga, sono i guerrieri. Tutte queste razze sono geneticamente programmate per adorare i Fondatori come dei.

I summenzionati Borg esercitano il potere imitando il divino con mezzi tecnologici e assimilando tutto ciò che incontrano. Il Dominion va molto oltre: i Fondatori hanno creato artificialmente intere popolazioni per essere serviti, protetti, temuti e venerati da loro. Gli stessi informi Fondatori, privi di una forma propria, che provocatoriamente hanno adottato il nome di "mutanti", imitano qualsiasi cosa: il loro contrario, il divino, la creazione in quanto tale.

Odo, il taciturno capo della sicurezza della stazione spaziale, si rivela presto essere un Fondatore, ma senza alcun legame con la sua gente o conoscenza delle sue origini. A quanto pare, fu uno delle centinaia di neonati inviati nello spazio come sonde viventi, per tornare a un certo punto con informazioni sull'universo. È quasi certo che Odo, come quasi tutti gli altri della serie, intraprenderà il viaggio dell'eroe e troverà la strada per tornare alle sue origini. Nel fare ciò, svolgerà un ruolo estremamente importante.

All'inizio, tuttavia, il Dominion considera i progressi della Federazione nel quadrante Gamma come atti ostili, rifiuta qualsiasi negoziato diplomatico e passa all'offensiva – non apertamente, ma attraverso sotterfugi, inganni e manipolazioni: i Vorta fingono l'apertura diplomatica, il Jem ' Hadar mettono in scena una dimostrazione intimidatoria di forza militare, e gli stessi Fondatori si infiltrano nei popoli da questa parte del tunnel spaziale sostituendo figure chiave nelle strutture gerarchiche dei loro avversari con cambiamenti, raccolta di informazioni, sabotaggio, discordia.

Durante quasi l'intero conflitto con il Dominion, Odo è in contatto con il Fondatore responsabile dell'attività del Dominion nel quadrante Alpha. Ripetutamente, i due si "legano" tra loro. Questa immersione nel suo stato naturale provoca a Odo una tale estasi che interrompe temporaneamente ogni rapporto con i suoi precedenti compagni.

All'insaputa di chiunque, la Sezione 31, un ramo autonomo e top-secret della Flotta Stellare, ha infettato Odo con un virus creato artificialmente, che ora trasmette inconsapevolmente a tutti i Fondatori. Più e più volte, le gerarchie amministrative e di comando della Federazione e della Flotta Stellare sono rappresentate come una struttura autoritaria che impone ostinatamente la "lettera morta della legge" senza empatia o perspicacia, ma butta le regole fuori dalla finestra ogni volta che sono necessari i mezzi per raggiungere i fini.
Simboleggiano un potente principio microcosmico, una sorta di “sé superiore”, che da un lato ha un grande potere sulla consapevolezza della personalità, ma dall'altro dipende anche da essa. In pratica, questo vecchio stato d'animo è diventato obsoleto; i comandanti delle astronavi e i loro equipaggi abitualmente ignorano i rigidi regolamenti per seguire invece la loro coscienza, la loro empatia o intuizione. Il dott. Julian Bashir, medico di bordo del Deep Space Nine, dopo aver tentato invano di trovare un antidoto per Odo, le cui condizioni sono in costante peggioramento, si unisce a Miles O'Brien (ingegnere capo della stazione e una vecchia conoscenza dell'Enterprise), e riescono, con notevole energia criminale, a procurarsi l'antidoto.

(continua)

 

back to home pdf share