Winged

Non percorrere il cammino – sii il cammino (Parte 2)

back to home pdf share

Go to part 1

Thoreau disse una volta: "L’universo è più ampio della nostra visione di esso”. E, allo stesso modo, noi siamo più grandi della nostra visione di noi stessi. Pensiamo di essere degli esseri separati. Ci identifichiamo con un particolare insieme di qualità, vizi e virtù, punti di vista, emozioni, reazioni, ruoli che svolgiamo e che compongono la nostra personalità terrena. Non ci rendiamo conto che siamo qualcosa di molto più grande, superiore e più perfetto. A livello dell'anima spirituale, siamo uno con tutto ciò che esiste e uno con il più alto principio Divino, chiamato Nun e Ra in Egitto. Allo stato di coscienza attuale, non possiamo sentire questa unità, vivere di essa e, prendendo decisioni, essere guidati dalla sua bontà, perché non abbiamo un'anima spirituale. La nostra coscienza è egocentrica. Questa egocentricità è una caratteristica del nostro fuoco del serpente, ed è per questo che ognuno di noi rimane concentrato su se stesso, e si vede come l'ombelico del mondo. Questo è anche il caso di persone che si considerano altruisti umanitari, dediti agli altri, che lavorano per i derelitti, i deboli e i malati. Se non riusciamo a vedere la nostra egocentricità, è solo perché non abbiamo conosciuto noi stessi a sufficienza. Questa verità non viene trasmessa con l'intenzione di moralizzare e condannare, ma di portare un’informazione neutrale. Questo è ciò che siamo ora, privi della luce della conoscenza che proviene dal chakra della pineale correttamente funzionante. Per questo Gesù, morendo sulla croce, parlava con empatia in questo modo: Padre, perdonali, perché non sanno quello che fanno.

Gli egiziani chiamavano la coscienza dell'uomo moderno immerso nella materia Nefti. Il suo nome significa "fine, confine", e, come scrive Plutarco, significa "raggiungere i confini più lontani della terra" e "avere in sé come proprietà peculiare il potere di distruggere". Ciò significa che questa coscienza si immerge il più possibile nel mondo della materia, il che comporta un enorme inquinamento e rallentamento delle vibrazioni. Perciò essa, come Gorgone, distrugge e contamina l'armonia e l'ordine divino.

Nefti era la figlia e la moglie di Tifone, il che significa che era nata da un elemento di oscurità, caos, ignoranza, anarchia spirituale e male. Come moglie di questo principio, ella rimase sterile. Questo ci ricorda l'infertilità della biblica Elisabetta. Entrambi questi personaggi simboleggiano il fatto che inseguire la perfezione divina da parte della coscienza terrena è, in anticipo, destinato al fallimento. Tuttavia, il nome "Nefti" significa anche “Vittoria". Quando la nostra personalità prende atto della propria imperfezione, incompletezza e confusione, e si rivolge al campo dello Spirito, allora e solo allora potrà iniziare il vero sviluppo a spirale. Il simbolo di questo sviluppo è il legame amoroso tra Nefti e Osiride, il cui frutto è Anubis. Questo dio veniva rappresentato con la testa di un cane o di uno sciacallo. La testa del cane simboleggia la capacità di vedere correttamente di giorno e di notte. Lo sciacallo, dall’altro lato, come animale che divora cadaveri, era associato alla morte mistica e alla rinascita. Anubis, frutto di Nefti e Osiride, era il padrone del mondo sotterraneo, e aiutò Osiride nella sua rinascita. Ciò significa che era considerato l'aspetto della personalità terrena che ci permette di conoscere noi stessi, le nostre tenebre e i nostri lati oscuri. Era anche un simbolo del potere di discernere e annientare ciò che è vecchio, mortale e non utile a servire la divinità che si sviluppa in noi.

Nel nostro cuore c'è un nucleo di coscienza diverso dalla coscienza terrena attuale. Questo nucleo è l'unico "atomo" immortale in noi, l'unico retaggio del nostro precedente stato divino. Questo atomo in molte persone rimane dormiente. Si risveglia quando la nostra coscienza, dopo aver attraversato molte incarnazioni ed esperienze, si rende finalmente conto della propria sterilità e aridità. Quando sente che nonostante i tanti tentativi di raggiungere la felicità e pur avendo raggiunto tanti obiettivi, rimane un senso di vuoto e una strana nostalgia per un altro mondo, per Dio, e poi sente la propria impotenza, l’impotenza e l’incapacità di raggiungere da sola la stato divino. La radiazione dell'Era dell'Acquario serve anche a risvegliare questa coscienza, ma nessuno è in grado di determinare quando questo accadrà in una data persona. Il vento soffia dove vuole, e tu ne odi il rumore, ma non sai né da dove viene né dove va; così è di chiunque è nato dallo Spirito (Giovanni 3:8), così Gesù dice a Nicodemo.

Quando questo elemento si risveglierà e la nostra coscienza si sarà rivolta al campo dello Spirito, quando il collegamento con Dio diventerà il nostro più grande desiderio, allora diventeremo come Nefti, o l’Elisabetta della Bibbia: una terra fertile capace di portare frutto. Cominceremo a renderci conto che siamo più del nostro piccolo io. Inizieremo ad ascoltare il cuore da cui proviene la voce dell’Altro.

Il mito greco dice che era impossibile uccidere la Gorgone senza aiuto divino. Gorgone è stato sconfitta da Perseo, con l'aiuto delle Graie e di Atena. Anche noi, moderni "eroi" che vogliamo sconfiggere la nostra coscienza egoica, abbiamo bisogno dell'aiuto divino. Ce lo offre la Bodhisattvas, una Fratellanza luminosa, che vive nel Vacuum di Shamballa.
Perseo uccise Gorgone camminando all’indietro verso di lei e guardando il suo riflesso nello scudo di rame che Atena stessa sorreggeva per lui. Poi, con i sandali alati (un attributo di Ermete/Mercurio), si innalzò e tagliò la testa del mostro.

Anche noi abbiamo bisogno di osservare il nostro ego alla luce dell'amore e della saggezza divini, simboleggiati dallo scudo di rame di Atena. Voltare le spalle significa che non ci identifichiamo più con il nostro piccolo io. Grazie alla forza di Mercurio, grazie alla Luce Gnostica, siamo in grado di elevare le nostre vibrazioni e tagliare la testa del serpente con la spada del riconoscimento. Questa decapitazione significa che non stiamo più cercando di migliorare la nostra personalità terrena. Sappiamo infatti che non può essere migliorata. La nostra vecchia coscienza deve essere "divorata da Anubis". Non ci dovrebbe essere nessun pellegrino separato sul cammino. La vecchia coscienza deve dissolversi.

Essa deve diventare un tutt'uno con l'amore onnicomprensivo di Dio. Quindi, non dobbiamo diventare un "grande uomo", un "grande maestro", "un guru", "un esempio per gli altri", " un santo", ecc. Dobbiamo diventare il Silenzio. Beati i miti, perché erediteranno la terra (Matteo 5,5), cioè, beati coloro che domeranno la loro personalità e la sottometteranno a Dio. A volte il nostro desiderio di sviluppo diventa, paradossalmente, un desiderio che ci separa da Dio. Ecco cosa succede quando inconsciamente desideriamo la gloria per noi stessi. Quando pensiamo a noi stessi come spirituali, santi, buoni, migliori, allora sviluppiamo il cosiddetto "ego spirituale".

La chiave del cammino è l'accettazione. Accettare tutto senza resistenza, senza ribellione, senza giudizio. Una cosa è giudicare se stessi, un'altra è saper distinguere. Dobbiamo vedere ciò che è luce in noi e ciò che è tenebra, quali desideri appartengono al mondo terreno e quali sono rivolti a Dio. E le tenebre in noi devono essere estinte, lasciate ad Anubis affinché le divori. Ma non dobbiamo condannare e giudicare noi stessi. Abbiamo bisogno di gentilezza e pazienza verso noi stessi e verso gli altri. Quando giudichiamo noi stessi o gli altri, creiamo rumore, aumentiamo il numero di serpenti nelle nostre teste, creiamo idee aggiuntive su chi siamo. "La nostra mente è l'assassino della realtà" e "il discepolo deve uccidere l'assassino."

I concetti che escono dalla mente sono i sentieri battuti del pensiero, il labirinto in cui siamo rimasti intrappolati per così tanto tempo. Questi sentieri battuti ci hanno fatto riciclare nelle nostre esperienze. Possiamo liberarci dal circolo vizioso del nostro destino, spezzare la catena delle continue incarnazioni. Possiamo liberarci dalla nostra "normalità", di cui Van Gogh ha detto: "la normalità è una strada asfaltata: è comodo percorrerla ma non ci crescono fiori".

I "Fiori" nascono dal Silenzio. Dal Silenzio emerge un cammino che nessuno ha mai percorso prima. Questo cammino è Dio, rinato in chiunque uccide, mette a tacere, spegne il suo piccolo sé ogni giorno, passo dopo passo.
Quindi, non camminiamo lungo il cammino, ma diventiamo il cammino.
 
DIO attende risposte per i fiori che ci invia,
non per il sole e la terra.

Non vi soffermate a cogliere fiori per tenerli in serbo,
ma proseguite il cammino, perché i fiori si manterranno rigogliosi
lungo tutta la strada.

Nuvole scure diventano fiori del cielo
se baciate dalla luce.

L'acqua in un recipiente è scintillante;
l'acqua del mare è scura.

La piccola verità ha parole chiare;
la grande verità ha grande silenzio.

La polvere delle parole morte si aggrappa a te.
Lava la tua anima in silenzio. [1]

 


[1] Rabindranath Tagore, “Stray Birds”, verses 26, 102, 249, 176, 147.

back to home pdf share