river

Paura, Corona e io

back to home pdf share

Tutte le cose si strofinano l'una contro l'altra, si riflettono l'una nell'altra e si appartengono. Si dice che un essere umano è la sintesi di tutto. Praticamente tutto può riflettersi e causare risonanze in lui.

Il virus corona colpisce un nervo. Il più piccolo di tutti gli esseri viventi mostra alle persone chi sono. Prima di tutto c'è la paura. Ma cos'è la paura? È la nostra reazione a qualcosa di minaccioso. Questa volta l'aggressore è invisibile. Il virus lavora sullo sfondo. Anche noi siamo lo sfondo.

Reagiamo sempre per quello che siamo. Adesso ci mettiamo le maschere. Ma questo va bene anche perché siamo “persone”. La parola "persona" deriva dalla parola latina "personare" che significa "suonare attraverso". Qualcosa “risuona” attraverso la maschera, qualcosa proveniente dallo sfondo, il nostro stato di vita. La più elaborata di tutte le maschere è il nostro corpo e la sua psiche. Può esprimere una enorme gamma di forze dal mondo del visibile e dell'invisibile, sia collettivo che individuale.

Corona ci mostra i nostri lati nebulosi e oscuri

Ho letto su un giornale la seguente frase: “Il passato ha dimostrato che le organizzazioni criminali hanno trionfato in ogni epidemia”. Anche questo è qualcosa che ci appartiene. Pochi di noi agiscono in modo criminale, ma il "buio" è presente in ognuno di noi. La nostra coscienza può essere inghiottita da questa energia oscura, da forze di cui non siamo consapevoli. La paura allora sorge dentro di noi e può soffocarci. Noi stessi siamo la minaccia e siamo anche la paura della minaccia. Non senza ragione esistono tutte queste leggi che ci tengono a freno. La più grande minaccia tuttavia è ciascuno per se stesso.

L'abisso che è dentro di noi si proietta di tanto in tanto verso l'esterno

Quindi ci troviamo uno di fronte all'altro, a distanza. C'è tuttavia un livello dentro ognuno di noi in cui siamo effettivamente Uno con tutte le persone, Uno con tutti gli esseri viventi. Esiste una specie di "acque sotterranee" spirituale, la forza portante della vita, dell'Unica vita. Quando funziona, siamo amore, unione, e le fonti di fiducia, di lealtà e la volontà di fare sacrifici sgorgano.

Possiamo perforare queste acque sotterranee, ma possiamo anche sommergerne l'accesso. Questo accade con la nostra paura e la nostra oscurità. Allora dalla fonte l'acqua gocciola direttamente nella nostra paura, e diventa amara, mutando in ostilità, diffidenza e altro – acqua avvelenata dell'amore. Stiamo anche recitando la parte e possiamo notare come accade. La paura ha assunto il ruolo principale nel gioco. Siamo vittime e spettatori allo stesso tempo.

Ma qualcosa diventa riconoscibile. Gli aspetti oscuri si spostano nella luce e noi siamo in grado di percepirli. Vogliono sopraffare la nostra coscienza, ma abbiamo anche la possibilità di guardarli semplicemente. Cosa faremo con le forze che vogliono prenderci o che forse ci hanno già preso? Come possiamo utilizzare le nostre possibilità di azione?

La possibilità di trasformazione

Risplende una luce liberatrice, una consapevolezza. C'è una possibilità in tutto ciò che sta accadendo, una possibilità per la nostra trasformazione!

La paura, l'insondabile, l'inquietudine: posso portare tutto con me, tenerlo tra le mani, riconoscerlo come mia sostanza, come me stesso.

Non sono solo questo, ovviamente, sono la coscienza che arriva sempre più in profondità. La coscienza è anche un riflesso speculare, come tutto in me. È un aspetto, una derivazione dalla coscienza universale. Si dirama dal grande oceano, dalle acque alla sorgente. Troppo facilmente questa coscienza diventa una pozza, ma è in grado di purificarsi e può sperimentare qualcosa di ciò che si riflette in essa. È in grado di aprirsi alla sua origine. Faccio un passo in questa direzione, colgo l'occasione e porto con me ciò che ho riconosciuto dentro di me.

Il condotto si apre, era quasi sommerso. L'acqua viva scorre dentro di me. Spazza via molte cose che si erano accumulate. La diga si abbassa. È doloroso, sì, molto doloroso. Devo lasciare andare ciò che sono e anche lasciare andare la paura che è diventata parte di me. Devo aiutare a plasmare ed essere conforme alla persona che sto per diventare.

Il virus corona mi ha spinto a farlo. Grazie. Sto vivendo una nuova ondata, corone a forma di onda, corone di gioia. Il piccolo virus può dare lo slancio per una nuova unione. E poi c'è stato un senso in tutta la sofferenza che ha portato a molti o, più precisamente: la sofferenza che abbiamo portato noi stessi.

 

back to home pdf share