fox

Percezione del silenzio

back to home pdf share

Vita misteriosa

Da un punto di vista puramente chimico, la volpe è un insieme di elementi che si trovano nella crosta terrestre. Il suo corpo è costituito da carbonio, idrogeno, ossigeno, azoto e altri elementi. Assemblati in complesse strutture molecolari, costituiscono la base materiale che rende possibile la forma e la funzione.

La ricerca su tali strutture negli ultimi cento anni ha accettato che c'è qualcosa di invisibile, qualcosa di incommensurabile, forse piccoli campi magnetici vibranti, che assemblano queste molecole in organi e ne consentono il movimento. Nella teoria dei sistemi si parla di strutture dissipative o auto-organizzanti.

La volpe, mentre si muove attraverso il prato, come prodotto di un insieme di molecole è in costante interazione con l’ambiente circostante. Il suo corpo ha una struttura e usa i suoi organi di senso per trovare cibo e per muoversi in modo mirato. 

L'anatomia, l'attività e le funzioni dei corpi viventi sono state ampiamente studiate e spiegate dalla scienza. Il modo in cui un essere vivente si sviluppa e cresce, e l'influenza dell'evoluzione su di esso, sono stati tutti ampiamente esplorati, ma l'impulso sottostante alla manifestazione, l'essenza della vita stessa, rimane un mistero. 

La scienza duale e le sue conseguenze

All'inizio del XX secolo, la visione meccanicistica della natura era al suo apice e i corpi fisici, come quello della volpe, venivano paragonati a macchine. Il cuore era una pompa, i muscoli pistoni, il sangue lubrificante, i sensi centro di controllo. I successi nel campo della meccanica, soprattutto nel mondo occidentale, hanno spinto gli scienziati a trasferire queste esperienze e conoscenze ai corpi viventi e a trattarli dalla stessa prospettiva.

Anche nell'esplorazione del mondo subatomico, che avrebbe portato a una visione più moderna della vita, il punto di partenza era la meccanica. Il modello della meccanica quantistica è stato il primo tentativo di descrivere matematicamente la dinamica subatomica. Ma le osservazioni contraddittorie hanno costretto gli scienziati a rivedere continuamente le loro conclusioni. Le percezioni, che fino ad allora erano strettamente legate a risultati matematicamente inequivocabili, dovettero cominciare a esprimersi in termini di probabilità. 

Nella fisica quantistica, i percorsi un tempo fissi secondo cui si pensava che gli elettroni nell'atomo si muovessero attorno al nucleo, sono stati ora trasformati in probabilità multiple basate sul loro movimento costante. Improvvisamente apparvero numerose teorie, persino contraddittorie, rispetto a ciò che prima era accettato come inequivocabile. Se Einstein sognava di “cavalcare un raggio di luce”, allora questo sviluppo dimostra l'importante ruolo che la percezione di un “mondo interiore” iniziò a svolgere.

La vita come rete di energia e di informazioni

Le teorie dei fisici dell'inizio del XX secolo hanno fornito solide basi per lo sviluppo della teoria dei sistemi. Dal loro punto di vista, la volpe era più un sistema in equilibrio che un robot. Quelle che prima erano considerate “macchine in movimento”, ora sono diventate sistemi viventi, campi magnetici vibranti o campi morfogenetici che interagiscono con il loro ambiente.

Nella teoria dei sistemi, il contatto tra l'essere vivente e il suo ambiente è visto come un continuo scambio di energia e di informazioni. Per mantenere un equilibrio, gli esseri hanno organi di percezione. Devono mangiare cibo per vivere. Gli organi di percezione della volpe la aiutano a trovare il cibo giusto ed evitano quei cibi che potrebbero essere dannosi per lei. La percezione le consente di raccogliere esperienze che successivamente portano a comportamenti più mirati.

La vita nel campo di tensione tra equilibrio e caos

La volpe elabora le sue percezioni in esperienze. I sistemi viventi nascono, sperimentano, elaborano la percezione, si evolvono, maturano e muoiono per fare spazio a un'ulteriore evoluzione. 

Una giovane volpe è più curiosa, agile e vivace. Una volpe vecchia sembra più calma, più concentrata, più attenta e ha imparato a usare la sua forza in modo più mirato. Il più anziano ha acquisito molta più esperienza, ha sperimentato ciò che gli è utile o dannoso. La percezione gioca un ruolo cruciale in tutti questi sviluppi.

La particolarità dei sistemi viventi è che i processi percettivi possono avviare dei cambiamenti. Nel corso della vita, l'esperienza si accumula finché la quantità non fa precipitare il sistema in una crisi, nel corso della quale emerge una nuova qualità attraverso il cambiamento strutturale. Questo sviluppo procede, oscillando tra armonia e crisi, tra fasi di equilibrio e squilibrio. Alla volpe può capitare ogni giorno che un'esperienza chiave porti a un cambiamento nel comportamento.

L'uomo ha sette sensi

Per quanto ne sappiamo, la volpe ha cinque sensi. Quando attraversa il prato, ascolta e guarda. I suoi piedi sentono il terreno su cui cammina. Ha bisogno del suo olfatto per trovare il cibo e percepire il pericolo, mentre usa il suo senso del gusto per determinare l'idoneità, la sicurezza del cibo. Usa tutti i suoi sensi per mantenere la sua vita in equilibrio. I suoi organi sensoriali coordinano lo scambio con l'ambiente.

Ogni animale, come l'uomo, segue l'impulso di portare la creazione a una perfezione sempre maggiore. Ma mentre negli animali sembra essere un impulso piuttosto cieco, negli esseri umani c'è un livello cosciente e riflessivo.

L'uomo ha a sua disposizione sette sensi che può impiegare nella sua reazione a questo impulso, la scienza però non riconosce il sesto e il settimo senso come tali.

Secondo la moderna comprensione scientifica, la testa, il cervello e il cuore sono semplicemente organi che svolgono una funzione, ma non organi sensoriali. Alice Bailey, descrive l'intelletto come il sesto organo di senso e l'intuizione (il cuore) come il settimo.

Quando si dice che una persona ha un sesto o un settimo senso, significa che è in grado di percepire impulsi che non possono essere sperimentati o spiegati con i cinque sensi. L'area dell'intuizione e della percezione extrasensoriale non può essere scientificamente provata, né può essere attribuita a un organo di senso in particolare. Tuttavia, è accettato che anche i classici cinque sensi sono soggetti a confini di percezione molto fluidi e che dipendono dalla sensibilità della persona.

La mente è un organo molto complesso il cui funzionamento si basa sul concetto di coscienza. Ma come organo di senso, cosa percepisce la mente e perché percepisce? Le nostre menti sono in grado di pensare razionalmente, in modo indipendente e di concentrare i nostri pensieri su un oggetto o evento specifico. Un organo di senso classico, d'altra parte, funziona in modo diverso: percepisce e trasmette gli impulsi al cervello, che elabora questi segnali.

Pensa in me

Oggi, quando si parla di “pensare” o “pensieri”, generalmente diciamo: “Penso questo o quello”, sottintendendo che produco il pensiero. Tutta la nostra cultura è costruita su questo presupposto. Il filosofo René Descartes ci ha dato la nota affermazione: “Penso, quindi sono”, ma nonostante tutte le contraddizioni che si trovano in questa frase, è diventata un catalizzatore per la mentalità occidentale. Qui l'organo del pensiero è il luogo di produzione dei pensieri personali e non un organo esclusivamente di percezione.

Nel suo libro Indigenialität (Indigenialità), il filosofo e biologo tedesco Andreas Weber descrive una mentalità peculiare delle culture tribali indigene. “Indigenialità” descrive una visione del mondo in cui non c'è contrasto tra "io" e "il mondo intorno a me".

Da un punto di vista sistemico, ogni essere umano è parte di una vasta rete di vita in cui l'energia e le informazioni fluiscono liberamente. In questa prospettiva, è solo un piccolo passo considerare i pensieri come modulazioni di questa rete, che vengono ricevuti ed elaborati dalla mente come organo di percezione.

Così, il “penso, quindi sono” diventa “pensa in me perché pensa in te”. Un tale atteggiamento mentale potrebbe potenzialmente rivoluzionare le basi del pensiero culturale e collocare la mente al centro come organo del sesto senso.

L'intuizione del cuore

Nel libro Il piccolo principe di Antoine de Exupery, la volpe dice al protagonista: “Ecco il mio segreto. È molto semplice. Si vede bene solo con il cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi”. L'intuizione è molto più elusiva e misteriosa delle percezioni della mente. È più difficile da definire come organo sensoriale di quello della mente.

A volte l'intuizione è definita “sensazione viscerale”. A volte è stata utilizzata per assegnare un elemento di verità alla conoscenza che non poteva essere dimostrata. Forse l’intuizione gioca un ruolo speciale nella vita di una persona. Gli eventi sembrano riunirsi in modo casuale, ma attraverso l'intuizione e il senno di poi, si può discernere un filo conduttore.
 
Platone ha descritto la conoscenza relativa al suo mondo delle idee come intuitiva, perché non potevano essere provate. Anche il mistico Jacob Boehme non è stato in grado di provare gran parte delle sue idee filosofiche, eppure molti che hanno familiarizzato con i suoi scritti affermano la loro verità interiore.

Un flusso di impressioni, pensieri, sentimenti e immagini

Chiunque sperimenti questi due organi di senso speciali, sarà consapevole della miscela di correnti individuali e sovra individuali che possono includere pensieri, impressioni, immagini e sentimenti intuitivi. Evocano azioni che spesso sembrano prive di scopo, ma in retrospettiva rivelano il filo conduttore di uno sviluppo evolutivo. 

Il risultato è una coscienza alterata che può cambiare positivamente gli altri cinque organi di senso fino a un livello organico fondamentale. La sensibilità risultante consente una percezione più differenziata. Vediamo quindi che l'influenza delle attività del sesto e del settimo senso può portare cambiamenti positivi all'intera struttura metabolica nella rete collettiva della vita.

Attraverso la loro attività si sviluppa una maggiore consapevolezza che può portare un'armonia e un equilibrio più profondi nel sistema vitale, un equilibrio che dissipa il caos e alimenta un livello maggiore di coscienza.

Percezione del silenzio

Negli ultimi anni, con il termine consapevolezza, la percezione del "mondo interiore" è diventata popolare in molte aree della società del mondo occidentale. Da ciò si è sviluppata anche una più profonda coscienza dell'interconnessione tra percezione e vita. Se seguiamo le descrizioni di alcuni mistici, la vita si perde in una fonte incomprensibile. La filosofia parla di un essere trascendente, la religione lo chiama Dio. La scienza, tuttavia, a causa della sua lunga tradizione di pensiero dualistico, rifiuta le risposte intuitive in quanto non scientifiche.

Attraverso una più profonda consapevolezza di sé, l'essere umano impara ad apprezzare la mente e il cuore come organi sensoriali che possono dare accesso a una visione sempre più profonda dei grandi misteri della vita. La percezione e l'intuizione sono essenzialmente prodotti della nostra personalità, ma come parte di un tutto più grande, la loro essenza appartiene a tutti o a nessuno. 

Se abbandoniamo il dualismo, le intuizioni di entrambi gli organi di percezione confluiscono in un'unica unità e rendono possibile l'esperienza di una quiete che è alla base di ogni vita. Una vita che non comprende più un continuo movimento tra armonia e caos.

“Si vede bene solo con il cuore”, dice la volpe. La natura olografica della rete della vita può essere sperimentata più intimamente attraverso l'intuizione. Vista in questo modo, tutta l'umanità potrebbe simbolicamente essere un organo di senso per il pianeta e il cosmo. Allora forse l'umanità potrebbe essere l'occhio con cui Dio guarda nella materia.

 

back to home pdf share