people

Percezione e Coscienza

back to home pdf share

Attraverso i secoli, ogni essere umano vive nel proprio mondo nella solitudine e nella divisione. Ogni individuo vive solo per se stesso e tutta la natura soffre l'impronta della vita umana egoista: il caos è ovunque. Il mondo è diventato un letamaio, molte specie animali e vegetali sono estinte e l'umanità minaccia la sopravvivenza non solo degli altri esseri viventi ma anche di se stessa. Cercando di superare la solitudine, le persone creano famiglie, tribù, nazioni, la nostra società moderna, ma in sostanza gli individui sono ancora divisi. Qual è la ragione di questo? Si può riassumere come segue: La vita di ogni persona è determinata dalla qualità della sua percezione sensoriale e dallo sviluppo della sua coscienza. E così sorge la domanda successiva:

Cosa sono esattamente la percezione e la coscienza?

Da un punto di vista specifico, la percezione è una visione interiore del mondo e delle persone, ricevuta attraverso gli organi sensoriali e rifratta attraverso lo specchio della coscienza. Tuttavia, questa visione interiore è piuttosto imperfetta perché i sensi umani catturano le impressioni entro intervalli relativamente ristretti e quindi l'immagine ottenuta è piuttosto incompleta. La coscienza, d'altra parte, determina il modo in cui gli umani percepiscono il mondo e se stessi, e oltre alla parte cosciente ci sono parti subconsce e inconsce (evidenziate nelle opere di Sigmund Freud). Il subconscio è il deposito di ricordi che potrebbero essere richiamati più facilmente, rispetto ai ricordi inconsci e alle esperienze passate conservate molto più profondamente nel nostro sistema. Sia il subconscio che l'inconscio, tuttavia, hanno un impatto significativo sulla mente conscia e spiegano i modi a volte strani in cui le persone reagiscono in determinate situazioni.

E così, poiché i sensi umani hanno una gamma limitata di attività e la coscienza dell'essere umano di oggi è egocentrica – percepisce se stessa come il centro dell'esistenza – le persone non possono capire gli altri, il loro mondo interiore e la ragione delle loro azioni. Sulla base della coscienza egocentrica, la maggior parte degli umani pensa di avere sempre ragione, anche se nessun altro è di questa opinione. Pertanto, le occasioni e gli eventi che li avvantaggiano suscitano la loro approvazione e quelli che non gli si addicono sono spesso attaccati e criticati. Inoltre, l'educazione e la cultura della personalità non sono purtroppo sufficienti per impedirlo, poiché le resistenze e le tensioni interiori sono una diretta manifestazione della natura intrinseca dell'io e, anche se non si manifestano esteriormente, esistono e condizionano il destinatario. 

In questo modo, le persone si allontanano l'una dall'altra e diventano separate e sole. In tali situazioni, l'osservatore obiettivo potrebbe percepire l'impatto sottostante del subconscio e dell'inconscio sulla mente conscia. I sentimenti e le emozioni fluttuanti dell'io ferito potrebbero essere spiegati, almeno in parte, dalla sottile influenza dei ricordi e delle esperienze passate, forse dimenticate ma ancora vive nel profondo.

Ciò che è interessante, però, è che molto spesso il destinatario non è consapevole delle critiche che gli sono rivolte. Ciò è dovuto in parte alla sua limitata percezione sensoriale, ma anche al fatto che molto spesso le sue azioni non avevano lo scopo di nuocere agli altri, anche se questi ultimi le hanno percepite così. Tuttavia, il criticato percepisce intuitivamente l'atteggiamento negativo e vi reagisce con ostilità più o meno consapevole. Ecco perché i grandi maestri spirituali dell'umanità raccomandano di pensare, parlare e fare il bene.

Sfortunatamente, ciò rimane impossibile a causa della struttura bipolare della coscienza umana. Essa si muove costantemente tra i due poli (ad esempio bene e male, gioia e dolore, felicità e tristezza, ecc.). Pertanto, i tentativi di rimanere su un solo polo sono destinati al fallimento.

Naturalmente le situazioni di cui sopra non sono un segreto per le persone che stanno diventando consapevoli di se stesse e del mondo circostante. Fin dai tempi antichi, ci sono esercizi mentali, pratiche di meditazione, ecc. che mirano a creare un essere umano perfetto che padroneggia se stesso e il mondo circostante. In questo modo le persone ottengono un'espansione delle loro percezioni sia dal regno materiale grossolano sia dalle sfere più sottili di questo piano di esistenza. In realtà, però, queste pratiche si limitano ad amplificare alcuni aspetti dei sensi e della coscienza umana e ne espandono il raggio d’azione, raggiungendo a volte la chiaroveggenza, la chiaroudienza, ecc. Non ne cambiano la natura intrinseca e quindi non possono risolvere i problemi dell'umanità di oggi, che sono sorti come risultato della percezione e della coscienza imperfette, e quindi una mancanza di comprensione degli altri, ma soprattutto di se stessi.

La coscienza e i sensi umani attuali sono molto limitati e coltivarli in una direzione particolare non può portare a un cambiamento fondamentale. Tuttavia, questo cambiamento è di vitale necessità, sebbene sia un compito che sembra irrisolvibile per l'essere umano di oggi. Ma è così?

La soluzione è andare oltre l'individuo naturale, con i suoi sensi e la sua coscienza, e cercare una coscienza completamente nuova e diversa. In realtà, questa nuova coscienza non è affatto nuova, bensì molto antica. Tutte le sacre scritture parlano, a volte con un linguaggio più o meno velato, del fatto che gli umani provengono da un mondo superiore e hanno il potenziale per ritornarvi. Tuttavia, per poter realizzare questo è necessario un completo cambiamento di coscienza, una rinascita da "Acqua e Spirito", come disse Gesù a Nicodemo (Giovanni 3: 3-7). Si dice che gli esseri umani siano creati a immagine di Dio (Genesi 1: 27) e quindi hanno il potenziale per lo sviluppo di una coscienza onnipresente, che è una delle caratteristiche di Dio. È una coscienza dotata di sensi nuovi e sublimi in grado di distinguere il bene dal male (Eb 5: 14). La qualità più importante di questa coscienza è la percezione di se stessa come una parte, una cellula del tutto. In questo modo si potrà amare e avere cura di ogni cosa e di ogni essere come si ama se stessi. Scomparirà così la mancanza di comprensione degli altri e di se stessi, conseguenza della percezione limitata e della coscienza egocentrica, e ogni causa di critica e malcontento. La persona che realizzerà il proprio potenziale interiore sarà veramente felice, in armonia con se stessa e con il mondo circostante, e soprattutto unita al Tutto.

back to home pdf share