bridge

Pierre Teilhard de Chardin e la sua visione del futuro

back to home pdf share

Chi era Pierre Teilhard de Chardin?

Il teologo, filosofo e scienziato naturale francese Pierre Teilhard de Chardin (1881-1955) ha combinato una visione del mondo moderna con una profonda spiritualità. Ha partecipato a diversi viaggi di ricerca in Asia e Africa e ha preso parte ai lavori di scavo e alla valutazione del cosiddetto uomo di Pechino in Cina. La Chiesa (Teilhard era un gesuita) respinse le sue scoperte e ne proibì la pubblicazione. Così le sue opere complete furono stampate solo dopo la sua morte. Il pensiero di Teilhard oggi appare più attuale che mai. Vedeva l'intera creazione come in un processo di divenire, in un processo di unificazione in cui la forza più grande è l’amore.

Le sette caratteristiche principali della visione del mondo di Teilhard de Chardin

Teilhard è stato uno dei primi teologi ad occuparsi della teoria dell'evoluzione di Darwin e ad inserirla in un più ampio contesto cosmologico-cristiano. La conseguente visione del mondo, che è sia rivoluzionaria che evolutiva, ha sette caratteristiche principali:

1. L'intero universo è un immenso processo dinamicamente pulsante in costante sviluppo.

2. Forme di vita sempre più complesse si sono sviluppate sulla terra nel corso di milioni di anni.

3. Le cose hanno un dentro e un fuori che si corrispondono: più un essere vivente è sviluppato, più è complesso è cosciente.


4. Dentro le cose c'è una forza di connessione spontanea, una forza di organizzazione e unificazione: "Tutto ciò che sorge, tende all’unificazione" - "Tout ce qui monte, converge".

5. Una sfera spirituale si è formata intorno alla terra, il campo di coscienza dell'umanità, la "Noosfera".

6. Ci sono due realtà separate. Una è "naturale", l'altra "soprannaturale". Teilhard ha chiamato questa seconda realtà "sfera divina" (le Milieu divin). Le due realtà tendono ad avvicinarsi l'una all'altra fino ad armonizzarsi insieme.

7. L'intero processo di sviluppo universale ha una direzione. Il potere dell'unificazione trasforma tutto e muove tutto verso un obiettivo finale. Questo obiettivo è un'unità inimmaginabile, altamente cosciente e complessa. Teilhard lo chiama il "Punto Omega". Questo obiettivo non è prescritto o determinato dall'esterno. La cosmogenesi si fa strada e, così facendo, crea l'obiettivo stesso, passo dopo passo.

L'umanità – un organismo vivente 

Già nel 1920, cioè quasi esattamente cento anni fa, Teilhard pensava al futuro delle religioni a Parigi:

"L'essere chiamato ad entrare nel potere totale dell'evoluzione terrena e venire a sbocciare deve essere un'umanità unita in cui la piena coscienza di ogni individuo è unita alla coscienza di tutti gli altri esseri umani. [...]

L'opus humanum è un organismo vivente. Il progresso di questo organismo sfugge al nostro sguardo perché, per riconoscere una cosa, bisogna stare al di sopra di essa. - Eppure, non c'è qualcosa in noi che gradualmente si illumina e vibra sempre di più? [...]

La maggior parte di coloro che sospettano questo livello si aspettano che una nuova religione sostituisca tutti i culti del passato. Questo movimento mira a promuovere l'unità in ogni cosa. [...]

Le fondamenta del tempio, dove si riuniscono i nuovi ispirati, probabilmente non saranno costruite sulle rovine delle antiche religioni ".

Verso una fede comune  [1]

Durante la seconda guerra mondiale, Teilhard fu internato a Pechino. Lì nel 1941 scrisse un saggio sui possibili fondamenti di un credo umano comune. Per lui, è stato un tentativo “di portare su un terreno comune le varie credenze secolari e religiose in cui l'umanità è attualmente frammentata, al fine di preparare il terreno per un nuovo ordine". Questo contributo è stato "il frutto di trent'anni di sincero contatto con gli ambienti scientifici e religiosi in Europa, America ed Estremo Oriente".

Ecco un riassunto di questo saggio.

La ricerca di essere qualcosa di più è vecchia e universale quanto il mondo stesso. Sì, per quanto possiamo risalire il progresso della vita a ritroso fino ai suoi più umili inizi, vediamo la tendenza a diventare qualcosa oltre sé.

E poi è arrivato il momento critico in cui l'istintivo fu riflesso nel pensiero. Da quel momento in poi, l'uomo inimmaginabilmente primitivo, portatore di questa straordinaria intuizione, dovette sentire l'ambizione vitale di conquistare tutto e superare se stesso.

La convinzione secolare in un futuro migliore

In effetti, le fiabe, i miti e le usanze sono piene di simboli in cui traspare la volontà radicata di trovare una via verso il cielo. Da ciò possiamo concludere che la fede dell'uomo in un futuro migliore è più antica di qualsiasi civiltà, che è la forza trainante della storia da cui sorgiamo.

La nostra coscienza, per quanto fissa nelle sue linee fondamentali, si eleva in certi momenti alla percezione di nuove dimensioni e valori. Proprio ora siamo in uno di questi momenti di risveglio e trasformazione.

Nel corso di poche generazioni, quasi senza che ce ne accorgessimo, la nostra visione del mondo è cambiata profondamente. Sotto le influenze combinate della scienza, della storia e dei cambiamenti sociali, una nuova consapevolezza del tempo e della comunità ha conquistato e trasformato l'intera nostra sfera di esperienza.

Ora il futuro si sta rivelando a noi come un periodo di sviluppo e maturazione in cui possiamo solo avanzare in solidarietà. Questo, ovviamente, innesca una crisi spirituale. Questo è il processo in cui ci troviamo oggi.

Associazione volontaria

Oggi, l'umanità sta diventando consapevole della sua unità non solo a ritroso nello stato sanguigno, ma anche in avanti nel progresso. Di conseguenza, sente il bisogno vitale di unirsi in se stessa.

Ovunque, e soprattutto tra i gruppi religiosi, sta emergendo un movimento di riunificazione. Al di sopra o al di sotto degli elementi di divisione si scopre qualcosa che spinge alla convergenza.

Ma dove si trova questo misterioso principio di approccio? È sotto o è sopra? È nell'interesse comune o in una fede comune?

Un interesse comune o una minaccia comune possono unire le persone per un certo periodo di tempo. Ma questa forma di sintesi rimane fragile se è avvenuta sotto la pressione di un bisogno o di una paura. L'unità umana, comunque, non può crescere e durare per coercizione esterna, ma solo per unione volontaria. Qui si rivela la fede nell'uomo. È un impegno profondo e comune per neutralizzare le forze di dissoluzione e dispersione.

Un senso per la terra

Fede in Dio e fede nel mondo: se queste due energie si unissero, potrebbero rafforzarsi a vicenda, ma dove si può trovare il mezzo per questa desiderabile unione o trasformazione?

Il senso per la terra si dispiega e si apre verso un senso per il divino; e il senso per il divino affonda le radici e si nutre verso il basso nel senso per la terra. Il Divino trascendente, personale, e l'universo in evoluzione non sono quindi più due punti focali contrapposti; piuttosto, formano due poli che si attraggono reciprocamente. Proprio la trasformazione che stavamo cercando!

L'unanimità di domani

Un’”unione sacra", l'unione di tutti quelli che credono che l'universo stia ancora progredendo e che abbiamo la missione di facilitare il suo progresso, anzi di realizzarlo: non dovrebbe questo essere il nucleo solido attorno al quale deve evolversi l'unanimità di domani?

L'idea di una possibile unificazione delle nostre coscienze individuali in una comune "supercoscienza" si sta dimostrando ogni giorno più fondata scientificamente e psicologicamente necessaria. Questa idea sembra anche essere l'unica in grado di preparare il grande evento che attendiamo: un nuovo capitolo di vita che stabilirà una nuova era.

 


[1] Da: Pierre Teilhard de Chardin: Senso e scopo dell'evoluzione, Testi selezionati, a cura di Peter Gotthard Bieri, Aachen 2010, Cap. 14.

 

back to home pdf share