Stone on stone

Pietra su pietra

back to home pdf share

Non riuscivano a ricordare quando erano arrivate qui, o esattamente come. Sapevano che un tempo erano state insieme, inseparabilmente uno, da qualche parte lontano da dove erano ora. E che qualcuno aveva dato loro questa forma tempo fa, almeno così credevano. Non che il "tempo" di per sé significasse molto per loro, dopotutto erano vecchie di secoli. Anche se da quando avevano ricevuto questa forma e questo luogo, erano arrivati a capire un po' di più cosa intendesse la gente per “tempo”. C'era almeno una cosa che sapevano per certo, ed era che erano insieme. Ma ultimamente una non era così contenta. Scontrosa, anche irascibile. L'altra cominciò ad essere un po' infastidita da questo, dai gemiti esasperati, dal silenzio tormentato.

 

 

 

 

 

 

 

 

Peter Randall-Page RA – Opere d'arte e sculture in Cornovaglia – Parco e giardini delle sculture

 

"Cosa c'è che non va in te? Non capisco cosa ti sta succedendo. Questa è l'ennesima volta che te lo chiedo e ci conosciamo abbastanza bene da potermi dare una risposta."

Dopo un momento di silenzio è arrivata una risposta scontrosa: "Hm, beh, comincio a stancarmi un po' di stare qui, in questa posizione con te.”

"Cosa? Ti appoggi a me, io ti sostengo! E noi qui stiamo bene, al riparo e al caldo quando c'è il sole, e la pioggia ci lava bene. Abbiamo anche una bellissima vista della baia attraverso gli alberi". Le piaceva davvero il suono del mare e il calore nutriente del sole, trattenuto per gran parte della notte.

Sospirò di nuovo. "Sì, lo so che vedi le cose in modo diverso. Ma a che serve essere qui? E ho anche nostalgia di com’era prima che prendessimo questa forma”.

L'altra rimase in silenzio per un momento. Aveva anche nostalgia di casa e ne aveva sentito parlare dai visitatori. Ma c'era anche un senso di qualcos'altro, qualcosa di essenziale in questa forma. Proseguì: "E tutte quelle stupide osservazioni delle persone su di noi, sto iniziando a odiarle anche io”.

"Osservazioni stupide?”

"Perché abbiamo questa forma in particolare, e cosa significa". Sospirò esasperata.

"Ah, sì, ogni tanto è così, ma per il resto non è poi così male. E stai ascoltando bene? La maggior parte delle persone osserva molto da vicino, e quasi sempre parlano quando sono con noi, chiedendosi di cose ben oltre la nostra forma e il nostro posto qui. Spesso fanno un confronto con la propria vita”.

Dopo un lungo silenzio, a bassa voce: "Ma non succede niente, almeno non noto alcuno sviluppo. E loro devono andare avanti, giusto?”

"Beh, se me lo chiedi... Va bene, ora siamo qui, e non è senza motivo. Penso che ci siano molte cose nella mente delle persone, anche se sono state via per molto tempo. Nei pensieri e sogni, credo, continuano a porsi domande sul perché della loro stessa forma, funzione, e forse scopo".

"Sì, e poi, cosa ci guadagnano? Vogliono forse altro?”

"Non lo sappiamo, ma siamo qui e stiamo facendo la nostra parte. Qualcosa in me mi dice che siamo qui in questa forma perché chi ci ha fatto così voleva esprimere qualcosa di importante. E questo potrebbe apparire in un modo molto diverso da quello che possiamo immaginare”.

-------------------------

Le due persone hanno vissuto un periodo lungo e difficile. La perdita dei propri cari aveva lasciato il segno. Si vedeva nel loro atteggiamento, nei solchi sui loro volti. Uno dei due riprese a camminare, ma l'altro rimase ancora, girando esitante intorno al gruppo di statue. "Pensi che sia così speciale, questa coppia?" "Sì, presuppone qualcosa che non so nominare, ma mi piace". "Beh, non posso farci molto". “Mi tocca da qualche parte nel profondo, e mi intriga quella forma a scodella, e tutti quei raggi che si uniscono, come se volessero irradiarsi ulteriormente, come se lì volesse sorgere una fontana. E poi quella parte ricettiva che vi poggia sopra”. Un'altra foto fu scattata, l'ennesima. "Beh, ti fa bene, è la prima volta da secoli che ti vedo sorridere". “Sì, mi rende felice, è vero, ma come mai...? Bene, andiamo, continuiamo a camminare".

Fonte:

Peter Randall Slip of the lip, Tremenheere sculpture gardens, Penzance, Cornwall UK

back to home pdf share