Shiva und Parvati

Potere e coscienza nelle relazioni – Parte 1

back to home pdf share

La divina coppia Shiva/Shakti ha avuto bisogno di un lungo e doloroso processo per riunire i poli estremi dell'ascesi e dell'estasi, dell'indipendenza e della fusione simbiotica, dell'avversione del mondo e della devota “cura del mondo” nella coscienza matura. Shiva e Shakti sono cresciuti in una danza creativa nella forza e nel potere in diverse fasi della maturità.

La storia d'amore di Shiva e Shakti inizia con un problema. Un potente demone, il grande Asura Taraka, minaccia i regni degli dei e degli uomini. Un saggio veggente profetizza che solo un figlio di Shiva e Shakti avrà il potere di fermare il demone.

Dimmi una donna in tutto l’universo

Gli dei si rivolgono quindi a Shiva, che è ancora una volta nella gelida solitudine di una immersione interiore. Solo con riluttanza esce dalla sua meditazione. “Dimmi una donna in tutto l’universo che può sopportare il fuoco consumante del mio ascetismo senza esserne bruciata, e io la sposerò!”, dice infine Shiva.

Gli dei si rivolgono a Shakti e le chiedono di incarnarsi nella forma di una donna in modo che insieme a Shiva possano generare il figlio che dovrebbe portare alla liberazione dal demone Taraka. Shakti accetta di portare il solitario fuori dalla sua alta trascendenza nel regno terreno e poco dopo nasce come figlia di un re. Si chiama Sati e cresce fino a diventare una donna di straordinaria bellezza.

Sati

Quando raggiunge l'età da marito, suo padre invita molti bei principi e a Sati viene chiesto di scegliere uno sposo. Ma Sati non sceglie nessuno dei candidati. La sera, quando un mendicante nudo appare davanti alla finestra del suo palazzo – è Shiva in forma terrena – i loro occhi si immergono gli uni negli altri. Shiva inizia a ballare con potenti movimenti. Alla vista delle sue movenze aggraziate, il cuore di Sati è improvvisamente infiammato d'amore. Sebbene il re sia riluttante a far sposare sua figlia al monaco mendicante, Sati si afferma risolutamente. Il rito del matrimonio può aver luogo. L'insolito sposo appare il giorno delle nozze a cavallo di un toro. La sua pelle è imbrattata dalle ceneri dei luoghi di cremazione e serpenti si avvolgono intorno alle sue braccia e al suo collo. Un raggio di luce ardente emerge dal suo terzo occhio aperto. È Shiva che ora gira intorno al fuoco nuziale sette volte insieme a Shakti e poi si stabilisce con lei sul possente monte Kailash.

Lì giunti, la avvolge tra le sue braccia e la riscalda con il suo calore incandescente. Poi sprofonda cuore a cuore con lei nell'immensità senza limiti di un amore che fa nascere mondi.

Inizia il gioco congiunto della creazione. Ed è lei che lo guida. Lui la segue con profonda devozione e si lascia plasmare da lei in miriadi di forme creative. Essendo diventato tutt'uno con la sua volontà, gode dei suoi umori giocosi e dell'alta sublimità del suo potere materno. Nel gioco delle sue dinamiche, al quale lui si abbandona volentieri, fa nascere il mondo; il tempo, lo spazio, il sole, la terra, la natura.

Tutto ciò che lei crea, lui lo riempie con la sua coscienza.

Il gioco creativo volge al termine

Ma questo gioco d'amore creativo arriva a una fine improvvisa. Il padre di Sati ha invitato parenti e amici a un rito sacrificale, Shiva e Sati sono esclusi. Quando Sati viene a sapere questo, cavalca con rabbia al luogo del sacrificio e si confronta con suo padre. Suo padre le spiega che non vuole che Sati e Shiva siano qui perché nessuno dei due è abbastanza puro per questo sacro rituale. Questo fa infuriare Sati e, seguendo un impulso selvaggio, si getta nel fuoco sacrificale. Il suo ultimo pensiero è il desiderio di ricongiungersi con Shiva in un'altra vita.

Quando Shiva apprende della morte della sua Sati, è sopraffatto dal dolore. Si avvicina all'altare del sacro fuoco e solleva il cadavere carbonizzato di Sati dalle ceneri ancora calde. Tenendo il corpo senza vita tra le braccia, per esprimere il suo dolore danza intorno alla terra con furore. Le montagne tremano, i fiumi rompono gli argini, l'universo trema, il sole si oscura e tutti gli esseri a tutti i livelli tremano, paralizzati dalla paura.

Solo Vishnu, il guardiano del mondo, può fermare Shiva nella sua potente danza di distruzione. Shiva torna in sé, riconosce che il suo immenso dolore è dovuto all'attaccamento e ritorna sul monte Kailash. Ogni contatto tra lui e le forme del mondo si dissolve nuovamente, tutta la sua coscienza rifluisce nella sua alta essenza. Shiva riposa di nuovo nella vastità di un'autocoscienza trascendente.

Parvati

Ancora una volta gli dei chiedono a Shakti di incarnarsi sulla terra affinché il salvatore dei mondi possa prendere forma attraverso di lei. Questa volta nasce come figlia di Himavan, la personificazione dell'Himalaya, e di sua moglie Menaka e le viene dato il nome Parvati. Tra le sue virtù, spicca in particolare la sua ferma volontà. Quando Parvati raggiunge l'età da marito, Shiva è ancora seduto in completo isolamento sul monte Kailash. Pertanto, Parvati lo raggiunge sulle vette aride dell'Himalaya. Trascorre i suoi giorni in calma devozione rituale direttamente davanti al grande Shiva. Prega continuamente il grande Dio, di cui sente il fuoco, di ascoltarla solo una volta. Parvati sviluppa un'immensa pazienza e devozione. Non cessa di adorarlo in tutte le forme di devozione rituale. Deve dimostrare che la sua onnipotenza è uguale alla sua onniscienza nelle regioni dell'ascesi. Impara a concentrare il suo potere verso di lui e a dimenticare il mondo e se stessa nella concentrazione e nella devozione.

La notizia del potere spirituale sempre più maturo di Parvati si diffonde. Un giorno, un vecchio asceta errante arriva da Parvati e le chiede perché sta accettando tutte queste difficoltà. Parvati gli spiega che la sua anima ha scelto Shiva come marito e che lo convincerà con il suo puro orientamento. "La mia anima desidera l'impossibile!" Il viandante la supplica di desistere. La avverte: "Un grande pericolo emana da lui. Egli è la forma senza forma davanti alla quale tutte le cose e le acque periscono!" Ma Parvati rimane salda e non si lascia dissuadere dalla sua decisione. Poi l'aspetto dell'asceta errante cambia. Il grande Shiva sta ora davanti a Parvati. Le confessa che non può più resistere alla sua enorme forza e le chiede di sposarlo ancora una volta. Allora la volontà e la coscienza del grande Shiva scendono in lei. Lui e lei si compenetrano ancora una volta, e lei lo porta con la forza del potere purificato in tutti i piani dell'esistenza del mondo.

(continua in parte 2)

 

back to home pdf share