Sky balloons fly

A proposito di Acquario ed egoismo – Parte 2

back to home pdf share

(A parte 1)

 

Semplificando, si può dire che l'egoismo si manifesta, tra l'altro, nella tendenza a seguire le proprie convinzioni consolidate, senza riflettere molto sul loro significato e sulla loro origine. Questo ci fa sentire a nostro agio grazie alla stabilità del mondo interiore che abbiamo creato per noi stessi. La maggior parte di queste convinzioni sono influenzate dalla natura della mente concreta che, non avendo strumenti per comprendere questioni più complicate, tende a semplificarle eccessivamente. Nascono così stereotipi e pregiudizi che offrono facili soluzioni a problemi complessi.

Questo meccanismo può portare a una fuga istintiva nei modelli e nei comportamenti di routine, sia personali che sociali. Tali atteggiamenti sono definiti come conservatori. Sono tentativi di mantenere le vecchie abitudini perché ci danno un senso di stabilità, e quindi di sicurezza. I nuovi tipi emergenti di relazioni interpersonali sono percepiti come una minaccia.

Tuttavia, ci sono anche persone che cercano consapevolmente di cambiare vari schemi ben consolidati. Per loro, gli atteggiamenti conservatori sono associati a una minaccia, perché non consentono di esprimere pienamente i propri egoismi, che vorrebbero mostrare come qualcosa di estremamente progressista.

Oggi possiamo osservare un grande aumento dell'attività di questi egoismi nelle persone di tutto il mondo durante le controversie, ad esempio su come trattare i rifugiati o come affrontare il cambiamento climatico.

Di solito si rivelano come una sorta di cura principalmente della propria sicurezza e del proprio comfort. Va aggiunto che questo tipo di comportamento egoistico è istintivo e per lo più indipendente dalla nostra volontà, perché deriva dalle dipendenze karmiche sorte durante l'evoluzione umana e dalla lotta quasi incessante per la sopravvivenza ad essa associata.

Certo, le persone moderne sono generalmente consapevoli di questi meccanismi e possono attenuarli significativamente e mascherare le loro manifestazioni. Eppure questi egoismi sono così intensi da provocare discussioni accese tra le varie parti, ognuna delle quali ha i suoi argomenti estremamente fondati e razionali.

Gli schemi religiosi e sociali ci hanno condizionato a considerare l'ego e l'egoismo una cosa negativa. Ciò è stato causato dal modo in cui l'Ego Umano – creando un elemento del ponte che collega la nostra coscienza con il mondo spirituale – si manifesta nella stragrande maggioranza delle persone. Pertanto, abbiamo l'impressione che l'egoismo sia qualcosa da combattere.

Tuttavia, questo problema è più complicato. Perché l'egoismo serve anche come copertura per la coscienza, che non è ancora pronta per essere pienamente influenzata dai raggi dello Spirito, noti anche come Gnosi, cioè cognizione propria. Quando l'influenza dell'energia gnostica è troppo forte, le persone attivano istintivamente meccanismi egoistici. Così evitano di essere troppo aperti al suo tocco, che incoraggia i contatti onesti con le altre persone e la cooperazione.

Perché l'egoismo distorce il modo in cui percepiamo il mondo e le persone. Fa sembrare minacciose situazioni neutre e naturali e dà l'impressione che qualcuno o qualcosa ci stia facendo del male. Pertanto, sotto la sua influenza, ci chiudiamo alla cooperazione con gli altri e quindi interrompiamo il flusso di energie superiori.

Come uscire da questo circolo di dipendenza? Dobbiamo solo guardare in modo molto obiettivo il nostro egoismo, le nostre paure e inclinazioni, per comprendere meglio gli egoismi delle altre persone e imparare ad accettarli come un fenomeno oggettivo e naturale. Dopo aver raggiunto questo obiettivo, saremo in grado di utilizzare questi meccanismi per il nostro sviluppo. L'ego sembra essere un ostacolo finché non comprendiamo i principi e lo scopo della sua attività. Dopo aver raggiunto questa comprensione, ci appare come un meccanismo che ci permette di lasciare la nostra dipendenza dalla realtà che ci circonda ed entrare in uno stato più sottile dell’essere.

L'insoddisfazione per i risultati nelle nostre vite, che spesso si verifica, è solo l'informazione che stiamo usando il nostro ego contrariamente al suo scopo, che è quello di stimolarci a perseguire obiettivi più elevati.

Esaminando il nostro egoismo, comprendendolo sempre meglio e lavorando costantemente con esso, sviluppiamo la nostra consapevolezza. In questo modo, raggiungiamo finalmente un grado di maturità in cui non abbiamo più bisogno della copertura dell'egoismo e siamo in grado di aprirci pienamente a relazioni sincere con gli altri e di operare per il bene dell'umanità nel suo insieme. Quindi, l'egoismo cambia, perché diventa più trasparente e non oscura o distorce la nostra percezione sia della Gnosi che delle altre persone.

Che cosa ha a che fare tutto questo con il passo del Nuovo Testamento citato in precedenza? Ebbene, si dice che seguendo l'uomo con l'acqua, cioè l'influenza dell'Acquario, raggiungeremo la sala dove possiamo preparare la Pasqua, che simboleggia la trasformazione interiore che ci permette di raggiungere un livello superiore di essere, cioè, vera umanità.

Il processo di preparazione della Pasqua è molto complesso e generalmente dura quasi tutta la vita di una persona. Consiste in innumerevoli piccolissimi passi, comprese le nostre reazioni e i comportamenti quotidiani. L'assistenza nello svolgimento di questo processo è fornita dalle scuole spirituali gnostiche.

Se deviamo dall'interpretazione letterale di questo passaggio e prendiamo i discepoli di Gesù come simboli di alcuni aspetti di noi stessi, la questione di dove mangiare la Pasqua è una questione di dove possiamo trovare il vero cibo. Cibo che ci manca costantemente e di cui l'uomo moderno è costantemente alla ricerca, non accontentandosi di ciò che la vita ordinaria gli offre.

Raggiungere questo luogo non è facile, perché bisogna seguire la forza che sperimentiamo costantemente ogni giorno, ed è per questo che non gli diamo troppa importanza, dandola per scontata. Quindi sfugge alla nostra attenzione. Le scuole spirituali aiutano le persone a percepire consapevolmente queste energie e ad accettarle interiormente. La fase successiva è adattare il nostro stato d'essere a questi impulsi attraverso il lavoro interiore con il proprio egoismo e seguendo la direzione da essi indicata, facendo ciò che è semplice, ovvio e naturale in un dato momento. E quando saremo pronti per la Pasqua, troveremo un grande cenacolo, arredato e preparato. Allora potremo consumare questo pasto d'addio, e così lasciarci alle spalle l'attuale livello di esistenza, che è così insufficiente e deludente per noi.

back to home pdf share