pedestrians

A proposito di distanziatori, unità ed essere radianti

back to home pdf share

Partendo dalla saggezza antica e senza tempo, citiamo Ermete Trismegisto:

E l’uomo, scorgendo la forma riflessa nell’acqua – presente nella natura – se ne innamorò e volle abitare là. All’istante fece ciò che voleva e venne ad abitare nella forma priva di ragione.

Per Ermete, il nostro problema fondamentale come esseri umani ha a che fare con l’identificazione con una proiezione di noi stessi nella materia. Questo è vero per il singolo essere umano, è anche per l'umanità. Eppure abbiamo questa fortissima tendenza a trascinare tutto troppo in profondità nella materia. Vediamo, traduciamo e interpretiamo nella materia ciò che appartiene allo spazio psichico. E dimentichiamo che in questa materia si tratta di una metafora, di una lezione visiva.

Quattrocento anni fa furono pubblicati i libri fondamentali dei Rosacroce classici. La storica Frances Yates afferma che poco tempo dopo si verificò un'importante spaccatura nel pensiero europeo. Liberamente tradotto: sorgono due correnti, una corrente magico-scientifica e una corrente conoscitiva-magica. Quest'ultima possiamo anche chiamarla gnostico-magica. Ora, quattro secoli dopo, possiamo vedere chiaramente dove conducono queste due linee di sviluppo. La differenza tra le due correnti, tra i due approcci, è se un certo numero di linee di forza vengono trascinate o meno nel mondo materiale per la manifestazione. Le linee di forza sono lì, come fossero disegnate su un piano. Possiamo manifestare queste linee di forza sia nello spazio fisico sia nello spazio dell'anima. 

La corrente magico-scientifica divenne una confraternita scientifica all'inizio del XX secolo. Un gruppo di anime umane si è incarnato in parallelo, e si sono sviluppate in scienziati. Questi, attraverso gli eventi e le guerre della prima metà del ventesimo secolo, si riunirono in America nel Progetto Los Alamos. Combattevano le potenze dell'Asse – Germania, Italia e Giappone – e dalla loro prospettiva, le forze del male. Progettarono e sperimentarono la prima bomba atomica. Il primo esemplare fu fatto esplodere, con paura e tremore, durante il Trinity Test. Nome molto eloquente. L'esperienza visiva del test può essere descritta come: abbiamo creato il sole! 

La corrente gnostico-magica ha il suo corso di sviluppo. All'inizio del XX secolo è stata fondata, in questa parte dell'Europa occidentale, una Scuola Spirituale. In essa, Jan van Rijckenborgh segue le orme di Rudolf Steiner e Max Heindel. Lo fa in entrambi gli spazi: il punto focale è nel mondo dell’anima, ma la scuola prende forma anche nel mondo materiale.

Può essere interessante considerare la bomba atomica e il suo sviluppo come una metafora, come una serie di linee di forza che, a causa dell'ignoranza umana, sono state attratte troppo in profondità nella materia.

La corrente magico-scientifica funziona in modo sperimentale, alternando esperimenti fisici e sviluppi teorici in fisica e matematica. Le cose che accadono in quella sperimentazione includono anche una serie di incidenti che hanno a che fare con il rilascio indesiderato di grandi energie.

La corrente gnostico-magica opera secondo il piano di Dio per il mondo e l'umanità. Non c'è assolutamente alcuna sperimentazione nel laboratorio dialettico per le anime umane. Secondo la sua manifestazione in questo mondo, questo laboratorio è suddiviso in un numero indefinito di scuole, che insieme formano l'unica Scuola per lo Spirito dell'umanità attuale.

Per gli scienziati magici la nozione di massa critica è la nozione centrale. Una quantità sufficiente di materia che irradia attivamente deve essere assemblata in un dato volume relativamente piccolo. Nella prima bomba atomica, lo si è ottenuto da un campo di implosione sferico diretto verso l'interno, il quale comprime la piccola sfera di materiale radioattivo. In questo modo si raggiunge la massa critica.

La reazione a catena è notevolmente accelerata e termina con un'esplosione nucleare. Tutto questo avviene nello spazio fisico.

A mio avviso, anche la Scuola gnostico-magica dello Spirito vuole raggiungere una massa critica. Lo elabora nello spazio psichico, lo spazio dell'anima. Come mostra la metafora, ciò non richiede una grande massa. Si tratta piuttosto di comprimere un insieme di emettitori attivi. Anime umane in cui, attraverso l'atteggiamento verso la vita e gli influssi di un campo di radiazione collettivo, la capacità individuale di attività radiante è stata risvegliata e attivata in una certa misura. La radiazione in questo caso è energia per trasformare l'anima. Metaforicamente, sono state convertite in uranio arricchito, in combustibile nucleare. La pressione esterna per comprimere questo insieme di anime in una massa critica secondo il Piano proviene da influenze cosmiche e fraterne. I pianeti dei misteri, incluso Urano, giocano un ruolo importante in questo.

Come funziona questo nella Scuola dello Spirito? Le anime umane vengono raccolte, attivate, trasmutate e arricchite attraverso un processo pianificato. Quindi, sempre in modo completamente pianificato, vengono ordinate e riunite in gruppi. L'invito rivolto ai membri di tali gruppi è di raggiungere la più alta densità possibile di anime radianti. Sperimentiamo una pressione dolce e costante, un bisogno di avvicinarci nello spazio psichico, di diventare più uniti. In pratica, ciò significa che devono essere rimossi i distanziatori: i campi di interferenza del materiale della coscienza, della materia psichica, delle forze attrattive e repulsive presenti intorno a ciascun individuo. Come il carbonio in un reattore nucleare, assorbono parte delle radiazioni rilasciate rendendolo così impotente.

Un importante potenziale distanziatore è il nostro corpo. Assumiamo per un momento che un corpo amorevolmente e minimamente conservato sia attualmente il migliore possibile, e che un corpo così ben curato lasci poi all'anima la sua libertà. Esempio: quando hai fame, la tua attenzione va solo al cibo. Quando sei innamorato, la tua attenzione va all'oggetto del tuo amore. In tal caso l'anima non è libera. Le tensioni in noi e intorno a noi lavorano sul materiale. Un elemento importante in questo è l'identità. L'identità è il problema fondamentale dell'anima, l'anima che si identifica con la sua proiezione nella materia e perde così la sua libertà di rivelarsi. Lo abbiamo letto prima con Ermete Trismegisto.

Con il nostro limitato potenziale di coscienza, ripetiamo lo stesso meccanismo: ci identifichiamo con le nostre creazioni, le nostre concezioni. Io sono un uomo, tu sei una donna. Oppure: io sono Rosacroce, tu Antroposofo. O ateo. Oppure... Senti subito i distanziatori salire! In larga misura possiamo e dobbiamo lasciar andare queste identificazioni, specialmente se vogliamo entrare nel Tempio. Metaforicamente, puoi confrontare il Tempio con il laboratorio centrale nello spazio dell'anima. È lì che si lavora con l'energia trasformante. È lì che si pratica l'alchimia. Quindi i distanziatori devono essere eliminati! Un problema più acuto è la critica: componiamo un pensiero proprio per creare distanza. Stai sbagliando, guarda come faccio bene! Due anime sono, per così dire, separate. L'invito è: rimuovete i distanziatori e non forgiatene di nuovi!

Ci sono anche distanziatori che condividiamo, che appartengono al gruppo. Una categoria speciale di questi sono le idee sul potere e sull'organizzazione. Possiamo mettere qualcuno con una certa responsabilità nell'organizzazione su un piedistallo e vederci semplicemente per terra. Quest'immagine crea distanza. In quale spazio accade?

Identità, identificazione e distanziamento giocano un ruolo su una scala più ampia. Dalla loro origine e struttura, le varie scuole rivelate, i vari laboratori alchemici, hanno sviluppato le proprie identità. Ma queste identità nascono solo attraverso l'identificazione del gruppo con le cose all'esterno, nello spazio fisico. Attraverso questa identificazione ci allontaniamo dagli altri gruppi. Mettiamo tra noi e loro un distanziatore collettivo.

Unità di gruppo e unità dell'anima, unità dell'essere umano, esperienza dell'unità, sono il risultato della rimozione dei distanziatori. Del lasciar andare le identificazioni. Della rinuncia all'identità. Nel Tempio. Come gruppo di anime che aspirano, siamo ripetutamente invitati a rimanere in questa unità. Siamo pronti? Siamo disposti a fare qualsiasi cosa per avvicinarci così tanto da poter trasformare l'umanità, farla risplendere nello spazio dell'anima come un nuovo sole?

La prima parte del viaggio è lunga, faticosa e richiede sacrificio. Ci vuole volontà costante e quindi amore per l’umanità per appartenere al cuore nucleare attivo in evoluzione. Poi, improvvisamente, c'è l’innalzamento nel fuoco solare, nel Cristo. Splendore per tutta l'umanità.

back to home pdf share