poem

Qualcosa del genere

back to home pdf share

L'uomo? Questa non è una domanda,

un dilemma puramente contemplativo.

Un ponte collega la luce e l'oscurità.

Atemporalità avvolta in un bozzolo di tempo.


Disteso sulla dualità della mente,

sballottato qua e là dai suoi bisogni ambigui,

l'uomo, colpevole, sonnecchia profondamente in noi,

e si risveglia ancor più profondamente.


Si sforza di distinguere

l'immaginato dall'impercettibile

e non riconosce i suoi occhi,

ma sospetta vagamente che esistano.


È un supporto per ogni terremoto,

apparentemente imperturbabile e indifferente;

ma raggiungerà la sua massima crescita

solo quando sarà in ginocchio.


Solo la vanità in lui emerge,

quando è solennemente eretto...

L'uomo?! Creatura sacra, senza dubbio,

ma ogni passo lo smentisce.

back to home pdf share