Breathing

Respirazione ed equilibrio

back to home pdf share

E i polmoni del mondo? Come in grande, così in piccolo. Le foreste del pianeta agiscono come gli alveoli polmonari: rilasciano ossigeno e assorbono anidride carbonica. È l'esatto contrario dei polmoni umani, e quindi un sistema perfetto per mantenere l'equilibrio tra l'ossigeno e l'anidride carbonica sulla terra, per preservare l'aria pura.

Ma ogni minuto, spazi di foresta grandi come un campo di calcio vengono distrutti. L'equilibrio è sempre più disturbato. E tutto quello che fanno gli esseri umani, come usare le automobili, far volare gli aeroplani, far navigare navi giganti negli oceani, permettere alle fabbriche di smaltire i loro rifiuti nell'aria, contribuisce al disturbo. Ora che l'aria è un po' più pulita, a causa della crisi, le persone notano quanto era inquinata. Possono "respirare" di nuovo, perché il pianeta può "respirare" di nuovo. L'equilibrio si è un po' ristabilito.

Il nostro campo di esistenza è focalizzato sulla conservazione ed è soggetto a leggi di equilibrio. Si potrebbe dire che quelle leggi si occupano anche della correzione necessaria. L'umanità ha contratto un'infezione. Lo scopo di un'infezione è affrontare ed eliminare il pericolo. Il più radicalmente possibile. L'umanità generalmente lo capisce. La salute ha la precedenza sull'economia, non importa quanto drammatico possa essere l'impatto in termini economici.

Allo stesso tempo, è chiaro che l'equilibrio sulla terra è stato a lungo disturbato su tutti i fronti. Le sue basi biologiche, organiche, geologiche, spaziali e atmosferiche sono state a lungo bersagliate.

E ora il mondo è sconvolto. La sensazione che sia arrivato il momento di cambiare è molto diffusa. Quasi quarant'anni fa, in un articolo sulla rivista Pentagramma sull'equilibrio disturbato c'erano le seguenti parole:

Cosa significa che l'equilibrio nel nostro campo di vita è disturbato? Si è creata una situazione in cui il campo di esistenza organico-funzionale non corrisponde più al suo scopo originario. (...) L'uomo ha perso la memoria del suo destino. Non conosce più il piano del suo attuale campo di esistenza. L'equilibrio, che era presente in una certa misura in questo ordine temporale e spaziale, è stato alterato dall'uomo stesso.

Ciò che è necessario ora è la vera conoscenza (gnosi), al fine di arrivare alla comprensione dell'importanza di questo campo della vita per l'uomo – come espressione di un'entità creata da Dio. L'equilibrio disturbato potrebbe essere definito come espressione di tutte quelle forze e poteri che hanno sviluppato e mantenuto lo scostamento dai fondamenti della natura dialettica.

L'uomo, collettivamente e individualmente responsabile di questi poteri e forze, a un certo momento si guarda allo specchio e vede un mostro che si profila davanti a lui, ma rifiuta di accettare il fantasma come una realtà. (...) Il gruppo ben intenzionato si limita alle conseguenze di un comportamento di vita errato. Tuttavia, le cause dei rapidi cambiamenti sono più profonde. Una reazione di sola riforma della vita è quindi una reazione primitiva. (...) [1]

È giunto il momento del cambiamento. Jan van Rijckenborgh a questo proposito dice:

Nel corso della sua evoluzione terrestre, l’umanità ha ora raggiunto il nadir della materializzazione, il punto più basso in assoluto. La materia non è mai stata ne sarà mai più densa e cristallizzata di quanto è adesso. Allo stesso tempo, vediamo arrivare “la fine dei tempi” e il grande rivolgimento verso il nuovo cammino ascendente. Tale svolta si concretizzerà attraverso ciò che potremmo definire una spiritualizzazione della materia; non nel senso di una glorificazione, ma nel senso di una maggiore rarefazione. Siamo più che convinti che questo fenomeno sia già iniziato. Questa rarefazione porterà a una progressiva dissoluzione della materia; è ciò che nell’Apocalisse di Giovanni è chiamata “la caduta di Babilonia”. La materia, tutti gli insediamenti materiali e tutto ciò che si mantiene grazie alla materia non potranno più sussistere come accade ora, perché la costituzione atomica della terra sarà completamente trasformata. L’uomo materialista e cristallizzato, il quale ha riposto tutte le sue speranze e aspirazioni nella materia, non potrà continuare oltre nella sua discesa. In conseguenza a tale cambiamento di struttura e di qualità degli atomi terrestri, una linea di separazione dividerà ben presto l’umanità intera.

Lo stato attuale delle cose, consente al gruppo in grado di reagire ai cambiamenti di raggiungere una comprensione matura. Supportati da questa intuizione, molti saranno in grado di prendere coscienza del vero scopo della loro vita. Da questa intuizione potranno liberarsi dalla materia opprimente, e percorrere il sentiero che conduce alla vita dell'anima-spirito.[2]

Diventare più sottile

Una previsione miracolosa, che diventa sempre più rarefatta, se si guarda a cosa è diventata la nostra pratica quotidiana. Non più in macchina per andare al lavoro, ma lavorare e andare a scuola senza muoversi, con collegamenti digitali. Non trascinare più giganti oceanici pieni di container, o giganteschi hotel galleggianti attraverso i mari del mondo, ma tornando ai nostri immediati dintorni per cibo e relax. Non più prosciugare la terra spogliandola di carbone, petrolio, gas e alberi, ma generando elettricità con il vento e il sole. Sembra essere l'inizio di quella rarefazione, una previsione che nella sua realizzazione potrebbe essere ancora molti secoli in anticipo rispetto alla realtà.

E poi di nuovo quel respiro. Esotericamente, respiriamo molto di più insieme all'aria. Con essa si inala sostanza eterica ed astrale di qualità paragonabile a quella dell'aria inquinata.

La sostanza astrale così inquinata del nostro campo vitale non è altro che la sostanza astrale divina originariamente pura, portata e trattenuta in una vibrazione inferiore e piena di innumerevoli fenomeni di vita empia.[3].

Ma l'umanità non è lasciata sola nel suo viaggio nel tempo. Il cambiamento delle influenze crea nuove possibilità. A causa della forte carica elettromagnetica di Urano, ora respiriamo una nuova forza di luce, il soffio ardente di una vita nuova. Gli esseri umani devono rispondere a questo. Se si sintonizzano su questa forza di luce astrale superiore, allora questo respiro consente un nuovo atteggiamento nei confronti della vita, perché influenza il sangue, i fluidi nervosi, il fuoco spinale, la secrezione interna e la coscienza. Se questa respirazione persevera, in un equilibrio interiore, conduca a un vero cambiamento. Se si ricade nelle vecchie abitudini di vita, la nuova forza di luce perde gran parte del suo potere originale e viene nuovamente inquinata. Solo una continua circolazione di quella forza leggera inspirata nel sistema può provocare e mantenere un cambiamento di coscienza. È lì che l'umanità è diretta, per quanto tempo ci vorrà. Una prospettiva gioiosa, in mezzo a tutto il caos.

 


[1] L'equilibrio disturbato,  Pentagramma 1982 n° 10

[2] Jan van Rijckenborgh, Le Nozze Alchemiche di Cristiano Rosacroce, parte 2

[3] Jan van Rijckenborgh, Il Rimedio Universale. Cap. 5
 

back to home pdf share