music

Restare nel non sapere

back to home pdf share

Merlijn Twaalfhoven non si occupa solo della musica in tutti i suoi aspetti, ma ritiene necessario che essa significhi qualcosa per l'umanità. Alcuni anni fa ha utilizzato esperienze musicali basate sulle sue composizioni per offrire alle persone, spesso al di fuori dalle sale da concerto, un'esperienza essenziale e per metterle in contatto tra loro. Da qualche anno non si occupa più dell'arte come prodotto finale, ma del processo di creazione artistica. Merlijn parla con entusiasmo, rapidità e grande passione. Non solo trova molte cose interessanti, ma vede anche tante cose che dovrebbero essere fatte diversamente.

 

L'edizione 2020-3 del LOGON stampato in Olanda si occupa principalmente dei diversi aspetti dell'apprendimento e della sua profondità. Tu hai studiato molto: uno strumento musicale al conservatorio, composizione, ma anche diversi altri aspetti della musica e dell'arte. Ora la tua missione è trasmettere qualcosa agli altri. Cos'è l'apprendimento per te?

Ad essere onesto, non uso molto spesso la parola "imparare". Preferisco di gran lunga parlare di percezione. Penso molto a come possiamo assicurarci di percepire bene, chiaramente. Ovviamente non esiste l'osservazione oggettiva, ma possiamo creare le condizioni per osservare il più apertamente possibile. Ad esempio, è bene non farsi intossicare da certe sostanze o qualcosa del genere, ma ci sono anche tante forme di micro-intossicazione, come consumare notizie, rispondere a messaggi singoli o condividere la propria opinione su tutto.

Il mio pensiero ha subito un cambiamento di paradigma quando avevo 26 anni, grazie a un soggiorno in Giappone. In Occidente spesso pensiamo in termini di buono e cattivo, superiore e inferiore. Incaselliamo tutto e su tutto applichiamo un giudizio morale. In Giappone è molto diverso. Lì, la visione del mondo è che tutto ciò che vedi intorno a te ha un'anima (animismo). Ci sono forze che interagiscono, danno e prendono, per così dire, e tu devi cercare di essere in armonia con questo, di accettare ciò che c'è. Ad esempio, quando costruisci una casa, ringrazi e chiedi scusa allo spirito della foresta da cui hai tagliato il legno, ma stai anche servendo lo spirito della casa che stai costruendo. Si beve il tè tutto il giorno, ma c'è anche la cerimonia del tè, perché ogni l'esperienza quotidiana ha anche qualcosa di sacro, se sei veramente attento. Questa esperienza in Giappone mi ha insegnato un modo completamente diverso di guardare e sperimentare, una prospettiva completamente nuova sul mondo.

Quindi per me l'apprendimento è una percezione aperta.

 

Come puoi percepire apertamente?

Ci sono molte cose che possono complicare o favorire una percezione aperta. C'è l'aspetto del tempo. Sei in grado di vivere nel presente? Perché quando vivi nel passato o nel futuro, non puoi percepire apertamente, i tuoi pensieri, i tuoi sensi, la tua coscienza sono da un'altra parte. Hai una specie di paraocchi come un cavallo nel traffico, il quale vede solo certe cose ed esclude il resto. E c'è anche l'aspetto dello spazio. Tendiamo a riempire completamente il nostro mondo di idee, di cose, di certezze. Tutto deve essere il più efficiente possibile e quello che fai deve essere utile, secondo la morale corrente. Penso che sia importante creare uno spazio che non sia colorato da cose che hai già deciso, spazio per ciò che non conosci. Se riesci davvero a percepire apertamente, potresti anche vedere cose che ti sorprendono, cose inaspettate che ti toccano. Allora impari.

D'altra parte, molte volte è estremamente utile semplificare il nostro mondo in funzioni e simboli, così puoi essere efficiente e propositivo. Ti racconto una storia che è stata molto apprezzata nella nostra famiglia quando i miei figli erano piccoli: “Arriviamo a un bivio e vediamo il colore rosso. Wow, che bella tonalità di rosso. Quindi vediamo il colore verde. Bene, che bel colore, quel verde. Quindi vediamo il colore arancione. Sì, questo è un colore speciale. E poi vediamo di nuovo il rosso. Va bene, ora sta diventando noioso, andiamo”. Come puoi vedere, essere orientati agli obiettivi ed essere in grado di reagire al tuo ambiente in modo mirato è abbastanza utile. Ma l'apprendimento avviene meglio nei momenti di rallentamento, questo tempo presente ne è un esempio. In questa pausa sei aperto a tutte le cose nuove che l'ambiente vuole dirti.

 

Secondo te, cosa dobbiamo imparare come esseri umani?

Il mondo è diventato complesso. In passato, un essere umano sapeva cosa sarebbe diventato, doveva solo guardare i suoi genitori e sapeva quale professione avrebbe svolto. La religione era lì per le cose che non riusciva a spiegare e gli dava sicurezza riguardo alla malattia e alla morte. Ma oggi puoi diventare qualsiasi cosa, magari solo per un po'. E la religione non è più così importante. L'attaccamento che le persone avevano su di essa si è affievolito, ma questo non significa che le persone non cerchino più certezze.

Il consumismo si è sviluppato in modo molto intelligente negli ultimi cento anni, attribuendo valori alle cose. Quindi, quando acquisti quel prodotto, hai qualcosa a cui aderire, qualcosa che ti dice chi sei e chi vuoi essere. Però con la nuova stagione devi rinnovare tutto. Questo ci allontana dall'inconveniente di non sapere. Ma tutti possiamo vedere che la terra non può reggere tutto questo. Ed è giusto provare disagio per questo. Dov'è allora il tuo attaccamento, e di quanto ne hai bisogno?

Nella mia giovinezza ho aderito all'insegnamento dei Rosacroce, dove si parlava sempre di cercatori. Vedo questa come una fase in cui le persone si liberano da una sorta di intossicazione, come il consumismo. E poi c'è un paradosso. Devi sentirti al sicuro per porre certe domande. Quindi per poter dubitare bisogna anche avere delle certezze. Ad esempio la sicurezza di un ambiente sociale in cui le persone capiscono che stai facendo domande e hai dubbi. Oggi possiamo essere ricercatori della nostra verità. Ma questo inizia con il restare nel non sapere.

 

Tu dici: "Rimani nel non sapere". È questo ciò con cui hai a che fare in questo momento, "abilità nell'incertezza"?

Sì, va bene quando non hai un appiglio. Gli artisti lo sanno molto bene, perché iniziano con una tela bianca e creano qualcosa dal nulla. Sono sempre meno preoccupato per il prodotto finale, come quando mi definivo principalmente un compositore. Ovviamente mi piace suonare il violino. Ma ancora più prezioso per me è il processo di ricerca e lo studio. Come reagisce l'ambiente a quello che faccio, qual è il mio prossimo passo? Sto abbracciando l'incertezza. L'arte è per definizione non efficiente o utile. L'arte semplicemente "è". Ecco perché penso che sia un vero peccato che nell'ultimo secolo e mezzo l'arte sia diventata parte dell'economia, dove dovrebbe essere utile e dove l'artista dovrebbe essere il professionista che sa.

Voglio dedicarmi all'artista che è in tutti. La "mentalità artistica" può aiutare tutti a trovare soluzioni ai problemi e a stare bene senza attaccamenti. Se l'attuale lockdown ci ha insegnato qualcosa, è che il futuro non può essere previsto. Allora, come procedere?

 

Come la otteniamo, la mentalità artistica?

Non la ottieni attraverso un libro. Ma ci sono condizioni che puoi creare, ad esempio, essere aperto e lasciarti stupire. Ma anche considerare la bellezza una condizione importante per connettersi con qualcosa.

Per me è molto logico pensare che il nostro ego ci ostacoli, ma ho sempre avuto qualche problema con quello che a volte viene definito distacco dal mondo. Perché questo è esattamente il mio impulso: incontrare persone, connettermi con tutto e tutti, vedere la bellezza del mondo dietro la superficie. Se nell'incontro con gli altri ti senti intensamente connesso, allora penso che in quel momento l'ego venga messo da parte. Allora provi stupore per questo mondo complesso, per la ricerca e la lotta degli altri, perché riconosci anche le loro paure e insicurezze. Può sembrare un paradosso, ma entrare in contatto con gli altri ti dà la libertà di lasciar andare le tue paure. La paura del possesso o della materia diventa così relativa. L'ho sperimentato, ad esempio, quando lavoravo come compositore e musicista nei campi profughi. Pensavo, questa è una cultura completamente diversa, quindi noi dobbiamo essere molto diversi. Ma nella musica possiamo condividere molte cose; le nostre emozioni, i nostri sentimenti sono tutti molto riconoscibili. Poi ho messo la mia individualità in prospettiva e ho sperimentato la coerenza. L'unità.

Il paradosso è che attraverso la connessione con gli altri, posso lasciarmi andare.

Quindi, come condizione per quella mentalità artistica, dobbiamo sentirci connessi al tutto, avere fiducia e il coraggio di fare qualcosa da soli. Perché molto deve cambiare. Non è un processo passivo, perché solo i pesci morti galleggiano nella corrente. Nella letteratura Zen, ad esempio, muoversi con il flusso è un atteggiamento molto attivo.

Come essere umano ti sforzi. Stai lottando per la cosa migliore, o per qualcosa che devi fare, per un'urgenza. Con quella connessione, con la fiducia, hai anche il coraggio di compiere azioni concrete. Come in una specie di storia di antichi cavalieri.

 

Hai detto da qualche parte che vorresti vivere per centinaia di anni. Per fare cosa?

La vita è un grande miracolo, di cui facciamo parte solo per un momento. Vedo tante possibilità; purtroppo ci sono così tante cose che non potrò mai fare, paesi in cui non potrò viaggiare, persone che non incontrerò. Penso che sia importante essere in grado di cambiare le cose, per rendere il mondo un posto migliore. Allora è terribilmente frustrante avere così poco tempo per questo.

In futuro, voglio condividere le mie intuizioni sulla mentalità artistica e rendere accessibile questo processo, insieme a persone che ne hanno familiarità, come gli artisti. Imparare ad affrontare la vita con questa percezione aperta, giocosa e fantasiosa. Voglio portare questi principi nel mondo; In modo che possiamo abbandonare il nostro senso di inadeguatezza. Questo è ciò che il pianeta ci chiede. Non più crescita economica, ma priorità a cose che funzionano in modo costruttivo per noi umani, per il nostro pianeta. Si tratta di coesione, di come le persone si connettono tra loro, di come possono aiutarsi e sostenersi a vicenda, di come imparare gli uni dagli altri. Questi valori umani stanno emergendo, specialmente in questo lockdown.

Come essere umano spirituale, penso alla creazione di uno spazio per il silenzio, se riesci a tacitare il rumore nelle nostre teste e nella società. Non con un'atmosfera intossicata, o con una lezione di yoga o qualcosa del genere. Ma con un non sapere attivo, un risveglio e una vigilanza. Poi c'è una voce interiore. Paradossalmente, forse sta parlando di quel silenzio. Mi piacerebbe molto dedicarmi a suscitare tutto questo in altre persone. Quindi sto parlando di rallentare, ma è una grande sfida per me trovare la quiete. Perché sento il bisogno di condividere le mie intuizioni.

 

Who's Merlijn Twaalfhoven?

Merlijn

Merlijn Twaalfhoven

(1976) è un compositore, direttore d'orchestra e imprenditore culturale olandese. Ha studiato Composizione e Viola ad Amsterdam, ma anche Storia dell'Arte (Università di Leida) ed Etnomusicologia (Università di Amsterdam).

Merlijn ha 44 anni, si impegna in molte cose contemporaneamente e non vuole scegliere. Lo spazio gioca spesso un ruolo importante nel suo lavoro, sovente al di fuori di un teatro. All'inizio della sua carriera, ad esempio, riusci a far suonare il brano musicale "Long Distance Call" a Cipro da 400 turco-ciprioti e greco-ciprioti sui tetti e sui balconi di entrambi i lati del confine. I temi del suo lavoro sono il silenzio, l'incontro e lo sconvolgimento. Da diversi anni l'arte come prodotto finale non è più per lui il fulcro centrale, ma piuttosto il processo di quello che lui chiama la mentalità artistica. Per questo ha fondato The Turn Club. Invita i colleghi artisti a diffondere il loro pensiero e le loro abilità più ampiamente nella società, al fine di affrontare le sfide del nostro tempo.

 

back to home pdf share