Hand and Hope

Salute!

back to home pdf share

In portoghese, quando onoriamo qualcuno con un brindisi, di solito diciamo: "Saúde!" (come in francese: "Santé!" e in italiano: “Salute!”), augurandogli/le una vita lunga. Inoltre, quando qualcuno starnutisce, questa è l'espressione che usiamo sperando che rimanga in buona salute.

In tempi di isolamento, pensando di allungare la curva del coronavirus in modo che il sistema sanitario mondiale si prepari ad affrontarlo meglio, dovremmo seguire le raccomandazioni sulla salute. Dopotutto, la quarantena, l'osservanza di una corretta igiene delle mani e l'uso di maschere sono regole fondamentali per collaborare con la non diffusione della malattia. Qui elenchiamo alcune raccomandazioni, facendo un parallelo con la nostra esperienza spirituale. E naturalmente: in questo momento cruciale, irradiare amore è la cosa più importante!

Proteggete voi stessi e tutti!

È certo che molti contrarranno questo virus con sintomi più leggeri e altri saranno addirittura asintomatici. I più vulnerabili, i malati e gli anziani, soffriranno di più. Ma nessuno ne è esente. Chi dobbiamo proteggere? Tutti!

Pensando a livello spirituale, dovremmo tutti approfondire la conoscenza di noi stessi. Oltre a difenderci dal virus, dobbiamo proteggerci dai nostri pensieri, dai sentimenti e dalle reazioni che fanno ammalare la nostra anima. E, naturalmente, dagli agenti e vettori esterni: pensieri, sentimenti e reazioni che ci arrivano dall'ambiente.

Restare in casa e conoscere se stessi

Possiamo contribuire ad evitare che il virus si diffonda troppo rapidamente. In che modo? Rimanendo nelle nostre case.

Allo stesso tempo, possiamo cogliere l'occasione per conoscere meglio il nostro piccolo mondo, quel microcosmo il cui campo di respirazione è pieno di incertezze, opinioni contrastanti, egoismo e altri virus, e che ha bisogno di tempo per essere igienizzato. È il momento di ripulire! Il nostro contatto con i nostri simili è limitato ai membri della famiglia (quelli che hanno le nostre stesse condizioni, e che ci aiutano a fare entrambi i tipi di pulizia!) e nella comunicazione virtuale – cioè nella distanza fisica e nel sostegno spirituale per i più vulnerabili. Gli abbracci virtuali hanno la virtù di diffondere l'amore!

Come evitare lo scoraggiamento, la mancanza di spirito?

La quarantena è una grande opportunità per uscire. Sì! Per uscire dal nostro egocentrismo e andare nel profondo del nostro essere. È lì che berremo dalla fontana che sgorga abbondantemente nel nostro Giardino Segreto.

La notizia ci scuote? È il momento di nutrire la nostra testa e il nostro cuore con fiducia ed equilibrio! La paura si impadronisce di noi solo se lasciamo che ci invada. Prendersi cura della casa, del cibo, dei vestiti, riunire la famiglia attorno al tavolo o sullo schermo del notebook – tutto questo ci porta via dalla noia e dalla paura.

E cos'è lo scoraggiamento se non la mancanza di spirito, di anima? Una lettura, una musica soffusa, immagini che ci ricordano la tranquillità, il vivere con la natura e altre pratiche possono ricordarci la nostra essenza e unirci al Tutto.

Evitate gli agglomerati ed entrate nel tempio del vostro cuore

Non è sicuramente il momento per feste, incontri culturali nei cinema e nei teatri, tanto meno per fare shopping. Non è nemmeno il momento giusto per andare nei templi.

L'essere umano in cammino verso la vera spiritualità ha un solo Tempio: il suo cuore. È in questo Tempio che ci incontriamo con la nostra comunità di anime per seguire l'unico obiettivo: rinnovarci ogni minuto.

Nel XXI secolo abbiamo il privilegio di poter partecipare agli incontri di più di 1.000 persone senza alcuna vicinanza fisica: Internet ci permette di farlo, con varie applicazioni.

Rispettare i malati e gli anziani e amarli

Le esperienze umane sono diverse. Chiunque sia malato sta vivendo un'esperienza importante! Gli anziani, che hanno vissuto migliaia di situazioni, devono essere oggetto di cure fisiche, ma possono anche essere un'ottima fonte di apprendimento morale e spirituale. Dovremmo quindi entrare in contatto virtuale con loro, quando possibile, per incoraggiarli e portare loro la nostra solidarietà e, soprattutto, il nostro amore radioso, siano essi la nostra famiglia, gli amici o i vicini.

Lavatevi le mani, senza sensi di colpa, per purificare i vostri atti

Lavarsi le mani è molto più di un'abitudine igienica di importanza capitale per la disinfezione. Da tempo immemorabile, i sacerdoti praticano la libagione. Versando acqua e lavandosi le mani, offrono questo rituale agli dei come purificazione dei loro atti. Oltre ai sacerdoti, la gente offriva del vino, del latte e del miele ai loro parenti morti, affinché potessero nutrirsi nell'aldilà.

L'acqua è sempre stata un simbolo di purificazione ed è il cibo più essenziale per l'essere umano. Affinché la nuova vita possa nutrirci (la vita dello Spirito), abbiamo essenzialmente bisogno dell'Acqua Viva. Ma è importante sottolineare: laviamoci le mani senza sensi di colpa! Non facciamo come Pilato, che ha usato questo rituale per esonerarsi.

Laviamoci le mani per purificare le nostre azioni e non per contaminarci con reazioni esterne.

Rivedere i vostri valori e rinnovare il vostro atteggiamento

Pensando al nostro atteggiamento nei confronti di questa situazione, dobbiamo rivedere i nostri valori e i nostri comportamenti. È certo che ognuno di noi ha un modello di valori ereditati dalla propria famiglia, dal proprio Paese e dalla propria esperienza. È tempo di uscire dalla cristallizzazione e di rendere più fluida la nostra esperienza. E il nostro atteggiamento, sempre rinnovato, sarà: sciogliere i legami che ci legano!

Qual è il vostro interesse? Salvare l'economia o salvare vite umane? Certo, questi sono due aspetti fondamentali – e non si tratta di discutere i punti di vista. Ma cos'è più importante: costruire un pianeta pieno di ricchezze o mostrare amore per tutte le forme di vita?

In questo momento cruciale per l'umanità, possiamo dire: La vita si rinnova ogni minuto!

E noi, che seguiamo un percorso spirituale, aggiungiamo: solo il vero amore può riportare l'umanità alla vera Vita!

Il mondo sta finendo? L'umanità sta morendo? Quale sarà il futuro?

La parola "apocalisse" non significa " la fine del mondo". Significa "rivelazione". E cosa ci sta rivelando questa fase?

Una trasformazione completa! Il mondo come lo vivevamo un mese fa non è più lo stesso. Le nostre credenze, i nostri valori, le nostre abitudini e le nostre certezze si stanno trasformando, rinnovandosi in ogni momento.

Nessuno sa come sarà il futuro. Ma questo non importa, perché vediamo con i nostri occhi che le iniziative per costruire il futuro dipendono da noi. Ad ogni passo prendiamo piccole risoluzioni interiori, familiari, sociali. Lentamente, comprendiamo noi stessi in un nuovo modo di pensare, sentire, agire e reagire. Insieme stiamo vivendo un momento che richiede armonia, buon senso, empatia e un gradito scambio di esperienze.

Le relazioni umane più semplici e dirette stanno costruendo un nuovo mondo di rispetto per gli altri esseri della natura e per i nuovi esseri umani. Sì: nuovi esseri umani, perché ci stiamo rinnovando.

Possa questa trasformazione rafforzare la nostra osservazione interiore, senza giudizi. Così capiremo che il rinnovamento è un processo amorevole e quotidiano che portiamo avanti insieme, nelle più semplici relazioni quotidiane. Siamo parte di un grande organismo: siamo ognuno di noi e siamo Uno con il Tutto!

 

 

back to home pdf share