puppets

Siamo burattini?

back to home pdf share

Quando ricordo i momenti della mia vita in cui le cose non sono andate come speravo o come avevo pianificato, spesso mi rendo conto – a volte anni dopo – che è stato un bene per me. Non avrei potuto pianificarlo meglio. Allora ho la sicura sensazione che ci sia una guida. Più spesso ho un'esperienza del genere, più sono disposta a fidarmi di questa guida, a lasciarmi guidare da essa.

Ma chi o cosa mi sta guidando? E dove mi porta? Sono libera?

Quando ammiro un fiore in piena fioritura, dimentico per un momento che presto appassirà e si seccherà. Quando vedo il fiore appassito, piango la sua bellezza passata.

Ma la bellezza del fiore è davvero scomparsa? Non vive nella matrice della pianta?

Il suo seme prepara il terreno per nuove rivelazioni di ciò che è pianificato al suo interno. Il progetto per un'ulteriore esistenza della pianta è presente nella sua microstruttura, nelle sue molecole.

La pianta mi rivela che in essa è tracciato un piano, un piano di creazione.

Deve essere lo stesso per me, con il mio microcosmo (il mio essere anima eterno), se si accetta la legge delle rinascite. L'esistenza continua in una nuova forma di rivelazione, la sequenza delle reincarnazioni, deve essere basata su un piano che mira alla creazione di un tipo che è già insito in tutte le cellule del corpo e nella struttura atomica come informazione.

Questo sviluppo è un processo automatico?

Vivo come un robot, anche se quello che faccio mi sembra di averlo pianificato e voluto io stesso?

La libertà aumenta quanto più raggiungiamo noi stessi

Secondo il terapista della regressione svizzero Alexander Gosztonyi, ogni anima riceve impulsi dallo Spirito divino, impulsi che creano tensione in essa e la costringono a reagire. Lo Spirito è attivo e stimolante, l'anima è passiva-reattiva nei suoi confronti. Cerca modi per ritrovare il rilassamento di fronte agli impulsi dello Spirito. La volontà di autorealizzazione è insita in lei – come un aspetto dello Spirito. Quindi ha la possibilità di prendere decisioni che vanno oltre la sua capacità cognitiva. Può, come fanno molte persone, cercare “protezione” dagli impulsi dello Spirito, può distrarsi e può prendere una strada diversa.

Quindi non siamo burattini; siamo su un percorso in cui la libertà aumenta quanto più raggiungiamo noi stessi. E questo significa raggiungere il nostro centro spirituale, lo Spirito. 

Gosztonyi spiega:

Affinché l'anima acquisisca spiritualità, deve aver già acquisito una certa autonomia ed essere capace di attività indipendente. L'anima diventa in grado di farlo quando non è più passivamente esposta all'azione dello Spirito, quando ne trae semplicemente beneficio ed è in grado di assumere il ruolo dello Spirito – in una certa misura – e diventare consapevolmente attiva. Per fare questo, deve lasciar agire lo Spirito nel suo spazio sempre più ampio: aprirsi ad esso con crescente consapevolezza. Tuttavia, non è una questione di buona volontà o impegno sufficiente, ma una questione di maturità interiore.

L'aumento della maturità interiore significa sempre l'espansione di quella dimensione che l'anima è in grado di dare all'azione dello Spirito. La crescita dell'anima consiste principalmente nella crescita della sua dimensione spirituale. Di conseguenza aumenta anche la vitalità spirituale della persona e si espande la dimensione della sua libertà interiore.  [1]

C’è quindi un piano di Dio e la libertà dell'anima divina di realizzare questo piano in modo auto-creativo, per diventare infine un creatore.

Perciò sarai perfetto, proprio come è perfetto il tuo Padre celeste (Matteo 5:48).

A seconda del mio grado di maturità nello sviluppo spirituale, il piano mi viene comunicato attraverso l'anima divina. Dopo ogni passo, si apre una nuova prospettiva. Oltre alla conoscenza del piano, alla mia anima viene data anche la forza di partecipare al suo compimento con rinnovata consapevolezza.

Ora posso vedere gli esseri umani miei simili nei loro attuali stati d'essere come un'istantanea di un Dio in divenire. Le parole di Confucio, La via è la meta, mi appaiono sotto una nuova luce.


[1] Alexander Gosztonyi, The Great Book of the Soul, Capitolo 19: Spirit and Spirituality

back to home pdf share