snowfall

Sullo spirito della musica

back to home pdf share

Prima di iniziare, i due hanno rivolto la loro mente alla statua dorata del Buddha a grandezza naturale presente nello studio di Markus Stockhausen.

G.F.: Abbiamo formato un triangolo con un essere dorato.

M.S.: Ti riferisci alla statua del Buddha, simbolo del divino e del trascendente. Abbiamo condiviso un po' di silenzio. Forse questo mostra la nostra disponibilità  a includere non solo il nostro intelletto e il significato delle parole, ma ad aprire uno spazio più ampio.

G.F.: L'esperienza insegna che questo spazio più grande ha qualcosa a che fare con noi.

M.S.: Assolutamente, per me questo è un continuum. Ogni volta che ci apriamo, questo spazio è lì, immediatamente. E poi c'è una continuità dal personale al sovra-personale, allo spazio innominabile da cui tutto scorre.

G.F.: Quando siamo in quello spazio, in questo momento, allora si ascolterà anche la musica.

M.S.: Puoi dirlo. Per citare Hazrat Inayat Khan: “Tutta la vita è musica, dai ritmi planetari fino alle molecole. Tutto vibra e suona”. Chi ha orecchi per ascoltarlo, può sentirlo. Io stesso non riesco a sentire le armonie cosmiche, ma posso benissimo ascoltare in anticipo la musica dentro di me, sentirla.

G.F.: Quando improvvisi o componi, non è anche ascoltare?

M.S.: Sì, è sempre un atto di ascolto, tacere ed essere (e, se possibile, rimanere) vuoto, così posso sentire sempre dove vuole andare. Quando si improvvisa, questo è abbastanza evidente. Suono e mentre suono mi faccio un'idea della nota successiva. Dove vuole andare la musica? Dove vuole andare?

G.F.: Da dove viene?

M.S.: Non so se dobbiamo definirlo. È difficile speculare sulla fonte. Testimonia l'intera esistenza. Per me l'universo è incredibilmente saggio e intelligente. Emana un'abbondanza continua di forme di cui ci si può solo meravigliare. Non si esaurisce mai. Ed è lo stesso con l'improvvisazione. Anche nel comporre c'è sempre la sorpresa di come può contin

                    Non si arriva mai al punto in cui la creazione è finita, dove la fonte si esaurisce.

                    Se rimani concentrato, c'è sempre un'espansione, una continuazione di forme, uno sviluppo.

                    È un  processo affascinante. È insita nella creazione la possibilità di entrare in questo flusso

                    in  qualsiasi  momento, in cui la vita si rivela incessantemente.

G.F.: Nei 40 anni della tua carriera come musicista professionista, c'è stato qualche sviluppo nella tua ispirazione?

M.S.: Si verificano sempre situazioni in cui le cose si illuminano, quando io, come persona, divento permeabile per una composizione o un'improvvisazione di successo, per un felice incontro. Conosco abbastanza bene questo processo. Nuove forme fluiscono da ciò che è, dalla fonte e da ogni fattore che gioca un ruolo. Questo accade da quando ero molto giovane e continua a succedere anche adesso.

Per me, semmai, questo processo è diventato sempre più familiare. Ho imparato a fidarmi di più. Forse c'è stata un'evoluzione nel modo in cui lo esprimo, nella raffinatezza dell'espressione o nel modo in cui gestisco i suoi elementi.

Con il gruppo Quadrivium è stato creato un brano dal titolo Schnee von Heute (La neve di oggi), contenuto nell'album Far into The Stars. Dopo una passeggiata nella neve appena caduta, in una bella mattina di sole, siamo entrati nello studio, abbiamo afferrato i nostri strumenti e abbiamo iniziato a suonare senza nemmeno parlarci. Questo pezzo è ciò che ne è venuto fuori, da cui il titolo La neve di oggi.

C'è una nascita in atto, una certa energia, che si manifesta senza domande e senza parole.

Ci riuniamo in un campo coerente e nascono sinergie, sinergie dello stesso sentimento. E poi, all'improvviso, c'è questa musica che prima non c'era. Questo processo di creazione è sempre sorprendente.

G.F.: Tu sperimenti di far parte di un grande lavoro creativo. Riesci a immaginare che anche la tua musica abbia effetti creativi?

M.S.: Come musicista, il pubblico e le singole opinioni spesso te lo riflettono. La musica suscita sempre qualcosa negli esseri umani.

L'ho visto esemplificato in mio padre. Ha ricevuto lettere entusiastiche da tutto il mondo. C'era questo spirito di ottimismo nella sua musica. Per chi non lo sapesse, mio padre era Karlheinz Stockhausen, il grande compositore. Ho fatto musica con lui intensamente per 25 anni.

G.F.: Considerando la profonda relazione tra l'anima umana e la musica, l'anima non potrebbe essere trasformata attraverso la musica?

M.S.: Sì. Perché c'è il fenomeno della risonanza. Qualcosa risuona dentro di noi, non solo per le vibrazioni acustiche, ma per la qualità spirituale che può risuonare attraverso la musica. È una struttura spirituale che si esprime nella musica. E questo, a sua volta, crea risonanza. Se qualcuno dice: "Questo mi ha toccato profondamente" o "mi sono venute le lacrime" o "un brivido mi è corso lungo la schiena", allora c'è armonia, qualcosa è stato risvegliato.

Portiamo dentro di noi il desiderio dell'origine, del divino, del significato. E grazie alla musica, questo significato può diventare esperienza, in una complessità e in un linguaggio che le parole difficilmente riescono a trasmettere, e anche in immagini che semplicemente non esistono in natura.

La musica ha uno scopo proprio. Per me è la mediatrice ideale tra l'umano e lo spirituale.

Apre un ampio spazio di espressione, di sfumature e di molteplicità. La musica non è verbale o concettuale; segue leggi diverse, più universali, ed è così incredibilmente versatile nelle sue possibilità. Ogni compositore e musicista può inserire in essa la propria atmosfera individuale.

E poi ci sono i fenomeni di risonanza, le persone che si sentono toccate, risvegliate, che provano soddisfazione, persino appagamento. Desideriamo anche una sorta di estasi, un appagamento profondo, in modo che qualcosa in noi sia davvero soddisfatto. Con la musica posso sperimentare di essere profondamente toccato, qualcosa dentro di me diventa completo e, quindi, rilassato e libero.

G.F.: Fai musica da molto tempo. Questo ha cambiato il tuo essere interiore?

M.S: Posso solo fare supposizioni. Durante i miei seminari "Canto e silenzio" a volte dico: c'è qualcosa dentro di noi che è sempre puro, sempre perfetto, intatto, incontaminato. Il divino dentro di noi, si potrebbe dire, la scintilla divina, il nucleo divino. Oppure, nel contesto spirituale occidentale, il Cristo in te, l'immagine del divino dentro di te, qualunque cosa sia. Siamo diventati esseri sempre più complessi, capaci di compiere compiti sempre più complessi, di esprimere processi sempre più complessi, se lo vogliamo. Mantenere la nostra libertà è importante.

C'è un profondo godimento nell'anima, nel poter governare se stessa, cioè poter agire con i mezzi che ci vengono dati, per metterli a frutto. Più ti eserciti, meglio puoi usare il tuo strumento. È quello che ci mostrano i grandi interpreti, ricordandoci la nostra perfezione.

G.F.: Qualche pensiero in più sulla libertà. Siamo coinvolti in mille cose eppure l'umanità ha sempre parlato di libertà. Questo può essere basato solo sul fatto che ciò che viene chiamato libertà è da qualche parte nel profondo di noi. L'impulso alla libertà nasce dalla libertà, da una situazione interiore di libertà. E appare ogni volta che questa situazione può in qualche modo manifestarsi.

M.S.: Ci sono spazi che si aprono, che sono liberi e in cui si può vivere in libertà. Non lo scopri tutti i giorni. Ci sono molte cose che ci legano, vincoli esterni, la materia stessa, il nostro corpo, le abitudini e le necessità. Questi sono spesso fastidiosi, ma dobbiamo accettarli. Ma poi ci sono questi spazi liberi.

Vorrei tracciare un'analogia con la meditazione. Per me la meditazione funziona quando tutto dentro di me si calma, quando si apre uno spazio in cui c'è il vuoto, il silenzio. Non si tratta di desiderare qualcosa di particolare o di sperare in qualcosa, ma, al contrario, di liberarsi in modo da non volere o aspettarsi nulla. Allora le cose possono accadere.

Uno spazio così vuoto è la condizione fondamentale per qualsiasi cosa nuova, per la creazione.

È in una tale esperienza di pace assoluta, dove la dualità si dissolve, dove non c'è più conflitto o inquietudine e la pura esistenza diventa palpabile, che ogni domanda diventa irrilevante. È il silenzio che si auto-avvera.

Se trasferisci questa esperienza alla musica, puoi dire: ci riuniamo con musicisti diversi, creiamo uno spazio per una riunione consapevole e ci sottomettiamo completamente a questo momento. Cosa è possibile adesso? Cosa possiamo esprimere? Cos'è che vuole arrivare adesso? Ascoltiamo ciò che sta nascendo. Questa è l'idea centrale della musica intuitiva. Non ti sforzi per un risultato specifico, ma lasci che il processo si svolga. Sei come un'ostetrica musicale. Ognuno aggiunge il proprio elemento specifico.

Questo è quello che vivo con la mia band Wildlife, in cui suono insieme a musicisti jazz che hanno anche esperienza classica. Mi sforzo di ricreare questa situazione in vari progetti e seminari, come, ad esempio, il Forum Intuitive Music appena fondato nella città di Wuppertal. Molto spesso, è in realtà uno stato paradisiaco, creare qualcosa attraverso la musica in comunicazione e comunione con altri esseri umani. Ciò consente di ottenere un'armonia a cui non posso nemmeno avvicinarmi in modo puramente verbale in altre situazioni, nelle discussioni o nelle conversazioni.

G.F.: Cosa succede a quegli spazi, creati dalla musica, dopo il concerto?

M.S.: Cito Pitagora: Ogni pietra, anche se calpestata con noncuranza, crea una vibrazione che risuona in tutto l'universo. Credo che qualunque cosa espressa sia immagazzinata da qualche parte, e si aggiunge all'esperienza collettiva di ogni cosa. Tutto è registrato da qualche parte. E chiunque ne sia capace può entrare e prendere ciò che è stato, come in una biblioteca.

Gli spazi, una volta aperti, continuano ad esistere. I grandi compositori hanno aperto le porte a stanze dentro le quali altri possono poi entrare. Lo si sente chiaramente, soprattutto come musicista di improvvisazioni. In una situazione che prima non conoscevi, sei invitato in spazi che fai risuonare di nuovo, riportandoli in vita.

G.F.: Non è compito del vero creativo esprimere il vero impulso spirituale dello spirito del tempo? Quindi, in momenti speciali, una nuova vibrazione entra nella corrente attuale. Gli spazi che crei non potrebbero avere un'influenza sull'atmosfera terrestre, in modo da poter contribuire alla costruzione di un futuro in cui gli esseri umani possano prendere fiato e proporre nuove idee?

M.S.: Certo, è una grande speranza non fare qualcosa di arbitrario ma qualcosa di essenziale che nutra le persone e mostri loro una buona direzione. Questo è ciò che hanno fatto le grandi menti. Perché Beethoven, insieme ad altri grandi, è così celebrato ora? Sono diventati simboli perché hanno contribuito a innovazioni essenziali di cui ancora oggi beneficiamo.

Confido che ciò che aggiungerai benevolmente al tutto sarà come una pietra gettata nell'acqua che crea increspature. Ogni tanto rifletto sul fatto che le persone hanno seguito molto quello che faccio e si sono nutrite di ciò che condivido con loro in termini di libertà e di bellezza attraverso la musica.

Lo assorbono a modo loro e ciò modula la loro anima. E forse dicono: se le cose stanno così, allora posso farlo anche nella mia vita.

 

back to home pdf share