Grapes, Resveratrol

Superare questa natura – è possibile?

back to home pdf share

Come sapete, tutto in questa natura è temporaneo; sì, anche l'intero universo visibile si rivela alla fine transitorio. Tutto ciò che è venuto all'esistenza perisce; tutto ciò che nasce deve morire di nuovo. È un aspetto che non può essere ignorato. Pensereste che l'accettazione di un fatto così inconfutabile dovrebbe essere l'atteggiamento più ovvio, ma non è affatto così.

La tendenza generale è piuttosto quella di evitare, ridurre o posticipare il più possibile ciò che ci sembra sfavorevole. Ad esempio, l'igiene può ridurre notevolmente la mortalità infantile alla nascita o nell'infanzia e limitare la trasmissione di agenti patogeni. Il fatto che esista una vita microbiologica che può causare malattie non ci sembra insolito oggi, ma è una scoperta relativamente recente. Fu proposta per la prima volta come ipotesi da Louis Pasteur, un chimico francese vissuto dal 1822 al 1895. Non solo i primi vaccini, ma anche i primi metodi di sterilizzazione di strumenti medici e medicazioni fanno parte del lavoro della sua vita.

Un'altra scoperta, molto più recente, riguarda il “ringiovanimento” delle cellule. La ricerca sui topi ha dimostrato che una sostanza chiamata NMN (Nicotinamide Mononucleotide) promuove la rigenerazione cellulare e si potrebbe descrivere il suo effetto come ringiovanente. Da allora la produzione e la vendita della sostanza è esplosa, anche perché non è un medicinale, si trova in natura e sembra non avere effetti collaterali.

Un'altra sostanza che recentemente ha fatto notizia è il resveratrolo, che può essere estratto dall'uva e che – per dirla in modo molto semplificato – può ridurre l'aggregazione di batteri e virus, rendendoli meno inclini a moltiplicarsi e quindi ad essere combattuti più facilmente dal nostro sistema immunitario. Anche i pazienti con Corona-virus ne trarranno beneficio, come ha dimostrato la ricerca scientifica. Ma finora questa ricerca si è dimostrata valida solo su animali da laboratorio e la ricerca sugli esseri umani è ancora all'ordine del giorno. Ci sono altri effetti positivi del resveratrolo, e a leggere di tali scoperte si può facilmente pensare che presto saremo in grado di sbarazzarci di molti problemi di salute. 

Le sostanze più famose sono ovviamente gli antibiotici, che per molto tempo sono stati ritenuti una cura per tutte le malattie batteriche, fino a quando non è apparso chiaro che questi agenti patogeni sviluppano nel tempo l'immunità agli antibiotici. Questa è una forma di immunità che le persone preferirebbero non ci fosse, ma è ovviamente logico che se noi umani possiamo sviluppare l'immunità contro qualcosa, anche altri esseri viventi potrebbero essere in grado di farlo.

Ritardare o evitare il più possibile la malattia o la morte è chiaramente la reazione più comune alla nostra stessa mortalità. Ma possiamo – se non vincere la morte – ottenere almeno un risultato duraturo? Questa è un'affermazione che piace a molti scienziati medici e fino a poco tempo fa non sembrava esserci molto da discutere; si può vedere che grazie a un miglioramento dell’igiene e delle vaccinazioni sono diminuiti i decessi e le malattie. Quindi, superare in parte questa natura potrebbe essere possibile?

La maggior parte delle critiche al contenimento di tutti i tipi di batteri e virus naturali proviene da gruppi che forse possono essere meglio descritti come “movimenti alternativi”, nel senso che questi gruppi non ragionano da un punto di vista scientifico ampiamente accettato. Gli argomenti includono che la natura così come è stata originariamente concepita funziona semplicemente bene e, attraverso milioni di anni di sviluppo, ha infine raggiunto il miglior equilibrio tra vita e morte.

Le domande spirituali giocano qui un ruolo, come ad esempio se dovrebbe essere compito dell'uomo cambiare o manipolare qualcosa che è stato creato da forze naturali o da esseri creativi superiori. Ma negli ultimi anni c'è stata anche una ricerca all'interno della scienza che rende visibili i limiti dell'ingegneria sociale. Se cerchi su Internet “The Microbiota Vault-Initiative” troverai studi che dimostrano che tutta la vita sulla terra può esistere in modo migliore e più stabile all'interno del proprio microbiota specifico, ovvero un ambiente microbiologico. Questo può essere fuori di noi in natura o dentro di noi, per esempio nel nostro intestino. Gli studi hanno dimostrato che questo equilibrio naturale è una cooperazione ottimale di un numero incredibile di batteri e virus e molti altri organismi su piccola scala con forme di vita più grandi come piante, animali e persone. E sebbene una buona igiene sia importante, l'uso di prodotti antibatterici e detergenti ha un impatto negativo su tutti i tipi di microbiota.

Inoltre, è già stato definitivamente stabilito che in ambienti civilizzati come le città, la molteplicità originaria e l'equilibrio di tutti i tipi di microrganismi diminuiscono e questo ha un effetto negativo sul nostro sistema immunitario.

Un tale sistema di microrganismi, chiamato microbioma, vive anche nel nostro intestino. Gli alimenti trasformati e il tipico eccesso di zuccheri e carboidrati in molti paesi ricchi hanno fatto sì che il microbioma nel nostro intestino cambiasse in modo significativo e diventasse meno diversificato.

Al fine di evitare una situazione a lungo termine in cui le persone abbiano solo microbiomi incompleti nei loro corpi e il sistema immunitario non funzioni più correttamente, è stato avviato il suddetto progetto per raccogliere microbiomi completi da popolazioni indigene che vivono in ambienti ancora naturali e immagazzinare quei campioni in un gigantesco frigorifero sotterraneo in un paese con un clima molto freddo.

Successivamente, questi potrebbero poi essere utilizzati per aiutare le persone che nascono con un microbioma troppo debole, somministrando le versioni congelate più complete. E questo, in poche parole, è “The Microbiota Vault-Initiative”.

Allora, in che direzione dovrebbe andare la scienza? Sterilizzare ulteriormente, disinfettare o, al contrario, ripristinare i sistemi originari del microbiota e del microbioma il più rapidamente possibile? Non vogliamo giudicare o essere cinici su questi dati. Alla fine, qualsiasi cambiamento nel nostro ambiente naturale raggiungerà sempre dei limiti, scoprendo effetti indesiderati che ci manderanno, come esseri umani, nella direzione opposta a ciò che intendevamo “ottimizzare”. È la legge di questa natura, della dialettica, di un mondo di opposti che si equilibrano. Non dobbiamo guardarlo in termini scientifici per vedere il principio all'opera: se tutte le persone vivono molto a lungo, la popolazione invecchia e il ringiovanimento inizierà a restare indietro. Possiamo dedicare molto tempo a questo per posticipare l'effetto, ma alla fine accadrà. Possiamo sterilizzare tutto ciò che ci circonda, ma alla lunga può anche portare ad un aumento delle reazioni del sistema immunitario dei bambini alle sostanze più comuni nel loro ambiente o al cibo.

Superare questa natura o almeno vivere vite estremamente lunghe e sane senza effetti indesiderati non lo otterremo in alcun modo. Come si può allora superare la dialettica in questa natura? Che cos'è l'immortalità o l'eternità? Perché abbiamo queste idee se non è possibile realizzarle?

L'idea dell'eternità e dell'immortalità scaturisce chiaramente dall'interno dell'essere umano. Se ce lo tramandiamo come idee religiose, com’è possibile che anche i bambini molto piccoli se lo chiedano spesso, anche se non crescono affatto in una famiglia religiosa e sono troppo piccoli per averlo imparato a scuola? Una cosa è certa... non c'è quasi una persona al mondo con cui non potresti parlare di questo argomento.

Supponiamo per un momento che ci sia in noi un principio da cui scaturiscono questi pensieri, e che il principio possa non essere di questa natura, ma sia una specie di principio che ha una vita autonoma e che noi, influenzati da esso, abbiamo domande sull'immortalità o l’eternità.

I Rosacroce chiamano questo principio l'atomo scintilla di spirito o “l'ultimo vestigio nei nostri cuori di un'anima eterna”. Parlano di un ricordo primordiale che può essere risvegliato nelle persone, un ricordo che può ad un certo punto penetrare nella nostra coscienza. Superare questa natura diventerebbe allora una possibilità, se noi umani imparassimo gradualmente ad ascoltare questo punto vitale primordiale. Un percorso di coscienza, un'ispirazione interiore, ma che procede per una sorta di “rivelazioni”, a piccoli passi. Un percorso di consapevolezza che riguarda l'intuizione e la nostra tendenza a mettere in prospettiva la soluzione dei compromessi esteriori. Si tratta quindi di bilanciare la nostra coscienza e la nostra salute, vivere la nostra vita come persona su questo pianeta e la nostra vita come essere umano risvegliato con la coscienza orientata sull'anima.

La questione della verità o del significato degli aspetti della vita diventa allora più importante. Se investiamo un po' di più nella ricerca di ciò che potrebbe essere vero, abbiamo anche maggiori possibilità di tenere insieme il nostro corpo e la nostra vita nel miglior equilibrio possibile. Essere più in equilibrio e con intuizioni ricevute dalla nostra anima e dal nostro nucleo spirituale consente certamente una visione più profonda, sia che si tratti di come funziona il “superamento di questa natura”, sia di qualsiasi altra cosa.

 

back to home pdf share