restless temple

Tempio inquieto

back to home pdf share

La struttura, un antico tempio greco, sorge quasi alla fine di una lunga collina erbosa, con una fila di alberi sullo sfondo. Dal mare, una leggera brezza muove gli alberi. L'edificio è solido, non può muoversi. Ma poi... "sì, si muove" osservi, sconcertato e con le vertigini. Uno spettacolo affascinante.

Il tempio oscilla avanti e indietro al vento. Apparentemente è impossibile, perché i templi di pietra esposti alle intemperie sono immobili e sono costruiti così solidamente che spesso rimangono intatti durante un terremoto. Questo tempio invece si muove al vento. Mentre sali la collina vicino all'ingresso dei giardini delle sculture di Tremenheere (Penzance, Cornovaglia), puoi vedere sempre meglio che la struttura è costruita per metà in una cavità in cima alla collina, nascondendo la base. E scopri che quello che sembrava un solido marmo esposto alle intemperie da lontano – e anche da una distanza ragionevolmente ravvicinata – è in realtà legno. Niente è ciò che sembra. Le colonne doriche e il timpano sono costruiti in cedro rosso e ulteriori informazioni rivelano che le colonne sono costituite da tubi cavi a cui sono attaccate delle doghe di cedro. Di conseguenza sono così leggere che il vento può farle oscillare avanti e indietro. Ogni pilastro è collegato dall'alto mediante un cavo d'acciaio attraverso il tubo cavo ad un contrappeso sotto la piattaforma su cui poggia. I contrappesi sono interconnessi tramite un telaio in acciaio, in modo da ritornare nella loro posizione verticale in una connessione reciproca come quella di un gruppo di ballerini. Un'ingegnosa combinazione di vento e gravità. Il tempio è destinato a rimanere abbastanza a lungo da consentire ai licheni di crescere su di esso, ma quanto a lungo durerà è incerto.

Il tempio è stato creato come un'ode alla "nostra ambiziosa e precaria ingegnosità", dice l'artista Penny Saunders, che ha lavorato a lungo come costruttore di scenografie in movimento per una compagnia teatrale. La nostra ingegnosità è certamente precaria; quali effetti collaterali e incertezze non intenzionali ci ha portato. Nonostante il fatto che l'obiettivo della tecnologia fosse quello di offrirci maggiore sicurezza, il mondo attuale non può essere considerato esattamente stabile. Sembra che tutte le certezze e le incertezze del momento siano concentrate in questa struttura in movimento.

Eppure... che meravigliosa dimostrazione di ispirazione artistica. Soffiando nel vento. E che visione: tutto ciò che consideriamo "stabile di valore" è soggetto al movimento del tempo. Tutto si consuma, si erode, invecchia, decade. Niente è ciò che sembra. Potrebbe essere questo il messaggio di fondo di questo tempio inquieto nel nostro mondo inquieto? La somma totale di quelli che per noi sono valori fissi, non potrebbe essere vista anche come una forma di illusione ottica, perché tutto è in realtà temporaneo? Non è bello lasciarsi andare. Ma ora che abbiamo esaurito quasi tutti i gadget tecnologici per rendere la nostra vita più piacevole, è difficile continuare a credere nel progresso tecnico.

D'altra parte, quest'opera d'arte è anche umoristica e mette le cose in prospettiva grazie al suo design. E forse è anche il simbolo del posto che un cercatore cosciente potrebbe occupare nella società odierna: siamo flessibili e a volte ci muoviamo verso gli estremi. Ma finché rimaniamo consapevoli della connessione con l'àncora in noi, possiamo mantenere un equilibrio. Tutto è soggetto alle leggi della natura che si applicano qui, che ci mantengono in equilibrio, attorno a un centro. La pace è nel centro. Perché non mettere la nostra speranza e la nostra fiducia al centro di noi stessi?

 

Riferimenti:

Restless Temple – ride the storm

Restless Temple - YouTube

back to home pdf share