Pegasus

Un cavallo alato vola nello spazio dentro di me

back to home pdf share

Quando ero molto giovane, appendevo alle pareti della mia stanza dei poster di cavalli che correvano nell'azzurro del cielo. Perché i cavalli? Indipendentemente da culture, epoche e continenti, il cavallo è, nell'inconscio collettivo umano, l'animale più carico di simbolismo e significato. È l'animale più rappresentato nell'arte, a partire dall'arte preistorica più di 20.000 anni fa. I cavalli dei miti, delle leggende e dei racconti sono capaci di parlare e di insegnare, di attraversare l'aria come Pegaso, di andare alle porte del Paradiso come Albaruk, la cavalla che trasportava il profeta Maometto. Sono capaci di accompagnare il sole nel suo corso, come lo stallone turchese degli indiani Navajo, o di unire conoscenza istintiva e intelligenza umana, come il centauro Chirone, maestro di Esculapio e patrono dei medici. Compagni degli Dei, i cavalli accompagnano il Sole nella sua corsa quotidiana dalla Grecia ai miti gnostici di Abraxas e persino alle culture Amerindie... e accompagnano anche gli esseri umani nei loro viaggi. Capaci di viaggiare tra i mondi, portano l'uomo oltre il paradiso e l'inferno e lo riportano indietro sano e salvo. Attraversano le oscure profondità dell'inconscio umano. Nelle profondità degli oceani, i cavalli magici di Nettuno sono quelli che non si sono ancora manifestati e non hanno forma.

Eppure, in realtà, non abbiamo più bisogno di cavalli nel mondo di oggi perché automobili, macchine e treni forniscono tutti i mezzi di trasporto di cui l'essere umano ha bisogno. Anche la forza fisica del cavallo non è più necessaria per gli esseri umani. Tuttavia, il numero di proprietari di cavalli è molto alto in tutti i paesi industrializzati, con un mercato che si avvicina al miliardo di dollari negli Stati Uniti. Perché questo? Perché noi esseri umani abbiamo bisogno di creare una relazione, e talvolta di riconnetterci con la Natura e gli animali che ci circondano. Creare una relazione con un animale che pesa tra i 500 kg e una tonnellata è improvvisamente sentirsi molto piccoli. Il cavallo in noi è anche il bambino interiore.

Pegaso, il messaggero degli dei, è senza dubbio l'archetipo più famoso di questo leggendario universo. Pegaso è un cavallo alato divino, bianco come la neve, una delle creature fantastiche più famose della mitologia greca. La storia della sua nascita contiene un tesoro di ricchi simboli. Questo racconto iniziatico è così ricco di simboli e insegnamenti che si potrebbe meditare su di esso per giorni e giorni.

Per sedurre Medusa, una bellissima abitante dell'oceano dalla folta chioma, di cui era appassionatamente innamorato, Poseidone si trasformò in un cavallo e la guidò in un tempio dedicato ad Atena. Lì si unirono e Medusa rimase incinta. Per aver osato profanare il puro tempio di Atena, Medusa fu trasformata in un'orribile creatura, la Gorgone. E la dea infuriata non si fermò qui. Per placare la sua rabbia, trasformò anche le sue due sorelle. Medusa era nota per la sua eccezionale bellezza e per i suoi magnifici capelli. Come punizione per il suo atto impuro, Atena trasformò i suoi capelli in una corona di serpenti velenosi e lanciò una maledizione sui suoi occhi: chiunque lei guardasse era immediatamente pietrificato. Le tre sorelle vivevano ai piedi del monte Atlas, regione che corrisponde all'odierno Marocco. Medusa era l'unica delle tre sorelle ad essere mortale. I serpenti le fischiavano sulla testa e il suo sguardo spaventoso pietrificava chiunque lo incontrasse. L'eroe Perseo, figlio di Zeus, concepì il piano per liberare il mondo da Medusa. Atena gli prestò il suo scudo, ed Hermes gli diede un falcetto affilato e una borsa di pelle per nascondere la testa di Medusa. Perseo si avvicinò con cautela, guardando non direttamente Medusa ma il suo riflesso nello scudo di bronzo di Atena. Quando Perseo decapitò Medusa, i due figli di Poseidone furono liberati. Dal sangue che sgorgò dal collo di Medusa nacque il cavallo Pegaso e suo fratello Crisaore. Perseo portò quindi la testa di Medusa ad Atena, che la collocò al centro del suo scudo.

Come molti miti greci, questa storia è profondamente simbolica. Perseo rappresenta l'eroe in noi, il cercatore della verità pronto ad affrontare tutti i pericoli per trasformare il mondo. Ma da solo, anche un eroe non può fare nulla. Medusa rappresenta tutto ciò che il passato ha costruito in noi, il guardiano della soglia, tutte le rappresentazioni mentali che ci paralizzano se le guardiamo. Ecco perché la dea Atena, la vergine purezza del nuovo pensiero, le dona uno scudo, lo scudo di un particolare stato interiore, lo scudo che le consentirà di affrontare Medusa e di sconfiggerla.

Chi è Medusa in realtà? Medusa è un essere doppio. È una donna di grande bellezza trasformata in ripugnante bruttezza. Il suo nome significa “colei che protegge”. Medusa era in origine la forza dello sguardo che avvolge il suo amore e protegge ciò che guarda. Quando divenne un essere mostruoso e malvagio, con lo sguardo che pietrifica, è Gorgone, parola che significa “dallo sguardo penetrante”. La sua bellezza e i suoi magnifici capelli, il suo viso amichevole, il suo sguardo vivace e seducente, tutto questo si trasformò in una terribile maledizione. Vedere l'orribile Medusa significa essere pietrificati dall'orrore e morire. Perseo rappresenta l'intenzione di colui che ha deciso di percorrere la via dell'iniziazione. Il primo passo del suo eroico viaggio sarà quello di confrontarsi con la realtà dello stato mentale/emotivo dell'umanità. Perché la vita interiore degli esseri umani è duplice: racchiude alti ideali, bellezza, visione chiara e volontà di migliorare, ma ospita anche bassezza, passioni, paura e orrore. L'eroe deve combattere contro lo spirito del mondo, lo spirito che cerca di paralizzare il suo essere e riassorbirlo nella solita atmosfera, e questo spirito è duplice.

Si diceva: “Chi vede Medusa deve morire”. Sostenere, nella sua nuda verità, la visione dello stato di caduta, la visione della cultura dialettica e dei suoi risultati risalenti ad eoni, significa morte assoluta per tutto l'essere della vecchia natura.

Affrontare Medusa, con lo scudo di Atena e il falcetto di Hermes, richiede una frazione di secondo e l'eroe sarà liberato. Il segno di questa vittoria, la testa di Medusa, sarà protetto nella borsa in pelle di Hermes, e questa borsa simboleggia un nuovo modo di pensare. Poi, il segno della vittoria, la testa della Medusa sarà posta al centro dello scudo di Atena, dove ancora oggi si può vedere, ad esempio al museo del Louvre, come segno che la purezza e la verità trionfano sempre.

Dopo la sua nascita, Pegaso salì al cielo e si mise al servizio di Zeus, che lo incaricò di portare fulmini e tuoni sull’Olimpo.

Amico delle Muse, abituato a viaggiare tra il mondo degli umani e il mondo degli dei, Pegaso creò la fonte di Ippocrene, la fonte dell'ispirazione poetica, che fece scaturire da uno zoccolo. Pegaso divenne, nel mondo dei miti, il messaggero degli dei, un messaggero che appare ancora oggi a chi vuole salire alla porta del regno divino.

Molti volevano domare il cavallo alato, per poter accedere ai segreti divini. Il principe Bellerofonte, pieno dell'ardore della giovinezza, voleva soprattutto domarlo. Non riuscì a farlo, nonostante tutta la sua astuzia e vivacità. La storia narra che una notte Atena apparve in sogno a Bellerofonte e gli diede una briglia d'oro, l'unica capace di domare il focoso cavallo alato.

Catturato dal principe Bellerofonte, grazie alla briglia d'oro di Atena, Pegaso permise a questo eroe greco di cavalcarlo per sconfiggere un altro mostro che stava devastando il paese, la Chimera, e compì molte altre imprese con il suo cavaliere. Ma il principe Bellerofonte cadde vittima del suo orgoglio. Tentò con la sua cavalcatura di salire in cima all'Olimpo e di diventare uguale a Zeus, il signore degli dei. Allora Zeus mandò un tafano, che punse Pegaso, lo fece sterzare e il cavaliere cadde. Bellerofonte si ruppe la spina dorsale, rimase paralizzato e non poté più cavalcare.

Pegaso riacquistò la libertà e cavalcò nell'azzurro finché scomparve. Zeus gli affidò la missione di portare i fulmini sulla terra.

Pegaso, il messaggero degli dei, consegnò all’umanità il messaggio più prezioso su qualsiasi cammino spirituale: l'umiltà. “La più grande conoscenza è che non so nulla e che non sono nulla”.

Infine Zeus trasformò il cavallo alato in una costellazione e lo collocò nel cielo, dove si trova ancora oggi.

Pegaso vola libero tra le stelle. Quando lo osservi, impari cos'è la vera libertà! La vera libertà è la responsabilità di fare scelte interiori. Pegaso ti ricorda che sei sempre connesso con l'anima. Libertà è ascoltare il sussurro quasi impercettibile delle ali di Pegaso: la voce della propria anima.

back to home pdf share