Heaven

Una crepa nel cielo

back to home pdf share


Così l'uomo comincia a prendere coscienza della libertà del cosmo. Comincia a sentirsi un vero cosmopolita o un cittadino del mondo e vibra in armonia con quelle forze. Arriva alla realizzazione di un'indicibile unione che abbraccia tutto e che esclude ogni paura.
 

G.R.S. Mead 1 1.

 

Sono tutto solo su quell'ampio lungomare. Gli altri, che erano con me, sono dietro di me, lontani. Una vibrazione profonda passa dalla strada di cemento attraverso tutto il mio corpo. La fila di alberi ai margini del viale sembra piegarsi. Vedo una parte del carro armato che si avvicina lentamente.

Mi fermo.

È successo nel 1989 a Pechino e tutti conoscono la foto2. 2

È un'immagine iconica del confronto dell'individuo con il potere. La potenza del veicolo d'acciaio sui cingoli sembra ovvia, l'assenza di potenza dell'uomo vulnerabile è evidente. Eppure il carro armato si fermerà perché l'uomo rimane in piedi.

Questa immagine mi è tornata in mente in un momento in cui una malattia contagiosa fa il giro del mondo e lo Stato interviene in modo estremo nella vita dell'individuo. Quell’intervento è stato molto ampio e apparentemente inevitabile in Cina. Quell'intervento è molto ampio, con i diversi gradi di isolamento delle democrazie occidentali. Oltre alla pressione del governo – e il governo spesso risponde a questo – c'è una pressione sociale per conformarsi. In Belgio questo è chiamato: "Stai nella tua stanza!” E la pressione aumenta per indossare una maschera facciale. E aumenta l'aspettativa di vaccinazioni obbligatorie, sotto entrambe le forme di pressione.

Anche questa crisi produce le sue immagini. C'era una fotografia delle cime bluastre dell'Himalaya che per la prima volta dopo decenni erano di nuovo visibili dalle Indie del Nord. C'era il filmato sui pesci in acque limpide nei canali di Venezia. Due volte un'immagine di una maggiore trasparenza della nostra realtà, di visibilità, ora che l'attività umana si è praticamente arrestata con uno shock. Lo shock del nuovo.

Con questa battuta d'arresto, la gente è sopraffatta da una grande incertezza. Il tessuto economico della società minaccia di essere lacerato da mesi di attività ridotta. La morte sembra in agguato dietro ogni incontro. Mio padre e mia madre anziani stanno da soli e non mi è permesso di andare a trovarli. Gli ospedali avranno abbastanza capacità per prendersi cura di me se mi ammalo? Morirò? La mia attività economica sopravviverà? Numerose domande e, nonostante la maggiore visibilità, nessuna risposta. Sentiamo e vediamo o pensiamo a intensi cambiamenti, ma non abbiamo idea di dove andrà a finire. Molte attività vengono virtualizzate a un ritmo rapido, compresi gli incontri religiosi.

C'è l'esperienza della calma nell'atmosfera, dell'apertura e della trasparenza. Con questa visibilità, le persone – alcune di loro forse – sembrano vedere ancora una volta l'umanità nei loro simili e, mantenendo una distanza di sicurezza, la esprimono anche. Gli incontri e le conversazioni tra sconosciuti vanno molto rapidamente al cuore della vita e dell'essere umano nel presente. Questo mi tocca il cuore e fa scaturire una scintillante speranza. La convinzione che andrà bene. Che tutte quelle persone che ora improvvisamente sembrano essersi svegliate non si addormenteranno più. Che abbiamo visto così chiaramente che la nostra società e il nostro modo di vivere sono assurdi, pericolosi e stupidi. Che non possiamo ignorare il fatto che la terra ci ha dato uno schiaffo e che la natura ora, con il nostro KO temporaneo, sta spuntando molto velocemente.

Che cos'è l'umanità in noi? Sperimentiamo solo il riconoscimento reciproco dei membri della specie minacciata? Riconosciamo, negli altri, la nostra coscienza che soffre sotto la supremazia? Vediamo la gioia del riconoscimento reciproco e l'apertura che è stata fatta? Un'apertura nella mia coscienza, nella nostra coscienza? Siamo gioiosamente curiosi di sapere cosa potrebbe germogliare e crescere attraverso quella crepa nel cielo? Il mondo sottosopra... la crescita avviene normalmente dalla terra.

L'albero rovesciato con le mele d'oro degli alchimisti. Rami e ramoscelli che indicano esattamente in quale direzione si può fare il prossimo passo, il mio prossimo passo. Che, in piena libertà, può essere fatto solo da me. Lasciar scorrere le energie vitali dell'albero alchemico. Sono responsabile di quel passo, sono responsabile dei frutti dell'albero. Sono responsabile della mia umanità.

Rimane quell'altra possibilità: sacrifichiamo la nostra energia vitale, altamente carica di emozioni, al reattore creativo del nostro pensiero, e intrecciamo di nuovo fili appiccicosi per sigillare la crepa del cielo il più rapidamente possibile. Per non dover – ancora – essere  liberi e responsabili del passo successivo. Riempire la crepa nel cielo della nostra coscienza spruzzando la schiuma isolante dei nostri pensieri . Oppure no. Nessuno fa niente a parte me. Questo è interamente in mio potere. Anche se altre persone scelgono per un rapido oscuramento e un rapido ispessimento. Die Gedanken sind frei!  3 3

Guarda molto bene. Vedi ancora l'apertura che ci viene data? Osserva molto attentamente quali possibilità puoi vedere ora dentro e intorno a te stesso e fai il primo passo. In piena fiducia. Perché è il passo che la vita ti ha fatto vedere creando una grande crisi. Tu e molti altri. Puoi chiamare il movente – il motivo – vita, o universo, o Dio, o il vero vivere nell'inconscio umano collettivo. O visivo: il quadrato di Saturno – la vecchia autorità – con Urano, l'impulso di libertà. Il nome e il principio non sono così importanti. È stato messo in moto un movimento significativo. Si può vedere il suo significato. Ci si può muovere in una crescita organica. Si cresce nella vita che cresce in questo mondo attraverso una crepa nel cielo. Per dare frutti. Mele Dorate della Coscienza.

Un carro armato è una pesante armatura da e contro la paura della scintilla della vita e della coscienza dentro di sé. È mosso da un motore. Spinto da quella scintilla di vita e coscienza, con l'aiuto di alcuni amplificatori di pensiero. Quando ti sei tolto l'armatura, sei in piedi sotto il cielo aperto. Vedi di nuovo gli alberi e la piazza. Stai in piedi in piena fiducia. C'è una crepa nel cielo.

1. G.R.S. Mead, The Hymns of Hermes, London e Benares, Theosophical Pub. Society, 1907
2. "L'uomo del carro armato" in piazza Tienanmen, Pechino, 5 giugno 1989
3. "I pensieri sono liberi" è una canzone vecchia di secoli

 

  • 1. G.R.S. Mead, The Hymns of Hermes, London and Benares, Theosophical Pub. Society, 1907
  • 2. "Tank man" at Tiananmen Square, Beijing on June 5, 1989
  • 3. "Thoughts are free" is a centuries old song
back to home pdf share