Labyrint

Una realtà più grande – Parte 2 – Il regno delle forze arcontiche

back to home pdf share

(Vai a parte 1)

 

Senso di onnipresenza

Una delle opportunità più straordinarie nel passaggio all'Acquario è la partecipazione a un "senso di onnipresenza" dell'aspirante cercatore sulla via dell'endura. Questa realizzazione della realtà più grande apre gli aspetti animici della mente, che possono far maturare in senso cosmico.

Significa entrare nello spazio di una realtà inclusiva, che si estende anche all'interno della dialettica oltre il nostro sistema solare, che può anche essere chiamato intergalattico. Da una prospettiva cosmica, si potrebbe dire che veniamo spinti in quello spazio quando citiamo le parole della signora Catharose de Petri da Il Sigillo del Rinnovamento [1]:

Sono già visibili i segni premonitori: il mondo e l’umanità sono spinti a oltrepassare i loro limiti; gli uomini rivolgono la loro attenzione ai fenomeni intercosmici e ai loro rapporti con la manifestazione universale. Chiunque può così comprendere che l’umanità deve divenire un docile strumento in un grandioso piano di salvezza.

Questo significa – a causa dei confini vibrazionali nello spazio-tempo – che le forze malvagie, “arcontiche” potrebbero risiedere in quella realtà più vasta.

Un ordine di soccorso molto grande

Pertanto, nei Misteri Gnostici della Pistis Sophia, J. van Rijckenborgh presenta gli Arconti degli eoni come

le forze che regnano e comandano nell’universo della morte.

E inoltre,

Non dovete pensare solamente a tutte quelle che abitano nella sfera riflettrice, ma soprattutto alle grandi forze che controllano il sistema solare, i sistemi zodiacali e formazioni ancora più grandi nell’universo della morte. [2]

È quindi anche logico che l'aspirante cercatore, nella sua ricerca per la realizzazione del sé, scopra che in quella realtà più grande i meccanismi di potere degli arconti non possono essere neutralizzati. I moderni studi esoterici mostrano che questa attività trascende del tutto il nostro sistema solare, come ha sottolineato Jan van Rijckenborgh. Ma c'è anche un limite di frequenza e lunghezza d'onda oltre il quale le forze Arcontiche non hanno presa sull’anima aspirante, al confine con il cosiddetto sesto piano cosmico. È quindi logico che se esiste un campo d'azione del demiurgo, dovrebbe essere collocato nell'universo spazio-temporale del settimo piano cosmico, di frequenza inferiore. Spazialmente, alcuni cercatori del ventunesimo secolo collocano il nucleo delle forze della morte nella nostra galassia, dove risiede il demiurgo come creatore primordiale della matrice, e da qui coordina il suo esercizio di controllo del potere. Il mondo esterno cosmico è e rimarrà il dominio delle forze di una falsa gnosi, in parte perché la percezione nel settimo piano cosmico è ancora basata sulla gamma di frequenze più basse dei nostri cinque sensi.
 
Ciò corrisponde a quanto dice Jacob Boehme  [3]  sul cosmo visibile all'esterno. Tutto ciò che è visibile e percepibile con i nostri cinque sensi fa parte di un “ordine di soccorso”, l'ordine in cui il demiurgo crea illusioni per permetterci di sperimentare e diventare consapevoli della nostra vera fonte, che fa parte dell'ordine reale o del primo LOGOS.

Saturno come porta

L'"ingresso" centrale nel nostro sistema solare per le forze arcontiche è il pianeta Saturno, attraverso il quale è assicurata "l'operazione di Yaldabaoth". Il principio della forza stellare della natura ordinaria può raggiungere ogni cellula. Yaldabaoth, nel Vangelo della Pistis Sophia, è un'imitazione del primo uomo, Anthropos. Yaldabaoth è del Secondo Logos, Anthropos è del Primo Logos. Yaldabaoth è il demiurgo, il dio creatore.

Yaldabaoth è anche

il figlio delle tenebre, la forza astrale inferiore, il figlio del caos. [4]

L'universo dialettico nasce così dal caos.

L'esistenza di una "porta" di Saturno come prospettiva spirituale per l'umanità è nota da tempo immemorabile. È anche un dato di fatto che l'aspirante cercatore sulla via della trasfigurazione deve passare attraverso quella porta per eliminare il caos nel cosmo. Ma quello stesso portale può essere utilizzato anche come ingresso delle influenze del potere arcontico sulla stessa umanità. Questo può essere considerato come una violazione dello spazio rigenerativo per il vero sviluppo umano, come un'influenza cosmica indesiderabile. Eppure lo ha fatto in passato invocando le qualità saturniane del Demiurgo, il Secondo Logos, che corrisponde al "Dio vendicativo" dell'Antico Testamento.

L'ordine di soccorso è una necessità?

Il demiurgo è il responsabile della creazione dell'ordine di soccorso che ci tiene prigionieri nelle illusioni. Il demiurgo (letteralmente significa lavoro a metà) è il creatore della realtà spezzata che ci è stata imposta. Coloro che vogliono intraprendere il cammino della trasfigurazione dovrebbero seguire la purezza cristiana nella loro (auto)liberazione e "sradicare" dalla loro contemplazione l’Antico Testamento, che è connesso con il potere astrale inferiore, dice Jan van Rijckenborgh. Non solo perché la riflessione sull'Antico Testamento si oppone a qualsiasi rinnovamento spirituale, ma anche perché può significare una nuova prigionia a causa della potente forza Arcontica che lega il cercatore alla frequenza inferiore. Questa frequenza astrale inferiore blocca il passaggio attraverso la porta di Saturno, perché un'imitazione del Saturno originale può deviare l'aumento di frequenza realizzato dal cercatore a un livello insufficiente per entrare e sperimentare la dimora degli abitanti della frontiera.

Quando veniamo "strappati dai nostri stessi limiti", il livello di frequenza della coscienza "efesina" come limite inferiore è necessario per non soccombere al caos e all'alienazione. Quel livello è abbastanza alto da vedere attraverso le illusioni della vita duale del settimo piano cosmico, ma non può ancora sperimentare l'"unità" assoluta del sesto piano cosmico.

Saturno come ingresso per l'insediamento della matrice nel nostro sistema solare

I moderni esoteristi orientati in senso gnostico, come Helma Broekman  [5], presumono che non sia l'originale Saturno a consentire questa influenza, ma un pianeta preparato per mezzo degli anelli di Saturno che, tramite la Luna terrestre proiettata olograficamente, può alimentare e mantenere la matrice dominante nella coscienza umana. Questa è una conseguenza del potere religioso dell'Antico Testamento, che era (ed è tuttora) governato da Saturno. Per servire questo ordine di potere, con l'aiuto di coordinatori spazio-temporali, è stata costruita una matrice, all'interno della quale l'uomo sarebbe diventato completamente dipendente dai suoi sensi materiali, al fine di percepire ancora più a lungo la realtà a bassa frequenza. Mentre il passaggio attraverso la porta di Saturno, con l'aiuto del potere elettromagnetico di Cristo, si riferisce al Saturno originale. Quel pianeta originale può quindi essere considerato il primo pianeta dei misteri. L'attuale Saturno, con gli anelli come magici conduttori dei sovrani arconti, rappresenta giustamente l'aspetto morte della "natura mortale".

Gnosi come conoscenza di base

La particolarità dell'esoterismo moderno è che si basa quasi all'unanimità sulla conoscenza e sulla scienza gnostica, mentre la matrice è considerata come un super-strumento di direzione e controllo, uno strumento – spesso addirittura legato al nostro DNA – che cerca di impedire il risveglio e l'attivazione della scintilla divina. È anche classico che la strategia centrale e dominante per garantire potere e nutrimento alle entità oscure si formi facendo appello alla paura. La paura abbassa le vibrazioni delle persone in modo tale che l'energia emanata possa essere "consumata" dalle "entità oscure".

La nostra cultura ed economia saturniana

Nell'attuale situazione mondiale polarizzata, piena di restrizioni imposte dall'alto, il terreno fertile per una vera "cultura della paura" è grande, mentre allo stesso tempo – a causa del leggero afflusso delle forze dell'Acquario – le opportunità di autorealizzazione per l'anima che comincia a vivere dello Spirito acquistano forza.

È importante riconoscere che le influenze che inibiscono il risveglio – i “senza luce”, come li chiama Christina von Dreien [6] possono utilizzare con gratitudine il sistema economico-finanziario che noi come umanità abbiamo istituito dal diciassettesimo secolo, perché il sistema (commercio) si basa sulla paura, sulla struttura di comando, sul controllo calcolato e sulla sicurezza materiale, perché quel sistema è saturniano per quanto riguarda i poteri astrali (inferiori) “avere e mantenere”. Quel sistema è stato in grado di rafforzare l'orientamento e la riflessione Jehovista facendo uso di forze mercuriali negative, che – classicamente – servono ladri e assassini. Siamo così finiti in un sistema di "calcolo" sbagliato. In Dei Gloria Intacta è espresso così: 

Il Mercurio dell’Adamo caduto è legato a delle autorità e a delle speculazioni, è degenerato fino a diventare solo più il dio del commercio, dei mercanti e dei ladri. L’uomo abusa della luce della ragione e il raggio del Mercurio della natura addestra l’uomo alla lotta nella vita ordinaria. [7]

Mentre le forze mercuriali positive hanno una prospettiva ermetica speciale per l’umanità. Per questo è necessario prendere coscienza della prigionia causata dalla ragione sottomessa al Mercurio negativo e allontanarsi completamente da quella cultura. "Odiare" questa cultura, scrive J. van Rijckenborgh, perché le persone appartengono a questa cultura:

Gli uomini e i gruppi di uomini che la ragione fece smarrire, che tengono prigioniera l’intera umanità con le loro opere e, attirandola con i loro tentacoli materialisti e atei, l’hanno gettata nella sventura.[8]

Dopo questa acuta analisi, è necessario prendere coscienza della propria origine divina e rendere così possibile una nuova ragione, il Mercurio “positivo”. Nella sua sfera d‘azione tutto cambia, e nasce l'urgenza di testimoniare una nuova realtà in cui si partecipa, una realtà più grande; la realtà dell'ordine divino.

(Continua in parte 3)


Fonti:

[1] Catharose de Petri, Il Sigillo del Rinnovamento, capitolo X, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 1999

[2] Jan van Rijckenborgh, I Misteri Gnostici della Pistis Sophia, capitolo 11, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2019

[3]  Secondo Jacob Boehme, l'intero universo visibile appartiene alla natura della morte, il "mondo dell'ira" (Werke VII, Schutzschriften und Sendbriefe nr. 145)

[4] Jan van Rijckenborgh, I Misteri Gnostici della Pistis Sophia, capitolo 36, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 2019

[5] Helma Broekman, De Nieuwe Dageraad II, de Akasha voorbij (La nuova alba II, oltre l'Akasha), Uitgeverij Heijink, 2017

[6]  Christina von Dreien, Alla fine va tutto bene, Govinda Verlag Editore, 2020

[7] Jan van Rijckenborgh, Dei Gloria Intacta, capitolo IV, Edizioni Lectorium Rosicrucianum, 1994

[8] Ibid

back to home pdf share