religion

Una sola religione, la religione dell'amore, Dio è amore

back to home pdf share

Se approfondisci il sufismo, incontrerai il poeta persiano Rumi. La conoscenza del cuore è in sintonia con la Gnosi, come è noto dalle scritture di Nag Hammadi. Ciò non sorprende, perché la Gnosi, in senso lato, è la fonte da cui ha attinto tutto il misticismo mediorientale. Come Sufismo, questo misticismo ha avuto origine all'interno dell'Islam.

Mevlana Jalaluddin Rumi nacque il 30 settembre 1207 nell'attuale Afghanistan, allora parte dell'impero persiano. Come adesso, i tempi erano irrequieti, poiché l’esercito di Gengis Khan lasciò una scia distruttiva attraverso questo impero. In quei tempi bui fiorì la poesia persiana.

Rumi era uno spirito libero nel mondo della scienza e della poesia. Sceglieva il suo immaginario vicino al quotidiano. Ecco perché la sua scelta delle parole è così riconoscibile anche nel nostro tempo. Nella forma e nel significato, la sua poesia rappresenta il vortice dell'uomo intorno a se stesso, attorno all'asse su cui ruota tutto nell'universo, una danza vorticosa in armonia con l'universo attorno al suo amato, l'unico Dio, che è amore. In Medio Oriente, il Mathnawi di Rumi [1] era chiamato “il piccolo Corano”. Per molti è stata una guida importante oltre al difficile Corano. Rumi parla dell'uomo, dei suoi desideri e del suo rapporto con la creazione e il creatore. Dal punto di vista del creatore, scrive:

Ero un gioiello nascosto e desideravo essere conosciuto, perciò ho creato la creazione, per essere conosciuto.  [2]

Nel suo famoso Canto della canna, descrive il dolore della separazione:

Ascolta il flauto di canna, come si lamenta,

di essere stato bandito dalla sua casa[3]

Come il flauto di canna, staccatosi dal letto di canne, l'uomo è separato dalla sua origine. C'è una profonda nostalgia nell'uomo. Come Vasalis  [4] così meravigliosamente vicina:

Non è il taglio che fa male, ma la separazione.

La visione del mondo di Rumi parla dell'Onnipotente, il quale cerca se stesso nelle e attraverso le sue creature. Si relazionano l'un l'altro come l'amante e l'amato. E ogni creatura conosce la propria via verso l'amato. Ognuno sperimenta il divino a modo suo secondo la sua predisposizione e il suo sviluppo. Nessun uomo può quindi essere condannato o respinto. Ogni movimento religioso rivela qualcosa della verità assoluta. Questo pensiero, molto importante soprattutto per il nostro tempo, porta alla tolleranza, alla tolleranza e al rispetto per le opinioni altrui. Per Rumi, le diverse religioni sono sfaccettature di uno stesso diamante e non c'è religione al di fuori della religione dell'amore. Nel nostro tempo è efficacemente espresso nel libretto A jihad of love  [5]:

Quando incontro un seguace di una fede diversa che è guidato dall'amore, sento che professiamo la stessa religione. L'amore, fondamento, piedistallo su cui deve poggiare ogni fede.

Nel Mathnawi di Rumi c’è il racconto di:

Mosè e il pastore

Mosè incontrò un contadino che era immerso in preghiera:

Oh Dio, dove sei?

Lasciami essere il tuo servo così posso allacciarti le scarpe,

pettinarti i capelli, pulirti,

portarti il latte e baciare le tue manine

quando è ora di metterti a letto.

Spazzerò la tua stanza e terrò tutto pulito.

O Dio, le mie pecore e le mie capre sono tue.

Nei miei sospiri, nei miei aah e ooh mi ricorderò di te.

Mosè non ne poteva più:

Con chi pensi di parlare?

Sto parlando con colui che ha fatto la terra e il cielo

fu la risposta del pastore.

Al che Mosè disse:

Di cosa parli di calze e scarpe!

E come osi parlare di mani e piedi minuscoli!

Che linguaggio blasfemo!

Conservalo per la tua famiglia, ma tienilo lontano dal mondo.

Dio ha piedi per camminare?

Tieni le scarpe e i calzini per te.

Il latte è per un bambino che cresce, non per Dio,

che sta come un sole in mezzo a noi.

Regola il tuo linguaggio, non è così che parli a Dio,

né chiami un uomo Fatima.

Questo tipo di chiacchiere si addice al mondo, ma non alla fonte di tutto,

non a quello in cui tutto è Uno.

Il pastore si pentì, si stracciò le vesti e senza dire una parola andò nel deserto.

In Mosè parlò una voce, la voce di Dio:

Servo mio, perché mi hai abbandonato?

Sei venuto come profeta per radunare o per separare?

Non fare un passo verso il divorzio, perché è quello che disprezzo di più.

Ognuno ha il suo modo di esprimersi.

Ciò che è male per uno è buono per un altro.

Il miele per una persona è veleno per un'altra.

Impurità, impurità?

Sono al di sopra di essa.

Pregare?

Uno cammina ai bordi, l'altro corre troppo.

Cosa mi darebbe fastidio?

Pensi che abbia dato all'uomo adorazione e preghiera

per migliorarlo?

No, gliel'ho data in dono.

Lascia che indù, musulmani, sikh o cristiani preghino secondo il proprio dio e comandamento.

Non sono io a beneficiare, ma coloro che pregano.

Brilleranno.

Non sono le loro parole la preghiera, ma la loro umiltà.

Lascia stare quel linguaggio, dopotutto è una questione di cuore!

Non incolpare l'amante.

Il suo linguaggio “sbagliato” è cento volte migliore del “corretto” di altri.

Se sei nella Kaaba, non importa in quale direzione

è il tuo tappeto da preghiera!

La religione dell'amore non ha leggi o comandamenti, solo Dio. [6]

 

Citazioni:

La mia religione è vivere d'amore –

vivere di quest'anima animale e questa testa è una vergogna.

La spada dell'amore

toglie la polvere dal cuore dell'amante,

perché questa spada cancella i peccati.

Quando la polvere corporea scompare,

la mia luna brillerà

la luna della mia mente trova un cielo limpido.

Amore mio, sto battendo per te da sempre

sul tamburo dell'amore

al ritmo di: “La mia vita dipende dalla mia morte”.

Rumi

 

 

Cosa significa apprendere la conoscenza dell'unità di Dio?

Essere assorbiti alla presenza dell'Uno.

Se vuoi brillare come il giorno, brucia l'illusione

per cui pensi di stare in piedi da solo e dissolviti

nell'Essere che è tutto.

Ti aggrappi a “io” e “noi”

e quella dualità è la tua rovina.

Rumi

 

Dio dà a questo mondo un certo colore,

varietà e valore,

dà alle persone qualcosa di cui discutere.

Quando l'impasto a forma di cammello o di leone è cotto,

i bambini si mordono eccitati e golosi le dita.

Sia il leone che il cammello tornano ad essere pane in bocca,

ma non ha senso dirlo ai bambini.

Rumi

 

Ciò che Dio disse alla rosa, la fece sorridere in perfetta bellezza.

Lo disse anche al mio cuore e lo ha reso cento volte più bello.

Rumi

 


Fonti:

[1] Rumi, Jalaluddin, Mathnawi. Il poema del misticismo universale, Bompiani Editore, 2006

[2] Ibidem, Libro IV

[3] Ibidem, Libro I, Prologo

[4] Vasalis, M., Visioni e volti, Edizioni Ensemble, 2020

[5] El Bachiri, Mohamed en Reybrouck, David Van, Een jihad van liefde [A Jihad of Love], Amsterdam 2017

[6] Rumi, Jalaluddin, Mathnawi, Libro II, Storia VII

 

back to home pdf share