Plum Cake

Un’esperienza speciale – Parte 1: Un incontro eccezionale

back to home pdf share

Brigitte Bergengruen (nome di fantasia) ci ha descritto un incontro eccezionale:

Anche se è successo molti anni fa, questa esperienza sarà sempre molto chiara nella mia mente. Un pomeriggio, mentre toglievo la mia torta di prugne dal forno, il campanello della porta suonò. Rapidamente mi precipitai alla porta e l'aprii. C'era un giovane con una selezione di riviste. Poiché ero stata convinta due volte negli anni precedenti a sottoscrivere un abbonamento e le riviste erano in giro non lette, rifiutai un ulteriore contratto. Il giovane spiegò la sua situazione angosciante: aveva bisogno di abbonamenti o sarebbe stato licenziato e non sapeva come mantenersi.

Rimasi ferma nel mio rifiuto e gli chiesi il motivo della sua angoscia. «Sono stato in prigione per molto tempo e sono in libertà vigilata», confessò. «Non intendo firmare nulla, ma ti piacerebbe un pezzo di torta di prugne fatta in casa appena sfornata?» Gli offrii la torta con una strana sensazione. «Non mangio questa torta da molto tempo. Oh sì, mi piacerebbe!»

Accompagnai il mio ospite di sopra, lo invitai a sedersi al tavolo della cucina, e mi misi a montare la panna e a fare il caffè. Parlammo dei tempi passati. Parlava soprattutto di sua madre, che era alcolizzata e non si curava molto di lui. Ovviamente apprezzò sia la torta calda che la nostra conversazione, tuttavia, presto se ne dovette andare e l'accompagnai alla porta d'ingresso. Mi disse quanto la cosa gli avesse fatto bene dichiarando: «Vorrei avere avuto una madre come te. Non so come ringraziarti. Posso darti un abbraccio d'addio?» Accettai, tuttavia gli chiesi spontaneamente perché fosse stato in prigione. «Ho ucciso una donna. Sono un assassino», rispose tranquillamente. «Credo che ora non mi sia più permesso di abbracciarti». Ma quando lo guardai negli occhi, capii senza dubbio che in quel momento ero sua madre. Mi lasciai abbracciare, poi si girò e se ne andò. Riuscivo ancora a vederlo mentre si asciugava le lacrime dagli occhi.

Circa un anno dopo, un poliziotto suonò il campanello della nostra porta. «È successo qualcosa?» chiesi in preda all’agitazione. «No, no mi rassicurò. Qui abbiamo qualcuno che sta per essere portato in prigione a Monaco. Ci ha manifestato il desiderio di dirti addio». Più indietro, nel furgone della polizia c’era lui, il venditore di riviste, in manette, sorvegliato da un altro poliziotto. Acconsentii, e lo lasciarono venire da me. «Cos'è successo?» gli chiesi «Ci sono ricascato», disse abbattuto. «Mi abbracceresti ancora una volta?» Senza esitazione, lo presi tra le mie braccia e lo strinsi al mio cuore.

Che ne sarà stato di lui?

 

 
back to home pdf share