autumn

"Allora io sono qui!" Escursioni ed esperienze con l'anima del paesaggio – Parte 1

back to home pdf share

Sono appassionato di escursionismo fin da bambino. Da adolescente ho continuato a immergermi nella foresta e nella natura selvaggia – come luoghi di silenzio, come luoghi di intimi incontri con pietre, alberi, piante selvatiche, animali, fiumi, montagne, grotte, stelle e fenomeni atmosferici.

Negli ultimi tre anni, nel mese di settembre, ho fatto lunghe escursioni per circa quattro settimane. Ho camminato da Dortmund (Germania dell’Ovest) a Zurigo (Svizzera). Ho dormito quasi sempre nella foresta, su un'amaca tra due alberi, in un caldo sacco a pelo.

Questa intensa immersione nella natura mi ha trasformato. I miei sensi si sono risvegliati alla complessa interazione di paesaggi montani e valli, di profumi e odori, di boschi di latifoglie, di conifere e misti, di pianure alluvionali fluviali, paesaggi di brughiere e di prati, di vegetazione e di animali, di villaggi e di molte persone che ho incontrato durante le mie escursioni, alcune con un atteggiamento aperto, altre più riservate.

Durante queste passeggiate ho avuto l'esperienza molto diretta che nessuno di questi elementi è autonomo. Sono intrecciati in molti modi diversi. Formano uno schema olistico, un tessuto paesaggistico, un'anima paesaggistica.

L'anima del paesaggio

Nelle diverse regioni denominate Sauerland, Siegerland, Taunus e Odenwald, nel Kraichgau, nella Foresta Nera, nel Giura Svevo, ho incontrato anime paesaggistiche molto diverse. Secondo me questi mosaici paesaggistici sono entità viventi che vogliono essere percepite. Cerco di entrare nello spirito di queste anime, di ascoltare, di meravigliarmi, di non essere un corpo estraneo, ma una creatura comprensiva che si integra.

Quindi cammino lentamente, quasi meditando. Non è importante raggiungere una meta o completare una certa distanza. Mi prendo molte pause. Voglio entrare in contatto intimo con l'anima del paesaggio.

Ad ogni passo penetro nel terreno a volte roccioso, a volte fangoso, a volte sabbioso. Ancora e ancora posso fermarmi ad ascoltare il mormorio di un ruscello, il richiamo di un uccello, il fruscio dei pioppi argentati nel vento, posso accarezzare i cuscini di muschio meravigliosamente morbidi sui ceppi degli alberi, guardare le foglie d'acero che scintillano di rosso e oro alla luce del sole, o guardare per un’ora una volpe che cattura i topi.

Sono arrivato

Dopo circa una settimana di cammino, sono "arrivato" in questo tessuto paesaggistico. Mi muovo in modo organicamente fluido nel paesaggio e mi sembra di essere percepito sempre meno come un corpo estraneo. Animali selvatici come volpi o cervi osano avvicinarsi alla mia amaca al mattino e alla sera. Spesso si mostrano a pochi metri da dove dormo. Ho la sensazione che annusino per sapere chi appartiene e chi no. Ci incontriamo come esseri viventi intimamente legati ad un organismo comune, all’anima del paesaggio.

Questo arrivo nel tessuto del paesaggio ha chiaramente a che fare con l'orientamento mentale. La foresta è un potente "trituratore di pensieri". Respirare l'aria pura della foresta, ascoltare il sottile gocciolare o gorgogliare di un ruscello, guardare le spighe di grano ondeggianti nel vento, fa fluire i miei schemi mentali fissi. Vengono e scorrono, e dopo un po' sono "triturati", perdono il loro carattere tormentoso, invadente e irresistibile. I pensieri possono sorgere, ma nella pura sfera eterea della foresta non possono resistere a lungo, fluiscono, muoiono. La foresta li porta alla dissoluzione.

È un divenire vuoto, una purificazione, un divenire aperto e curioso per l'essenza della natura. In questa apertura e permeabilità non mi vedo più come il centro dell'universo, ma come un piccolo e tuttavia non insignificante Holon (qualcosa che è contemporaneamente un tutto e una parte) nel grande tutto. La natura aperta, non intenzionale e innocente della mia percezione mi permette di sentire un'intima connessione con le pietre, le piante, gli animali, le persone, con i quattro elementi: fuoco, terra, acqua e aria, nonché con il quinto elemento, l'anima del mondo che tutto avvolge, fino alle stelle nel cielo, al cosmo.

Il mondo interiore

Mi fa sentire molto direttamente lo “spazio interiore” che collega tutte le creature dell'universo, da cui respirano e traggono forza.

Mi fa sperimentare le radici della mia anima che sono cresciute al di fuori di questo mondo interiore. Un flusso di energia aggraziata e creativa scorre attraverso queste radici dell'anima. Queste radici accordano una fiducia fondamentale e incrollabile nella vita. 

Le persone che incontro mi chiedono sovente se non ho paura di passare la notte da solo in mezzo alla foresta. Cerco di far capire loro che non c'è posto più sicuro nell'universo delle foreste. Sotto le radici e i rami degli alberi su cui tendo la mia amaca, sono palpabili le radici molto più profonde della vita, le radici del mondo interiore. Da esse sgorga una vitalità e una creatività in continuo rinnovamento. La foresta, il mondo montano, la natura nel suo insieme, ci regalano una grande ricchezza di nuove idee, di soluzioni creative, di immagini e simboli che raggiungono il nostro mondo onirico. Dopo ogni mia escursione, sogno per settimane nel modo più intenso queste immagini e mondi simbolici della natura. È – così lo sento – un’immersione nell'atmosfera del mondo interiore.

In questo radicamento, in questa fiducia nella vita, posso “trattenere” qualcosa. L'anima si mostra nella capacità di trattenere. Posso imparare a sopportare circostanze e atteggiamenti paradossali, apparentemente contraddittori, a lasciarli fianco a fianco. C'è una linea sottile tra il coinvolgimento aperto e una certa distanza dalle cose. Faccio un piccolo passo indietro, mi meraviglio e ascolto, percepisco semplicemente ciò che è, nella natura e anche negli incontri con altre persone.

Non dovrei essere "identificato" troppo fortemente, altrimenti non posso più essere un mediatore, un compagno dell’anima. Ci vuole equilibrio tra presenza fisica, radicamento e intuizione spirituale. Ci deve essere equilibrio tra l'inspirazione e l'espirazione, tra l'approfondimento della contemplazione e del silenzio (anche e soprattutto nella natura) tra la devozione dimentica di sé e l'attività in mezzo alla società. In questa capacità di trattenere, in questa via di connessione spirituale, posso scoprire spazi, spazi interiori del mondo. Da questi spazi posso attingere senza paura e con la massima creatività. Qui ci sono potenziali di potere che vogliono essere espressi attraverso di me: idee, intuizioni, capacità di ascolto, potenziali di coscienza integrativa, spazi di consapevolezza che possono essere messi a disposizione di chiunque sia aperto ad essi.

(Continua in parte 2)

 

back to home pdf share