coast

"Allora io sono qui!" Escursioni ed esperienze con l'anima del paesaggio – Parte 2

back to home pdf share

(Vai a parte 1)

 

Fiducia di base

In questa intensa connessione con gli spazi interiori del mondo, tutto ciò che serve è disponibile al momento giusto. Tutto ciò che dovrei incontrare mi viene fornito per così dire da sé. Non devo fare uno sforzo. Tutto è disponibile. La vita rende tutto disponibile se sono aperto e permeabile ad essa. Visto in questo modo, tutto è incredibilmente semplice!

Forse questo suona un po' euforico e onirico. Al contrario, vorrei assicurarvi che l'intima connessione con la natura, l'empatia con la foresta, trasforma questa fiducia di base in una vera esperienza. Questa fiducia vuole nascere in noi e per questo crea intrecci, resistenze, avversità contro le quali lottiamo, ma che ci permettono di crescere e maturare.

Un esempio concreto: durante un'escursione nella Foresta Nera mi sono perso in una vasta area forestale. Tutti i percorsi sembravano uguali e la mia scorta d'acqua si stava esaurendo. Quando la mia app per le escursioni si è guastata a causa della bassa carica del cellulare, ero senza orientamento, quasi senza cibo e soprattutto senza acqua. Diventava sempre più scuro e i sentieri non erano più visibili. Sono stato costretto ad "arrendermi" con fiducia alla foresta. Ho sistemato la mia amaca e mentre stringevo l'ultimo cavo ho sentito un ruscello gorgogliante distante solo 10-15 metri. Nel mezzo di questa area forestale inimmaginabilmente grande, una sorgente sgorgava dal terreno proprio in quel punto, un limpido ruscello di acqua pura.
 
In ogni momento tutto è previsto... e tanto più quanto riusciamo a staccarci da noi stessi e respirare senza paura.

La rete di Indra

"Ci sono due piani per ogni giorno, il mio piano e il piano del mistero", dicono gli indigeni della Groenlandia, gli Inuit. Hanno mantenuto la consapevolezza che in ogni momento siamo intimamente integrati in una totalità. Tutto in questa totalità vive, respira, si intreccia nella grande rete che chiamiamo vita e ci colpisce.

Nell'induismo e nel buddhismo questa totalità è chiamata "La rete di Indra". Si dice che il dio Indra una volta annodò una rete e che ogni nodo in essa sia un gioiello dalle mille sfaccettature. In questa rete ogni gioiello riflette tutti gli altri. Ogni diamante rappresenta un essere individuale, una cellula, un atomo ed è strettamente connesso a tutti gli altri gioielli dell'universo. Un cambiamento in un gioiello significa un cambiamento in ogni altro gioiello. Quindi, quando un movimento, un cambiamento di coscienza avviene in un essere umano, viene percepito e riflesso dagli esseri viventi del suo ambiente.

Durante i miei vagabondaggi meditativi, sperimento costantemente e molto concretamente il funzionamento della rete di Indra. Il silenzio della foresta provoca una maggiore apertura e permeabilità per l'essere più intimo. In questa apertura, in questa radiazione dall'interno, si realizza una qualità completamente nuova. Incontro altre persone e in una frazione di secondo – di solito uno sguardo veloce negli occhi dell'altra persona – si decide se avrà luogo un incontro, se verrà avviata e approfondita una conversazione. In mezzo al bosco, ai margini del bosco o nel villaggio vicino, incontro forestali, cacciatori, proprietari, boscaioli, pastori, giardinieri, contadini, guaritori, teologi, sindaci... L’elenco potrebbe continuare all'infinito.

Dialoghi spontanei

Ogni giorno, dalla magia del momento nascono dialoghi spontanei con persone completamente estranee. Dedico molto tempo a queste conversazioni. A volte sono trenta minuti, a volte due giorni. Mentre ascolto, cerco di scoprire cosa muove il mio interlocutore. Gli do uno spazio mentale in cui può esprimersi, in cui si sente percepito. Mi connetto con le diverse prospettive e motivazioni della persona con cui sto parlando. In una foresta di abeti rossi morente, ad esempio, boscaioli, forestali, cacciatori e proprietari di foreste hanno motivazioni e prospettive molto diverse su ciò che sta accadendo. In questo modo, i modelli complessivi diventano riconoscibili.

L'anima del paesaggio ora parla da sola, per così dire. Si esprime attraverso uno dei suoi elementi, e io, come elemento comprensivo, posso riflettere altre prospettive, altre motivazioni del tessuto complessivo.

È semplicemente meraviglioso osservare come, in un’escursione nell'anima del paesaggio, si incontrano sempre esattamente le persone e le circostanze che corrispondono alla propria risonanza. La rete di Indra può essere vissuta concretamente ogni giorno.

Questa rete è un grande mistero.

A volte incontro persone che mi sono completamente sconosciute e tre giorni dopo incontro altre persone che sono loro parenti o conoscenti. A volte posso consigliare medici e guaritori, che ho incontrato casualmente qualche giorno prima, a persone che non conosco; medici e guaritori che possono aiutare queste persone nella loro malattia. Spesso io e i miei interlocutori, in un dialogo molto profondo e toccante sulla vita, riconosciamo che, sebbene non ci fossimo mai incontrati prima, ci "conosciamo" nel profondo, stavamo quasi "aspettando" questo momento di incontro.

Queste esperienze mi ispirano, mi fanno "saltare" di gioia sul mio sentiero escursionistico. Mi fanno sentire: c'è questa rete che si estende tra minerale, vegetale, animale e umano. Tutto è curato in questa rete. Possiamo sperimentare una pienezza che ci fornisce l'energia e la creatività di cui abbiamo bisogno in ogni momento della nostra vita.

E ogni nuova esperienza riguarda l'intera rete.

Anima individuale, anima del paesaggio, anima del mondo, il cosmo sono intimamente intrecciati. Ogni individuo ne è una piccola ma non trascurabile parte, uno dei gioielli.

Essere presente

Credo che questa presenza, questa presenza essenziale, questa apertura, semplicità e dedizione alla vita siano della massima importanza nel tempo a venire. Sono condizioni chiave per il nostro viaggio di vita. 

15 anni fa, Hape Kerkeling diede alla descrizione del suo pellegrinaggio sul Cammino di Santiago il titolo: Vado a fare due passi.

Ora vedo le mie escursioni non solo come un piacere per il tempo libero, ma come una sorta di "viaggio obbligatorio" in cui mi lascio guidare nella rete di Indra verso determinati nodi, dove sono necessari la mia percezione, il mio ascolto attento e il mio supporto:

Quindi il motto del viaggio della mia vita è: “Allora io sono qui!” 

back to home pdf share