Above - white bird

Dialogo angelico – Parte 1

back to home pdf share

 

Mortale: Sono venuto da te perché mi sono preoccupato dopo aver letto un testo su come il diavolo se la ride.

Angelo: Sì, l'ho letto anch’io. Per meglio dire, ho ascoltato il suo discorso. Niente mi rimane nascosto.

M: Prima di tutto, grazie per partecipare alla conversazione con me.

A: Se posso essere utile a te o a chiunque altro in questo modo, con piacere.

M: Il diavolo ha scelto il monologo.

A: Proprio come siamo abituati da lui, molto tipico; non può fare altrimenti. La folla angelica opta sempre per il dialogo. Guardiamo i grandi esempi classici: di Ermete con Tat, di Platone con Socrate. Al centro c’è sempre la questione della saggezza. Qual è la tua domanda?

M: C'è una profonda crisi in corso nel mondo, come sai. Causata da una pandemia, un nuovo virus. Qual è il motivo per cui questa crisi ci sta colpendo adesso?

A: Potrebbe esserci una ragione? Si cercano le cause, ma non è la stessa cosa. Nel Medioevo e ancora più indietro nella preistoria, le crisi sanitarie come la peste nera erano attribuite a potenze superiori. No, non è stato incolpato il diavolo. Era Dio che puniva l'umanità. Alla fine della prima guerra mondiale, che fu causata dagli esseri umani, Dio dimostrò che poteva anche peggiorare le cose.

M: La gente lo credeva all'epoca, ma ora non più.

A: Giustamente. Perché l'immagine di Dio che punisce è un'invenzione umana, un'illusione. Ora la maggior parte delle persone lo sa meglio, anche nei circoli ortodossi non si sente più quella storia. Le nazioni furono però demoralizzate dalla guerra mondiale, soprattutto i giovani adulti, gli uomini che avevano combattuto nelle trincee. Qualcuno una volta ha definito quella guerra apocalittica; perché gli eserciti hanno dovuto combattere l’uno contro l’altro per anni e non potevano vincere. Alla fine è stato un massacro senza senso, concepito e tramato da governanti, politici e comandanti dell'esercito completamente senza scrupoli. Come credevano i tedeschi: una "Frischer, Fröhlicher Krieg”, (una guerra rinfrescante e amichevole) e gli inglesi vivevano nell'illusione della "guerra che avrebbe posto fine a tutte le guerre". Ma sto divagando.

M: Il diavolo se la ride adesso, hai detto. Non tanto sulla miseria della malattia e della morte, ma più sulle altre conseguenze della pandemia. Ogni anno le persone si ammalano o muoiono di influenza, molte più persone muoiono ogni anno per altri disturbi. Ma mai prima d'ora le società in tutto il mondo sono state rinchiuse, con tutti i danni collaterali che ciò comporta.

A: Sì, lo vedono tutti. Non è successo durante l'influenza spagnola, che era molto peggiore, più mortale del coronavirus; allora non sarebbe stato possibile. C'era anche una grande paura nel 1918, ma ora le persone sembrano essere più attente.

Vedi, parte dell'umanità, specialmente in Europa e in America, è stata immensamente rovinata negli ultimi cinquanta, settant'anni. La maggior parte di quelle aree stava effettivamente migliorando sotto certi aspetti, ma non tutte, ovviamente. Ci sono state altre crisi prima, ma non hanno colpito tutti. Nemmeno adesso; solo un piccolo gruppo di persone vulnerabili si è ammalato molto gravemente o è morto.
Eppure la maggior parte delle persone, che non si ammala, soffre della crisi sanitaria. Le libertà sono state tolte, il contatto fisico con gli amici negato, le gioie di una serata in casa piena di amanti della musica, una serata fuori a cena, gli sport insieme – tutto bandito. Molti sentono la mancanza dei loro colleghi di lavoro, gli studenti dei loro insegnanti e dei compagni di studio, la comunicazione è diventata distante, mediata da uno schermo. Ma allo stesso tempo, se guardi le differenze tra coloro che sono diventati disoccupati, che hanno perso il loro reddito, che si sentono soli o che vedono ritardate le loro cure, rispetto a molti altri che non perdono il lavoro, non perdono la loro prosperità, la dicotomia che già esisteva si interseca ora nella società in spaccature ancora più acute e profonde. E poi sto parlando solo dei paesi ricchi.

M: Sono anche preoccupato per la discordia che dilaga tra il gruppo che, per sicurezza e paura, aderisce alla politica ufficiale del paese e osserva le restrizioni, e il gruppo che non se ne cura e resiste. In altre parole, aumenta la polarizzazione. E il diavolo pensa che vada tutto bene.

A: Deve: vive di essa, cresce da essa. Ma puoi anche vedere il tutto in questo modo: la popolazione è improvvisamente entrata involontariamente in una situazione in cui sono richiesti sacrifici a tutti. Non è una novità. Ripensa al passato, a quelli che consideriamo tempi primitivi. Quando si verificavano disastri o c'erano grandi minacce, i capi sacerdoti, gli sciamani che fingevano di essere in grado di risolvere le crisi, si alzavano per scongiurare il pericolo. Ma la loro gestione delle crisi, si potrebbe dire ora, funzionava solo quando le persone facevano sacrifici. Sacrifici animali, perfino sacrifici umani. Con ciò gli dei e i poteri della natura erano ammorbiditi, tornavano a essere ben disposti.

M: Non tutti vogliono fare sacrifici adesso, ad esempio andando in quarantena o non coccolandosi più. Molte persone non capiscono tutte queste misure, e ancor meno perché vengono multate se le violano. Altri invece si arrabbiano per la mancanza di solidarietà e gridano: se non tieni la distanza o non ti lavi le mani, sei responsabile della malattia e della morte! Cresce la discordia.

A: Ciò di cui il diavolo si gongola è la paura che questo spettacolo del coronavirus provoca, causando un restringimento della coscienza in molti. È sempre andata così; certamente conosci il vecchio luogo comune sulla paura come cattiva consigliera. Il tuo sistema immunitario ne soffre, questo influisce anche sul tuo ambiente.

Sai cosa c'è di divertente: sempre più persone, così sembra, credono di nuovo nel diavolo. Parlano di satanisti che guiderebbero una sorta di governo mondiale. Quel diavolo, con il suo discorso era molto trasparente, proprio come la fede in quei presunti adoratori del diavolo con i loro sacrifici di bambini. Le persone non conoscono la storia o sono semplicemente smemorate. Le persone possedute dal diavolo non assomigliano alle caricature dei film sull'esorcismo, no, i veri tipi diabolici sono principalmente seduttori, ingannatori. Fingono di aiutare, come operatori di pace, filantropi o altruisti, preferibilmente con un'aura spirituale. Prima o poi si scopre che quelli sono i grandi seduttori, i perfidi diavoli. In ogni caso, dovresti stare molto attento a loro. Non dovresti aver paura del diavolo come persona.

M: Allora ti chiedi: il diavolo esiste davvero?

A: Bella domanda. Ci sono diverse risposte che possono essere fornite. Da un lato hai le ben note personificazioni, le caricature. Se "Dio Padre" è quel vecchio con una lunga barba bianca nell’alto dei cieli, allora il diavolo è una vecchia capra sporca con una faccia orribile, che risiede in un fuoco infernale nel profondo della terra. Ma allora devi chiederti: nostro padre vuole solo il meglio per noi, anche quando punisce l'umanità e flagella con le piaghe? In un luogo in cui si è verificato uno dei peggiori momenti della storia mondiale, il campo di concentramento nazista, alcune vittime si sono chieste in seguito ad alta voce: dov'era Dio? Ci aveva lasciati nella miseria più profonda, l'ho chiamato, ho implorato il suo aiuto ma non è arrivato. Per coloro che poi si sono allontanati dalla fede, la definizione Dio = amore non si applicava più.
Al contrario: il diavolo vuole solo il peggio per noi? Non c'è una risposta conclusiva a questo. C'è chi si chiede perché l’avversario, l'angelo caduto Satanael, esista. Non potrebbe essere che Satana funge da resistenza che potrebbe o dovrebbe renderci più forti e più consapevoli?

M: Vuol dire che ogni domanda ne solleva una nuova?

A: Sì, ma attenzione! Qualcosa del genere può degenerare in un gioco senza fine. Ma queste sono le domande più essenziali a cui tutti dovrebbero rispondere da soli. Ti chiedo: esistono davvero gli angeli?

M: Sono in contatto con uno adesso, sto dialogando con lui.

A: Come puoi essere sicuro che non sono l'Angelo della finestra d’occidente che mise John Dee sulla scia della creazione di un impero terreno, il britannico? Così come le conquiste di Colombo e la sottomissione degli indigeni ebbero la benedizione della chiesa.

M: Ah! So di cosa parli, ho letto il libro con quel titolo di Gustav Meyrink.

A: Quindi dovresti chiedere, no, piuttosto esigere, che io mi identifichi.

 

Continua in parte 2

back to home pdf share