Angelic dialogue

Dialogo angelico – Parte 2

back to home pdf share

Vai a parte 1

 

M: Sei tu quello da cui spero di ottenere risposte alle mie domande più urgenti sulla crisi attuale?

A: Sfortunatamente non posso garantire l'autorità che mi richiedi. Sapevi che nei circoli più alti, nelle sfere più rare della coscienza, possono esserci illusioni anche tra gli angeli? Chi sta in alto può cadere molto in basso, come fece Satanael quando perse l'EL del suo nome; EL è una antica parola ebraica per dio.

M: Proverò comunque: cosa possiamo imparare dalla crisi del coronavirus?

A: Ci sono diversi modi personali per affrontarlo. Il più noto è il modo conformistico. Un altro è la critica, ribelle o meno. Ci sono altri due modi, primo quello stoico. Lo stoico dice: quello per cui posso fare poco o niente, lo lascio andare. L'intero spettacolo, tutto quel battibecco, ho lasciato che mi passasse sopra, aspettando, si potrebbe dire, con angelica pazienza. Questa è una strada difficile, richiede una grande resistenza. L'epidemia a volte è paragonata a una maratona, devi essere duro e solido nei tuoi panni, lasciandoti distrarre il meno possibile, per andare avanti. In secondo luogo, c'è la possibilità di guardare l'intero evento dall'alto, come visto da un elicottero. Si tratta principalmente di compassione. Per lo stoico, il compito è rimanere neutrali; per la vista dall'alto, affinché la visione si ampli, si schiarisca, oltre alla neutralità e alla pazienza si aggiunge qualcosa di essenziale: la compassione.

M: Permettimi di chiedere in modo più specifico: è in corso un esperimento psicologico e sociologico?

R: Lo è, ma non – come pensa una parte della popolazione – deliberatamente pianificato e con intento dannoso. Se credi in questo, sei nel secondo modo, il gruppo che resiste.

M: Sono tra il tre e il quattro. Stoico con poca compassione.

A: La tua conoscenza di te è ammirevole.

M: Ma come ha potuto la popolazione mondiale essere tenuta in ostaggio dalla paura?

A: Questo è a causa di una lunga storia. Come ho già detto, in generale la ricca parte occidentale della popolazione mondiale è coccolata e viziata. È vero che sono stati compiuti progressi su alcuni fronti, nella metà del XX secolo come punto di riferimento. Tuttavia, per le aree in cui abbiamo registrato un declino, dovremmo effettivamente tornare più indietro. Vuoi che ti mostri un panorama? Lo vivrai come visto da un elicottero; per me, per noi angeli, è la visione normale, poiché esiste in un altro campo della vita. Commenterò le immagini che sperimenterai. Pronto?

M: Sono pronto.

A: Bene. Ti mostrerò lo stato di vita globale dell'umanità oggi. Un punto di partenza è intorno all'anno 1600, da cui seguire gli sviluppi e i cambiamenti fino ad oggi. Ma prima voglio che guardi l'immagine di un altro virus. Ormai hai familiarità con l'immagine del coronavirus; ti mostro quest’altro virus.

M: ...Oh, temo di non... vedere niente.

A: Niente di riconoscibile?

M: No, niente.

A: Quello che ti sto mostrando è il virus che per secoli è stato conosciuto come egoismo.

M: Scusa, ma ancora non riesco a vedere niente.

A: Questo ha senso. Come riassumi l'egoismo in un logo o in un'immagine? Tutti ora sanno che aspetto ha il coronavirus, ma gli scienziati ancora non sanno tutto al riguardo. Allo stesso tempo, tutti sanno esattamente cos'è l'egoismo, ma nessuno può rappresentarlo visivamente.

M: Sì. Che aspetto ha l'egoismo come immagine?

A: Ora che le persone sono tutte nella stessa barca, per così dire, della pandemia, alcuni hanno iniziato a pensare a come organizzare la società in modo diverso, perché l'urgenza è alta. Tuttavia, l'egoismo è contagioso almeno quanto qualsiasi virus, se non più contagioso. Inoltre, questo egoismo, come lo chiami tu, è ora sempre più accompagnato da un orgoglio senza precedenti. Ho citato l'anno 1600 come punto di partenza, ma dobbiamo tornare molto più indietro nel tempo. Il tempo dell'inizio della cosiddetta civiltà. La grande svolta fu allora, quando l'uomo iniziò ad appropriarsi del suolo, della terra. Prima di allora c'erano nomadi e tribù, ma da qualche parte nella preistoria, gli umani si stabilirono e diventarono i proprietari. In primo luogo, per secoli e secoli, la terra era lì per gli animali e le persone, per tutti gli esseri viventi. Dopo la grande svolta nella storia, la terra apparteneva a qualcuno. E perché da allora si parla di civiltà? Perché sono sorte le città, le culture e una nuova gerarchia di potere è emersa. Non pensare che il "nobile selvaggio" sia mai realmente esistito, tranne che nelle menti dei romantici. C'era anche una gerarchia all'interno delle tribù. Guarda gli indiani del Nord America, prima che fossero sterminati dagli Europei civilizzati, dove erano al comando gli anziani, e talvolta combattevano con altre tribù.
La nuova gerarchia, re, imperatori, principi e così via, era molto più potente e di dimensioni maggiori. Sorsero i tiranni, si verificarono le prime conquiste, si formarono grandi eserciti, si compirono genocidi. 
E tutto questo come risultato del punto di rottura: la proprietà. Ora sto facendo un passo da gigante verso l'anno 1600. Poi l'immagine dell'uomo e della natura è cambiata; la nuova scienza con la sua concezione meccanicistica e materialistica ha conquistato il mondo.

Il passo successivo fu l'illuminismo del Settecento, un’ulteriore condensazione e restrizione intellettuale, ma anche una reazione ai dogmi della fede Cristiana. La Prima Rivoluzione Industriale avvenne nella seconda metà del Settecento e in parte nell'Ottocento, grazie a nuove tecniche frutto di scoperte scientifiche. Poi sono arrivate la seconda e la terza rivoluzione industriale. Queste sono state accompagnate dall'emancipazione delle masse, che a sua volta ha portato a rivoluzioni sociali. Poi siamo entrati nel ventesimo secolo con le sue due sanguinose guerre mondiali.
Dopo il 1950, un altro punto di riferimento, un'altra rivoluzione: l'emancipazione delle donne, il crollo delle colonie occidentali, la marcia trionfale del capitalismo. E ora inizia una crisi decisiva, ora sono in gioco l'ambiente, il clima, il futuro della terra. Guarda, questo è stato dimostrato da un grande naturalista e regista: l'umanità costituisce più di un terzo del globo in peso e quantità; Il 60 per cento è costituito da animali che alleviamo industrialmente e macelliamo per il nostro fabbisogno di carne; il 40 per cento che rimane, dal topo all'elefante, è minacciato per la sua sopravvivenza. E poi ci sono le foreste, le piante, i coralli e così via, che vengono sacrificati dalla dipendenza altera e disastrosa dell'uomo alla crescita economica e al profitto.

Come si è arrivati a questo? Ho delineato la storia precedente per te. Tutto ciò che si è messo in moto sotto la bandiera del "progresso" ha portato anche un declino, un declino che ha prevalso dopo il 1950, dapprima strisciante, poi in aumento in modo allarmante e infine devastante. Non solo perdita di cose esteriori per inquinamento e spreco, ma soprattutto perdita di valori morali, buon senso e salute.
E adesso veniamo respinti, non da un virus di per sé, ma da come rispondiamo ad esso nel panico dovuto alla perdita di controllo e all'acuto restringimento della coscienza. Ora l’intero circuito tecnologico, economico e medico arriva a un punto d’arresto. Non ha più senso puntare il dito contro i capitalisti o l'élite o i plutocrati o i politici, perché questa calamità è arrivata così lontano solo perché le masse inconsciamente o negligentemente soddisfano il loro egoismo.

Un ultimo pezzo di storia quindi. Alla fine del diciannovesimo secolo, una piccola parte dell'umanità si svegliò, spiritualmente parlando. In retrospettiva, si può dire che la maggioranza ha comunque preso la strada sbagliata. Sì, ci sono stati miglioramenti esteriori come le Nazioni Unite, ad esempio, come segno di coscienza globale, ma i miglioramenti decisivi che avrebbero dovuto avvenire non si sono concretizzati, o sono stati comunque insufficienti. Ora la domanda è: la crisi del coronavirus che colpisce tutti e dovrebbe portare a un’unione forzata, è una sorta di correzione? Le cause sono molte, ma c'è anche una ragione dietro? Non c'è stata alcuna transizione verso una rivoluzione spirituale, solo occasionalmente qualcosa è divampato, come negli anni '60, quando l'Acquario o "l’uomo ribelle" si faceva sentire qua e là. Dopo di che si verificò presto una nuova schiavitù delle masse.
Allo stesso tempo, in realtà solo nel nuovo secolo, è emersa su scala crescente la consapevolezza che si deve porre fine al crollo e alla distruzione della vita terrena. Questo cambiamento di coscienza arriverà in tempo, riceverà sostegno sufficiente, potere sufficiente per realizzare cambiamenti decisivi? Essenziale è la trasformazione interiore verso una nuova immagine dell'uomo e un nuovo ordine. Esso può emergere solo da una cosa: superare l’egoismo.

Bene, ti ho portato su questo volo panoramico. Il tempo della predicazione è finito, e anche il tempo della colpa e della punizione. Ognuno è restituito a se stesso e deve affrontare una nuova svolta: scegliere consapevolmente per una rivoluzione spirituale o sperimentare una scelta involontaria.

M (Dopo un lungo, profondo sospiro): Volevo finalmente ricordare di cosa parlava il diavolo. Alla fine del suo discorso, proprio come te, ha parlato dell'Acquario. Immagino che ne avesse paura. Sono rimasto scioccato dal fatto che sapesse della ricerca degli spiriti liberi e volesse impedire loro di fermare la sua ricerca del potere assoluto.

A: Nel mondo, le forze del bene e del male sono in un equilibrio precario. Il diavolo sa molto, ma non ha mai sentito parlare dell’”unico bene” che sta alla base di questo mondo. Ci sono sempre, ininterrottamente, almeno dodici persone che vivono sulla terra che rappresentano il mondo futuro. Senza di loro, il mondo attuale perirebbe, così dicono i mistici ebrei. Pertanto, la missione del diavolo non avrà mai successo. Quelle dodici anime liberate saranno lì finché questo mondo sarà in queste condizioni. Ma quella garanzia non deve impedirti come mortale di occuparti della crescita di questa dozzina. Quindi non preoccuparti per i demoni e per il male. Sai che ci sono e perché. Concentrati sul “unico bene”, non distrarti. Noi angeli ci rallegriamo per tutti i mortali che consapevolmente lo ricevono e lo perseguono. Così sia!

back to home pdf share