Nature

Essenza e Segnatura delle Piante Medicinali – Parte 1

back to home pdf share

Piante medicinali e loro effetti

Le piante medicinali sono state utilizzate per la prevenzione e la cura dei sintomi fisici delle malattie sin dai primi giorni della storia umana. Da diversi decenni le erbe medicinali vengono utilizzate anche in situazioni psicologiche di crisi poiché possono stimolare e supportare i processi di trasformazione. Questo genera una serie di domande.

Qual è la connessione tra una pianta medicinale e la psiche di un essere umano? Qual è la connessione tra la segnatura, ovvero la forma esterna di una pianta e il suo effetto? Quali principi vegetali hanno effetto sul corpo e quali sulla psiche?

Per rispondere a queste domande, dobbiamo comprendere qual è il rapporto tra lo spirito, l'anima e il corpo nei diversi regni della natura.

Spirito, anima e corpo – informazione, energia e materia

Spirito, anima e corpo possono essere definiti in modi diversi a seconda del contesto. In questo testo si fa riferimento a una definizione ermetica, alchemica, valida non solo per l’essere umano ma anche per tutte le cose e gli esseri viventi.

Secondo questa definizione, ci sono tanti tipi di “spirito” quante sono le forme di vita, poiché spirito significa l’idea, il piano, il significato che è alla base di una cosa o di un essere vivente. Pertanto, ogni minerale, ogni tipo di pianta e animale e ogni essere umano ha il proprio spirito specifico. Lo spirito rappresenta quindi l’aspetto individuale e unico di una cosa o di un essere vivente che si esprime nel suo corpo. Tra lo spirito e il corpo c’è però il principio di collegamento, l’anima, che raccoglie gli impulsi dello spirito e li trasmette al corpo in modo formativo.

Possiamo anche chiamare questa trinità informazione, energia e materia. Con il termine informazione si intende un principio spirituale, che vuole entrare in una forma, e che quindi modella la materia in una forma fisica. Tuttavia, l’energia è necessaria per plasmare una forma. Ciò significa che l’energia corrisponde all’anima, cioè il principio di collegamento e intermediario tra informazione (spirito) e materia (corpo).

In che modo differiscono gli spiriti nei diversi regni della natura?

Ogni forma di vita è caratterizzata dal suo spirito specifico, come abbiamo detto. Se vogliamo comprendere le differenze e le somiglianze tra i regni della natura, dobbiamo in primo luogo differenziare i vari tipi di spirito e, in secondo luogo, dovremmo considerare fino a che punto lo spirito (e l'anima) in questione sono integrati, cioè incarnati nel corpo.

L'essere umano è l'unico essere vivente su questo pianeta in cui ci sono due principi spirituali, lo spirito umano e lo spirito divino, di cui parleremo più avanti. Nello spirito divino dell'essere umano, tutte le caratteristiche dell'informazione originale, del logos, sono contenute in potenza. Le differenze tra le persone derivano da una diversa configurazione strutturale di queste caratteristiche.

Nello spirito umano e nello spirito di gruppo degli animali, e nell'archetipo delle piante, non sono presenti tutte le caratteristiche del Logos, ma solo alcune caratteristiche specifiche, che sono molto in primo piano.

Coscienza e forma a seconda dell'incarnazione dello spirito

Il grado o l’estensione dell’“incorporazione” di spirito e anima determina la coscienza così come la forma del corpo e dell’anima. Pertanto, vogliamo considerare più da vicino questa domanda nei tre regni della natura degli esseri umani, animali e piante.

1. L’essere umano

L'anima e lo spirito umano sono entrambi completamente incarnati nel corpo dell'essere umano, in modo che una persona non ha solo una coscienza, ma anche una consapevolezza di sé. Può guardarsi dall'esterno come un estraneo. Nell'essere umano dobbiamo, come abbiamo detto prima, distinguere tra due tipi di spirito e anima; lo spirito umano e lo spirito divino. Lo spirito umano si compone di tre parti. Tutti gli esseri umani hanno la prima parte in comune perché l'essere umano è un tipo di animale superiore nella sua manifestazione biologica e ha, come tutti gli animali, uno spirito di gruppo, che regola le funzioni del suo genere e della sua auto-conservazione.

La seconda parte dello spirito umano consiste nelle esperienze personali, intuizioni e concetti morali. La terza parte consiste nell'essenza dell'esperienza prenatale. Le prime due parti dello spirito umano sono solitamente chiamate l'io umano, la terza parte il subconscio.

Lo spirito divino, d'altra parte, determina l'individualità e l'unicità di una persona. Il problema in relazione allo spirito divino consiste nel fatto che, nell'attuale stato di sviluppo dell’umanità, non ha ancora un corpo adatto in cui possa esprimersi. Pertanto, invia i suoi impulsi nell'anima umana naturale. Questo è il motivo per cui nell'anima c'è un misto di impulsi contrari.

Perché questo si traduce in un problema? Lo spirito divino e quello umano agiscono da dimensioni completamente diverse. Lo spirito umano ha il compito di conservare e ottimizzare il corpo umano nello spazio e nel tempo. Lo spirito divino, invece, opera da una dimensione al di fuori dello spazio e del tempo. La coscienza naturale è legata all'energia e alla materia ed è, quindi, limitata dallo spazio e dal tempo. La coscienza spirituale è invece illimitata poiché la sua origine risiede nella pura informazione, che non ha un vettore energetico né materiale.

Quando il limitato si mescola con l'illimitato, c'è una tensione, un conflitto. La causa di ciò non è né la coscienza naturale né quella spirituale, ma un misto delle due.

Attraverso la compenetrazione dei principi spirituali e naturali si verificano le tre "tentazioni" fondamentali del comportamento umano, che sono la causa di ogni conflitto all'interno dell'essere umano così come tra le persone, in particolare:

– una ricerca eccessiva per i beni,

– un'eccessiva ricerca del riconoscimento e dell'onore,

– un'eccessiva ricerca del potere.

La nostra ansia di possesso, riconoscimento e potere in quanto tali, non sono un problema poiché vitali per l'essere umano naturale. Solo il loro eccesso crea i noti problemi di violenza che tutti conosciamo. L'eccesso si verifica quando la coscienza naturale, limitata dallo spazio e dal tempo, cerca di realizzare gli impulsi dalla sfera nascosta di una coscienza al di fuori dello spazio e tempo. 

Pertanto, l'egocentrismo necessario per la nostra sopravvivenza diventa ipertrofico e porta a una catastrofe psicologica, sociale ed ecologica.

2. Gli animali

L'anima è più o meno incarnata negli animali, ossia “dentro” il corpo. Pertanto, in particolare le specie animali più evolute hanno una coscienza, non solo nel senso di istinti, ma anche di sentimenti e in parte di semplici processi di pensiero concreto. Lo spirito, che è anche chiamato spirito di gruppo, non è incarnato negli animali, ma è al di fuori di essi e comprende tutti gli animali della stessa specie. Pertanto, gli animali di una specie non sono individualizzati come gli esseri umani, ma insieme formano un singolo individuo, per così dire. Fanno eccezione gli animali domestici che possono essere oggetto di una personalizzazione limitata, ma che non è di origine animale ma deriva dal trasferimento delle proprietà delle persone di riferimento. Lo spirito di gruppo dà forma al corpo fisico e ai comportamenti caratteristici individuali delle specie animali.

3. Le piante

Il principio spirituale di una specie botanica agisce sul corpo di una pianta dall'esterno e ne caratterizza la forma. Il principio spirituale della specie vegetale è chiamato archetipo o essenza della pianta e corrisponde a una struttura o costellazione cosmica. Durante la germinazione del seme nella terra umida, il materiale genetico, il DNA, si concentra sulla corrispondente costellazione cosmica e si sviluppa un legame sottile ed energetico tra la pianta e l'archetipo. Questo legame collega la pianta con il suo archetipo durante tutta la sua vita e quindi può essere chiamato l'anima della pianta. L'archetipo così come l'informazione genetica, il DNA, lavorano a stretto contatto quando si forma una pianta.

Qual è la differenza nella funzione di questi due principi caratterizzanti? Il DNA contiene le informazioni genetiche per la formazione di tutte le sostanze necessarie nel metabolismo e per la costruzione del corpo, e l'archetipo “costruisce” la forma esterna della pianta da queste sostanze.

Quindi, la forma esteriore non è caratterizzata dall'informazione genetica, come proclama la scienza, ma dall'archetipo.

Per questo è chiaro che l'archetipo di una pianta medicinale, ovvero l'essenza di questa specie vegetale, si esprime nella sua forma fisica, cioè nella sua segnatura. Pertanto, è possibile scoprire la modalità d'azione spirituale e dell'anima di una pianta sulla base della sua segnatura vegetale.

Nella seconda parte di questo articolo descriveremo un esempio della connessione tra l'essenza e la segnatura. Da ciò possiamo riconoscere la correlazione con lo spirito umano e l'effetto curativo della pianta diventerà chiaro.

(continua nella parte 2)

back to home pdf share