Nature

Essenza e Segnatura delle Piante Medicinali – Parte 2

back to home pdf share

Vai a parte 1

Il principio curativo di una pianta è il suo archetipo

Paracelso diceva che l'Arcanum è l'essenza del medicinale, non quello che i nostri denti possono masticare. Con ciò intendeva dire che l'essenza di un medicinale non sono i suoi principi attivi, ma un principio spirituale che chiamava Arcanum. Questo principio spirituale, curativo, è quindi l'archetipo di una pianta. Ciò significa che l'archetipo di una pianta è l'aspetto più elevato che può agire attraverso una preparazione a base di erbe.

Ma come è possibile? Questa connessione con l'Arcanum, con l'archetipo, avviene quando semplicemente mangiamo una pianta o beviamo del tè? No, perché occorre un processo farmaceutico, con alcuni principi alchemici essenziali. Cosa significa questo? Nella pianta vivente (e anche nella pianta essiccata) l'archetipo è diventato inefficace, poiché tutta la sua energia è stata utilizzata per costruire la sua forma. Poiché la forma è praticamente completa nella pianta cresciuta, l'archetipo ha esaurito la sua potenza essenziale ed è ora in una fase latente. Per riattivarlo l'archetipo deve essere “liberato”, ovvero staccato dal suo “imprigionamento” nella forma fisica.

Questo è l'obiettivo dei processi di produzione alchemica, noti anche come spagirici, così come di alcune procedure omeopatiche, che lavorano con la dissoluzione di una forma. L'archetipo viene così liberato dalla sua forma e può ora entrare in risonanza con il medicinale, che può essere trasmesso alla psiche di una persona durante una terapia.

Inoltre nel medicinale sono presenti, sia pur meno efficaci, i principi attivi materiali che si formano attraverso il metabolismo della pianta e che, quindi, hanno un'influenza sul metabolismo di una persona, cioè sulle sue funzioni fisiche.

Poiché né lo spirito (l'archetipo) né l'anima (il legame energetico) della pianta sono "dentro" la pianta, ma agiscono su di essa dall'esterno, una pianta non ha una coscienza come un animale o un essere umano, anche se una pianta ha delle percezioni.

C'è un vecchio detto:

Dio dorme nella pietra, respira nella pianta, sogna nell'animale e si risveglia nell'essere umano.

Come viene eseguita una terapia attraverso l'Arcanum delle erbe?

Quando certe caratteristiche di una persona non possono manifestarsi secondo la loro natura a causa di una crisi, un blocco o una costellazione nefasta e questo porta a un blocco nel flusso vitale, un processo di trasformazione può essere sostenuto attraverso una pianta che incarna esattamente queste stesse caratteristiche. Sottolineiamo la parola "sostenuto", poiché il lavoro principale in una trasformazione psicologica è sempre svolto dalla coscienza di una persona.

Vogliamo descriverlo con l'aiuto della segnatura e dell'essenza di una nota pianta medicinale.

Esempio di pianta: la verga d'oro

Segnatura

La verga d'oro (Solidago virgaurea) appartiene alla famiglia delle piante composite, la cui caratteristica sono le infiorescenze tenute insieme a cesta. Un fiore apparentemente “singolo” di una pianta composita, cioè il girasole, è costituito da piccoli petali singoli che crescono densamente sul ricettacolo e sono tenuti insieme da file di brattee verdi. Il disco fiorito marrone del girasole è formato da numerosi fiori singoli al centro e ognuno di essi genera un seme di girasole. La ghirlanda ininterrotta di “petali” gialli, che incorona il disco floreale, è formata da fiorellini di raggio. Ogni "petalo" del girasole è un singolo fiorellino di raggio.

Nella verga d'oro troviamo una rara deviazione dal layout di questa famiglia. La corona del suo capolino non è completa, mancano alcuni fiorellini di raggio. Come se qualcuno avesse strappato dei fiorellini di raggio sul bordo. In generale, tuttavia, l'infiorescenza non dà l'impressione che manchi qualcosa. I petali formano l'immagine di un insieme armonioso con un forte irradiamento, dovuto da un lato al suo radioso colore giallo oro e, dall'altro, all’intreccio dei capolini in modo che le lacune sono appena visibili.

Interpretazione

Il nostro involucro psicologico è determinato soprattutto dai nostri sentimenti. La relazione emotiva positiva con coloro che ci sono più vicini – genitori, coniugi, figli e amici – o con cui lavoriamo, forma una rete psicologica in cui siamo incorporati e che ci dà una sensazione di sicurezza. Questa rete forma e rafforza il nostro involucro psicologico. 

La psiche di una persona corrisponde ai fiori di una pianta. I fiori sono analoghi ai sentimenti e ai pensieri spontanei non ancora giunti a maturazione e diventati azioni. Allora, cosa significa che nelle corolle dei fiori della verga d'oro ci siano spazi vuoti, come se qualcuno abbia strappato alcuni fiorellini di raggio? Vi possiamo vedere l'analogia con la perdita di un'importante relazione emotiva?

Quando leggiamo la segnatura di una pianta, possiamo pensare a una regola d’oro:

Quando una certa parte di una pianta mostra una deviazione, una mancanza, un “errore”, ha sempre pronta la soluzione, poiché tutto in natura tende all'armonia, all'equilibrio, alla compensazione.

Cosa significa questo per la verga d'oro? La sua infiorescenza è così radiosa, così perfetta, che gli spazi vuoti nei singoli capolini non possono essere visti. Sembra che soprattutto attraverso gli spazi vuoti sia possibile una connessione ancora più intima dei fiori con il tutto.

Pertanto, possiamo riconoscere un'essenza in questa segnatura che dà a una persona consolazione e energia psicologica quando una relazione importante è terminata, per la morte di una persona vicina, una crisi difficile in una relazione o un divorzio, la fine di una amicizia o di un lavoro. In questi casi un medicinale che contiene verga d'oro può essere di supporto.

L'informazione, che è mostrata nella segnatura della verga d'oro, combinata nello spirito umano con l'informazione corrispondente dispiega un effetto stimolante e curativo.

Possiamo anche guardare la segnatura da un'ulteriore prospettiva, che conduce alla stessa conclusione. L'incompleto entra in relazione con gli altri esseri in un modo diverso dal completo e dall’intero.

L’intero è contenuto in se stesso ed è autonomo. L'incompleto, invece, dipende dall'integrazione dell'altro, di un partner. Tutto ciò che non è "rotondo", non perfetto, dipende dalle relazioni con gli altri. Solo attraverso la connessione con loro può svilupparsi qualcosa di completo e attuabile. Questa è la situazione reale dell'essere umano poiché la perfezione è possibile solo a livello di idee e principi, ma non nella realtà.

 

back to home pdf share