The Path towards. Shiva

Il sentiero verso la damigella maschio e lo scudiero femmina – Parte 2

back to home pdf share

(Vai a parte 1)

Addio al potere attraverso un fuoco molto speciale

Nessuno si stupirà che una struttura dialettica gerarchica non sia una solida base per l’esperienza dell'unità, della libertà e dell’amore nel loro inseparabile legame con la luce. Nell'esperienza dell'anima dei valori dell’Acquario non ci sarà spazio per nessuna gerarchia basata sul potere.

La straordinaria energia del futuro essere umano androgino dell’Acquario ha un aspetto di calore soprannaturale. È l'etere fuoco elettrico che è caratterizzato dalla forza che emana come amore impersonale.

Il confine definito dal mondo antico – per i greci era Chronos, che secondo Platone determinava la struttura del nostro cosmo, per i romani era Saturno – può essere infranto da questo calore, come una fiamma ardente di ascensione. In che modo questo calore può avere un ruolo nella manifestazione dell'essere umano androgino dell’Acquario?

Non è un caso che Jan van Ruusbroec (1293-1381), che fa riferimento a quel processo termico, abbia scelto per questo processo il nome di “geestelice bruloght” ovvero matrimonio spirituale.

Il punto centrale qui è la coscienza dell'amore ardente, il vero amore cortese.

Jan van Ruusbroec ("luce mistica del Medioevo") era un contemporaneo di Geert Grote (devozione moderna, Deventer). Van Ruusbroec ha scritto solo in olandese.

Carl Gustav Jung era attento alla cooperazione armoniosa dell'energia maschile e femminile attraverso la crescente consapevolezza del femminile inconscio, ma già nel Medioevo vediamo un aspetto dinamico necessario per la formazione dell’uomo/donna presumibilmente relativo al pre-paradiso. Anche nei secoli XV, XVI e XVII vi sono chiari segni che il fuoco è indispensabile per la sublime unità del maschile e del femminile. Michael Maier nell'Atalanta Fugiens:

Per l'ermafrodita che giace morto nell’oscurità il fuoco è indispensabile. (1618)

Nel libro della Santissima Trinità (XV secolo) vediamo due teste di uomo e di donna sotto una corona, con un solo corpo, riferimento a uno stato regale dell’essere.

Il coraggio di essere liberi

Essere oltre il confine di Chronos – qualcosa che ci richiede Urano come sovrano in Acquario – significava caos nei tempi antichi, e ora, nel ventunesimo secolo, nella transizione verso l'era dell'Acquario, richiede il coraggio di essere liberi.

Liberi dall'”arcaismo”, liberi dall'attaccamento alla gerarchia, liberi dalle assuefazioni e dalle dipendenze che ci trattengono nella certezza di una struttura rigida.

Liberi dalla tendenza all'assuefazione da cui deriviamo la sicurezza dell’esistenza.

Liberi da contratti con i potenti. Non abbracciando l'anarchia e provocando consapevolmente il caos, ma liberi vivendo del potere del fuoco della Fenice, dove la purificazione è allo stesso tempo amalgama nell'unità e nell'amore che ci sostiene.

Il caos allora si trasformerebbe in modelli elevati di ordine ultraterreno; l'anarchia si trasformerebbe in libertà nell’apertura.

Ermete e Afrodite

Il concetto di ermafrodita dall'alchimia può essere ricondotto alla fonte che è Ermete e alla elevata radiazione di Venere che rappresenta Afrodite: Ermete-Afrodite. Questa "amalgama", liberata dalla natura, è sublime. In questa alchimia il caos apparente si trasforma nel cosmo dell’esperienza sublime della bellezza.

Intendiamoci, questi sono processi interiori di ardente unificazione, non conquiste culturali!

L'uomo culturale romantico desidera l'unità con la natura, non attraverso la sua conoscenza, ma attraverso "l'immersione esperienziale in essa". Ciò che sperimenta è una dolorosa alienazione e non desidera altro che la sua eliminazione mediante la fusione con la Vita piena. Un esempio di desiderio romantico si trova in un testo di Friedrich Schleiermacher:

Giaccio nel seno del mondo infinito: sono la sua anima in questo momento, perché sento tutti i suoi poteri e la sua vita infinita come miei. Lei è il mio corpo in questo momento, perché io penetro nei suoi muscoli e nelle sue membra mentre i miei e i suoi nervi interni si muovono secondo la mia volontà. Il minimo turbamento, e il santo abbraccio scompare nel vento.[3]


Lo scrittore Oudemans [4] osserva oggi quanto segue:

In segreto, tutti i tentativi contemporanei di salvare la terra, di preservare la natura, di riciclare in modo sostenibile energia e materia o di reintrodurre specie originali, sono tutti figli di questo stesso romantico desiderio di unità.

Quindi non si tratta dell'unità con la natura da una prospettiva romantica, simile a livello individuale all'esperienza della sessualità, come già osservava Joan Grant:

Essere una sola carne non è sostenibile, non può durare.

(Gevleugelde Farao: Faraone Alato)

Questo è davvero notevole, perché al Romanticismo si attribuisce un impulso dell'Acquario, certamente dal momento in cui furono formulati i cosiddetti ideali illuministi.

Una volta che la nostra consapevolezza riconosce e accetta che l'unità con la natura non può mai essere stabile e duratura a causa delle dinamiche dialettiche di quella stessa natura, come potrebbe mai essere raggiunta l'unità in coerenza con la libertà e l'amore? E come si potrebbe realizzare lo stato di un essere umano androgino? Questa damigella maschio può davvero prendere vita in noi?

Ora è chiaro che si tratta di un processo interiore ardente. Ciò significa soprattutto che l'inizio va ricercato in noi stessi. Chi inizia a cercare quell'unità, è già nell'incontro con Dio, il che significa che lo spirito onnipresente è sempre radicato in noi. Tutto quello che dobbiamo fare è "toglierci di mezzo", per così dire. Allora il processo ardente può iniziare dentro di noi. “Toglierci di mezzo” è simile al non essere della persona dell'Acquario, apre le porte alla compassione impersonale, trasforma la spiritualità rivolta all'essere umano naturale in spiritualità universale. 

Monarchia interiore

La turbolenza del tempo presente è in parte causata dall'effetto planetario dell'aumento delle vibrazioni, ma anche dagli impulsi energetici associati all’attività dell’Acquario.

Ora è quindi un po' meno difficile per la coscienza risuonare con il triangolo sublime di unità, libertà e amore, a condizione che le barriere di paura e preoccupazione siano ridotte al minimo.

C'è un altro fattore molto importante, ed è il potere interiore. Anche un elemento “arc”, sì. Nessuna anarchia, nessuna gerarchia, nessun matriarcato, nessun arconte, ma la propria monarchia, la coppia reale interiore. Purificato dal fuoco e trasformato in oro. L'essere umano androgino coronato; la femmina scudiero.

 

Fonti:

[3] Schleiermacher, Fr.:  Religion als Anschauung und Gefühl des Universums, (La religione come percezione e sentimento dell'universo), 1799

[4] Oudemans, Th.C.W., Moeder Natuur, de plaats van de mens in de kosmos [Madre Natura, il posto degli umani nel cosmo], Ten Have, Utrecht 2020

back to home pdf share